Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Reshit Chochmah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Reshit Chochmah (in ebraico: ראשית חכמה?) è un importante libro della Cabala ebraica, nel campo del misticismo e dell'etica (Mussar), scritto nel XVI secolo dal rabbino Eliyahu de Vidas (15181592). Si basa principalmente sullo Zohar.[1] Il titolo ebraico si traduce letteralmente come “l'inizio della Sapienza”, in allusione al versetto biblico "Il timore del Signore è il principio della sapienza" (Proverbi 9:10).

Reshit Chochmah descrive un metodo di meditazione che combina la visualizzazione e permutazione delle lettere ebraiche, e intende ispirare il lettore con un senso di purezza e santità, se studiato su base regolare. Il libro presenta una combinazione di insegnamenti etici e morali nell'ambito della Cabala, mostrando un percorso al novizio che entra il mondo e la sapienza della Cabala. In stile semplice e di facile comprensione, l'opera spiega allo studente i modi di ottenere un livello più elevato di consapevolezza divina, "secondo la Volontà del Santo per il Suo benamato popolo, i Figli di Israele."[1]

Questa opera continua ad essere alquanto popolare tra gli interessati e gli studiosi di Ebraismo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lawrence Fine, Physician of the Soul, Healer of the Cosmos: Isaac Luria and His Kabbalistic Fellowship, a cura di Rodrigue Aron e Steven J Zipperstein, Stanford University Press, 2003, pp. 480, ISBN 0-8047-4826-8. URL consultato l'8 giugno 2015.
  2. ^ Reshit Chochmah, edizione (EN) trad. di Simcha Benyosef.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]