Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Azriel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Azriel ben Menahem in ebraico: עזריאל בן מנחם?, anche Azriel di Gerona (Gerona, 11601238) , uno dei più importanti cabalisti della città catalana di Gerona (al nord di Barcellona) durante il XIII secolo.

Azriel fu l'insegnante del grande cabalista Nachmanide.[1] Fu inoltre il rinomato allievo del mistico Isacco il Cieco. I suoi scritti trattavano materie riguardanti le Sefirot e includevano le sue interpretazioni mistiche della liturgia ebraica e della Haggadah. Riprese l'opera filosofica di Solomon ibn Gabirol per integrarla nelle dieci sefirot.[2]

Mentre il suo insegnante Isacco il Cieco considerava il Pensiero Divino come prima qualità soprannaturale che emanasse dall'Ein Sof (o Essere Eterno), Azriel asseriva che la Volontà Divina fosse la prima emanazione. Era quindi l'atto della volontà piuttosto che l'atto dell'intelletto la prima manifestazione dell'Essere Eterno di Dio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kaufmann Kohler & Isaac Broydé, AZRIEL (EZRA) BEN MENAHEM (BEN SOLOMON) in Jewish Encyclopedia. URL consultato il 19/02/2013 (archiviato il 16 ottobre 2006).
  2. ^ Cfr. opera in (HE) su WorldCat URL consultato 19/02/2013
Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ebraismo