Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Eleazar ben Azariah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tomba di Eleazar ben Azariah in Galilea, Israele

Eleazar ben Azariah (in ebraico: אלעזר בן עזריה?) (Palestina, II secolo – ...) saggio rabbino ebreo Tanna vissuto in Giudea nel I secolo ev.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Fu della seconda generazione di Tannaim e un coetaneo minore di Gamaliel II, Eliezer ben Hyrcanus, e Joshua ben Hananiah, e coetaneo maggiore di Rabbi Akiva.[1][2] Fu un kohen e della discendenza di Esdra[3][4] e fu molto ricco.[5][6] Tali circostanze, insieme alla sua erudizione, lo resero alquanto popolare.

In compagnia dei tre rabbini Gamaliele, Joshua e Akiva, andò a Roma[7][8]. Non se ne conosce il motivo né il risultato, ma che fossero affari importanti si capisce dalla stagione in cui si misero in viaggio: celebrarono il Sukkot a bordo della nave che li portava a Roma.[9][10]. Un'altra volta, con gli stessi compagni di viaggio, Eleazar andò a visitare le rovine del Tempio di Gerusalemme[11] Visitando l'anziano Dosa ben Harkinas, questo esclamò gioiosamente, "Vedo in lui la realizzazione del detto biblico[12]: «Io sono stato giovane e son anche divenuto vecchio, ma non ho visto il giusto abbandonato, né la sua progenie accattare il pane»"[13][14] col quale probabilmente alludeva alla grande erudizione e proverbiale ricchezza di Eleazar, che aveva ammassato col commercio del vino, dell'olio[15][16] e del bestiame.[17][18] Generazioni successive ebbero a credere che sognare di Eleazar ben Azariah presagisse il sopraggiungere di ricchezze.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sifre al passo 32
  2. ^ Sanhedrin 101a
  3. ^ Berakhot 27b
  4. ^ Yebamot (solo Talmud di Gerusalemme) 1:3b
  5. ^ Shabbat 54b
  6. ^ Beitzah 23a, cfr. Kiddushin 49b
  7. ^ Kallah Rabbati 7
  8. ^ Derekh Eretz Rabbah 5
  9. ^ Sifra, Emor:16:2
  10. ^ Sukkah 41b
  11. ^ Sifre al passo Deuteronomio.
  12. ^ 37:25
  13. ^ Yebamot 16a
  14. ^ Yebamot (solo Talmud di Gerusalemme) 1:3a+
  15. ^ Abodah Zarah (Tosefta), 5:1
  16. ^ Baba Batra 91a
  17. ^ Shabbat 54b
  18. ^ Beitzah 23a

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Questa voce incorpora informazioni estratte da una pubblicazione ora nel dominio pubblico: Jewish Encyclopedia (1901–1906) - che contiene la seguente bibliografia (EN) :

  • Bacher, Ag. Tan. I. 219 et seq.;
  • Brüll, Mebo ha-Mishnah, I. 88 et seq.;
  • Frankel, Darke ha-Mishnah, pp. 91 et seq.;
  • Grätz, Gesch. 2d ed., IV. 37 et seq.;
  • Hamburger, R. B. T. ii. 156 et seq.;
  • Heilprin, Seder ha-Dorot, II, s.v.;
  • Weiss, Dor, II. 94 et seq.;
  • Zacuto, Yuḥasin, ed. Filipowski, pp. 39b et seq.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]