Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Akabia ben Mahalalel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Akabia ben Mahalalel (in ebraico: עקביא בן מהללאל?) (Galilea, ... – ...) era un saggio ebreo Tanna, probabilmente di seconda generazione tannaitica (I e II secolo).

Non si conosce molto della sua vita; non ci sono riferimenti a suoi insegnanti e rimangono preservati pochi dei suoi detti.[1][2][3][4][5][6] La Mishnah lo ritrae come uno studioso che persistentemente e senza timore manteneva le sue opinioni su certi halakhot (pronunciamenti), anche quando i suoi colleghi sostenevano differenti tradizioni, perché tali opinioni erano fondate su tradizioni pervenutegli dai suoi predecessori. In un'occasione la maggioranza gli chiese di rinunciare a certe sue interpretazioni, ma lui rifiutò. Gli promisero persino che, se avesse consentito a seguire la maggioranza, lo avrebbero onorato con la nomina a Av Beit Din (presidente del tribunale), ma Akabia rifiutò l'offerta, affermando, "Preferisco esser chiamato uno sciocco per tutta la vita, piuttosto che essere un peccatore per un attimo." Tradizionalmente, la sua tomba si trova a Kfar Manda, nella Bassa Galilea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mishnah Eduyot 5:6
  2. ^ Mishnah Eduyot 5:7
  3. ^ Mishnah Bekhorot 3:4
  4. ^ Mishnah Niddah 2:6
  5. ^ Mishnah Nega'im 1:4
  6. ^ Mishnah Nega'im 5:3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Questa voce incorpora informazioni estratte dalla Jewish Encyclopedia (1901-1906), ora di pubblico dominio. Le seguenti fonti secondarie sono ivi citate:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]