Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Idra (ebraismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Idra (ebraismo)" rimanda qui. Se stai cercando altre versioni e interpretazioni, vedi Idra.
Sito tradizionale dell'Assemblea Idra Rabba, vicino a Meron (Israele)

Idra, che significa aia (luogo di trebbiatura) in aramaico, è un'opera cabalistica inclusa in alcune stampe dello Zohar e fu probabilmente scritta e inserita nel corpo principale dello Zohar in tarda data. Studiosi contemporanei credono che l'Idra risalga alla terza generazione della letteratura zoharica, che produsse anche il Tikunei haZohar, il Ra'aya Meheimna e altro materiale affine. Il corpo principale dello Zohar, o guf ha-zohar, risale alla seconda generazione del testo zoharico.[1]

In effetti esistono due testi della letteratura zoharica intitolati Idra: il primo testo è chiamato Idra Rabba (in ebraico: אדרא רבא? "Grande Assemblea"), o "Idra maggiore", e il secondo è chiamato Idra Zuta (in ebraico: אדרא זוטא? "Assemblea Minore"), o "Idra minore", uno intimamente connesso all'altro.

La storia degli Idroth è la seguente:

  • Idra Rabba (Zohar 3:127b-145a): Rabbi Shimon bar Yohai si incontra con altri nove studiosi radunandosi nel sacro אִדְרָא, o campo della trebbiatura ("Aia"), e trebbiano segreti.[2] Ciascuno degli studiosi espone varie configurazioni dei partzufim e tre di loro muoiono d'estasi.
  • Idra Zuta (Zohar 3:287b-296d): Anni dopo, al capezzale di RASHB"I, sette studiosi ancora in vita giunsero al suo letto, insieme all'intera schiera celeste. Da solo, Shimon spiega le configurazioni dei partsufim, pertanto la sua opera è più consolidata. RASHB"I vacilla tra questo mondo e l'aldilà ed esorta i suoi studenti a celebrare la sua dipartita quel giorno come un Yom Hillula (matrimonio),[3] poiché avrebbe riunito messianicamente le Luci divine immanenti e trascendenti della Creazione. L'Idra Zuta è considerato l'insegnamento più profondo dello Zohar.[4]

Nell'edizione stampata standard dello Zohar, Idra Rabba è pubblicato nella parashah Naso e Idra Zuta è pubblicata nella parashah Haazinu.[5]

Sistematizzazione lurianica dei Partzufim[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cabala lurianica e Shimon bar Yohai.

La Cabala lurianica del XVI secolo organizzò i Partzufim zoharici rimaneggiando l'intero schema cabalistico. In un'occasione, registrata da Chaim Vital, Isaac Luria radunò i suoi studenti nella località tradizionale dell'Assemblea Idra Rabba vicino a Meron (Israele), situando ciscuno di loro nel luogo designato dalle rispettive reincarnazioni dei discepoli di RASHB"I (Shimon bar Yohai). Facendo così, si identificò con lo stesso Shimon bar Yohai.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Jewish Encyclopedia, New York, Funk and Wagnalls, 1901–1906.

  1. ^ "Kabbalah", voce della Jewish Virtual Library, agli specifici termini.
  2. ^ Hayim Vital con Isaac Luria, Shaar ha-Gilgulim (Porte della Reincarnazione), Thirty Seven Books Publishing, Haqdamah 38, 2003, pp. 132-133: "Una volta viaggiai col mio maestro, che la sua memoria sia benedetta, giungendo in un luogo in cui i discepoli di Rabbi Shimon bar Yohai si riunivano quando studiavano l'Idra Rabba [descritta nella porzione] Naso [dello Zohar]. Colà, al lato orientale della strada c'è una grotta (lett. "grande roccia") in cui ci sono due grandi aperture. Nell'apertura dell'estremità settentrionale si trovava il luogo dove Rabbi Shimon bar Yohai, che riposi in pace, si siedeva in occasione dell'Idra."
  3. ^ Zohar 3:291a
  4. ^ Yitzchak Ginsburgh, Rectifying the State of Israel: A Political Platform Based on Kabbalah, Gal Einai, 2002, p. 136.
  5. ^ "ZOHAR (called also in the earlier literature Midrash ha-Zohar and Midrash de-Rabbi Shim'on ben Yoḥai)", voce della Jewish Encyclopedia, ai termini specifici.
  6. ^ Lawrence Fine, Physician of the Soul, Healer of the Cosmos: Isaac Luria and His Kabbalistic Fellowship, Stanford University Press, 2003, p. 300.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]