Rawadidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Rawadidi o Ravadidi (anche Revendi) o Banu Rawādi (in arabo: بنو روَّاد‎) (955–1071) sono stati una dinastia curda musulmana sunnita[1][2][3][4] centrata nella regione nord-occidentale dell'Azerbaigian tra la fine dell'VIII e l'inizio del XIII secolo.[4] Originariamente di origine araba Azdi,[5] i Rawadidi governarono Tabriz e l'Azerbaigian nord-orientale tra la fine dell'VIII e l'inizio del IX secolo.[4] La famiglia divenne curdizzata all'inizio del X secolo e si concentrò su Tabriz e Maragha.[6] Nella seconda metà del X e in gran parte dell'XI secolo, questi discendenti curdi controllavano gran parte dell'Azerbaigian e parti dell'Armenia.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine della dinastia Rawadida era collegata al nome del capo tribù Rawwad.[7] I Rawadidi erano di origini arabe e arrivarono nella regione a metà dell'VIII secolo, ma erano diventati curdi all'inizio del X secolo e iniziarono a usare forme linguistiche curde come Mamlan per Muhammad e Ahmadil per Ahmad come nomi.[4][8][9][10] La famiglia Rawadid si trasferì in Kurdistan a metà dell'VIII secolo e nel X secolo assunse la guida dei Rawadiya, un ramo della tribù curda Hadhabani.[11] Nella seconda metà del X secolo e in gran parte dell'XI secolo, questi discendenti curdi controllavano gran parte di Azerbaigian e parti dell'Armenia.[4]

La prima forma del nome è scritta "Rewend" nello Sharafnameh. Secondo Kasravi, i Rawadidi conquistarono le terre del sovrano sallaride Ibrahim I ibn Marzuban I, nell'Azerbaigian nel 979. Abu Mansur Wahsudan (1019-1054) è stato il sovrano Rawadidi più noto, ed è menzionato da Ibn Athir. Secondo Ahmad Kasravi, sono stati conservati sessanta panegirici qasida del poeta Qatran Tabrizi (XI secolo) dedicati a Wahsudan. Dopo la rivolta degli Oghuz contro Mahmud Ghaznavi (998-1030) nel Khorasan nel 1028, circa 2.000 famiglie Oghuz fuggirono in Occidente. Wahsudan protesse e permise ad alcuni di loro di stabilirsi nel territorio dei Rawadidi.[12][13] Diede loro terre e ne fece suoi vassalli, con l'intenzione di usarli nelle guerre contro l'Impero bizantino.[14] Le regioni di Tabriz, Maragha e le fortezze del monte Sahand erano in suo possesso. Nel 1029, aiutò i curdi Hadhbani a Maragha a sconfiggere le tribù turche degli Oghuz invasori.

Secondo Ibn Athir, Wahsudan formò un'alleanza matrimoniale con il primo gruppo di turchi Oghuz che raggiunse l'Azerbaigian per agire contro i suoi nemici. Questa alleanza stimolò l'animosità del sovrano Shaddadida Abu'l-Ḥasan Laškari. Un altro gruppo di turchi arrivò in Azerbaigian nel 1037-1038. Dopo aver saccheggiato Maragha, Wahsudan e suo nipote Abu'l-Hayjā misero da parte i loro problemi e unirono le forze contro i turchi Ghuzz. I turchi furono dispersi a Rayy, Isfahan e Hamadan. Un gruppo di turchi rimase a Urmiya. Wahsudan invitò i loro capi a una cena e li massacrò nel 1040-1041.[4]

Qatran menzionato su diverse battaglie, tra Wahsudan e un gruppo di un Ghuzz, raggiunse l'Azerbaigian nel 1041-1042. Un'intensa battaglia nel deserto di Sarab portò alla sconfitta dei Rawadidi sui turchi.[4]

Dopo aver bandito gli Oghuz, Wahsudan migliorò i rapporti con gli Shaddadidi e si recò di persona a Ganja, centro degli Shaddadidi.[4]

Wahsudan inviò anche una spedizione ad Ardabil sotto il comando di suo figlio Mamlan II. Il sovrano (sipahbod) di Moghan dovette sottomettersi al conquistatore. Mamlan costruì anche una fortezza ad Ardabil.[15]

Un devastante terremoto, nel 1042-1043, distrusse gran parte di Tabriz, le sue mura, le case, i mercati e gran parte del palazzo dei Rawadidi. Sebbene Ibn al-'Asir abbia detto che a Tabriz morirono 50.000 persone, Nasir Khosrow, che passò per Tabriz quattro anni dopo, diede il numero di 40.000 morti e affermò che la città stava prosperando ai tempi della sua visita. Lo stesso Wahsudan si salvò perché si trovava in un giardino fuori città.[16]

Tughril conquistò il principato nel 1054, sconfisse il principe di Tabriz Wahsudan ibn Mamlan e catturò suo figlio Abu Nasr Mamlan.[17] Nel 1071, quando Alp Arslan tornò dalla sua campagna contro l'impero bizantino, depose Mamlan.[4] Il successore di Wahsudan, Ahmad bin Wahsudan, signore di Maragha, prese parte alla campagna di Muhammad Malik Shah contro la Siria nel 1110.[18] Il suo titolo completo era Ahmadil bin Ibrahim bin Wahsudan al-Rawwadi al-Kurdi.[19] Ahmadil combatté di nuovo i crociati durante la prima crociata. Joscelin fece un trattato di pace con lui durante l'assedio di Tell Bashir (nell'attuale Turchia meridionale, a sud-est di Gaziantep). Fu pugnalato a morte dagli ismailiti nel 1117 a Baghdad. I suoi discendenti continuarono a governare Maragha e Tabriz come Atabakane Maragha fino all'invasione mongola nel 1227.[20][21]

Regnanti Rawadidi[modifica | modifica wikitesto]

  1. Muhammad ibn Husayn al-Rawadi (? – c. 953?)
  2. Abu'l-Hayja Husayn I (955–988)
  3. Abu'l-Hayja Mamlan I (988-1000)
  4. Abu Nasr Husayn II (1000-1025)
  5. Abu Mansur Wahsudan (1025–1058/9)
  6. Abu Nasr Mamlan II (1058/9-1070)
  7. Ahmadil ibn Ibrahim ibn Wahsudan (a Maragha) (c.1100-1116)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Misbah Islam, Decline of Muslim States and Societies, Xlibris Corporation, 2008, ISBN 978-1-4363-1012-3, sf. 423. Archiviato il 2 ottobre 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Ian Richard Netto, Encyclopaedia of Islam "Ci fu una successione di dinastie curde come ... Rawadidi di Tabriz e Azerbaigian" Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  3. ^ "The Prophet and the Age of the Caliphates: The Islamic Near East from the ... - Hugh Kennedy - Google Books", su books.google.de.
  4. ^ a b c d e f g h i j Peacock, 2017.
  5. ^ The Encyclopaedia of Islam: MAH-MID
  6. ^ V. Minorsky, A Mongol Decree of 720/1320 to the Family of Shaykh Zahid, Bulletin of the School of Oriental and African Studies, University of London, 1954, p. 524
  7. ^ (EN) C. E. Bosworth, Rawwādids, in Encyclopaedia of Islam, Second Edition, 24 aprile 2012.
  8. ^ Bosworth, 1996, p. 150.
  9. ^ W.B. Fisher et al., The Cambridge History of Iran, 778 pp., Cambridge University Press, 1968, ISBN 9780521069366 (p.32)
  10. ^ Bosworth, 1995, p. 469.
  11. ^ Massoume Price, Iran's Diverse Peoples: A Reference Sourcebook, ABC-CLIO, 2005, ISBN 9781576079935, p. 43.
  12. ^ V. Minorsky, A Mongol Decree of 720/1320 to the Family of Shaykh Zāhid, in Bulletin of the School of Oriental and African Studies, vol. 16, n. 3, Cambridge University Press, 1954, pp. 524.
  13. ^ Bosworth (a cura di), The Encyclopaedia of Islam, vol. 6, Brill, 1991, ISBN 9789004081123.
  14. ^ V. Minorsky, Studies in Caucasian History, in Journal of the Royal Asiatic Society, Taylor's Foreign Press, 1953.
  15. ^ V. Minorsky, A Mongol Decree of 720/1320 to the Family of Shaykh Zahid, Bulletin of the School of Oriental and African Studies, University of London, 1954, p. 524
  16. ^ Bayne Fisher (a cura di), The Cambridge History of Iran, Том 4, Cambridge University Press, 1975, ISBN 9780521069359.
  17. ^ P. Blaum, Diplomacy gone to seed: a history of Byzantine foreign relations, 1047-57 A.D., International Journal of Kurdish Studies, Jan. 2005, p. 15
  18. ^ (EN) Houtsma (a cura di), Kurds and Kurdistan, in Encyclopaedia of Islam, vol. 4, 1st, Brill Publishers, 1913–1936, ISBN 9004097902, OCLC 258059134. (vedi sotto Turkish Conquest)
  19. ^ The Supreme Muslim Council: Islam Under the British Mandate for Palestine by Uri M. Kupferschmid
  20. ^ P. Bearman, Th. Bianquis, C.E. Bosworth, E. van Donzel, W.P. Heinrichs (editors), Encyclopaedia of Islam (Seconda edizione), "Marāg̲h̲a", Brill Online.
  21. ^ Minorsky, La Domination des Dailamites, presented in a Conference of the Societé des Etudes Iraniennes, Paris, 28 May 1931. Vedi anche Minorsky, Daylam in the Encyclopaedia of Islam, 1962, pp. 189–94

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. Rawadidi, Enciclopedia dell'Islam.
  2. Una cronologia della storia politica mondiale (801 - 1000 (vedi Rawadidi)
  3. Elenco dei governanti Rawadidi
Controllo di autoritàVIAF (EN15150516492003440263 · GND (DE1139396722