Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sagidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sagidi
Dati amministrativi
Nome completo Emirato sagide
Nome ufficiale ساجیان
Lingue ufficiali Farsi
Lingue parlate Farsi
Capitale sconosciuta
Dipendente da Califfato abbaside
Dipendenze Vassallaggio
Politica
Forma di Stato Emirato
Forma di governo autocratico
Nascita 889/890 con Abū ʿUbayd Allāh Muḥammad ibn Abī l-Sāj Dēvdād (alias Abu l-Musāfir Muḥammad)
Causa Nomina califfale a Wālī d'Azerbayjan
Fine settembre 929 con Abu l-Musāfir al-Fatḥ b. Muḥammad Afshīn
Territorio e popolazione
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Religione di Stato Islam
Sagidi - Mappa
Mappa dei domini sagidi (in verde)
Ora parte di Azerbaigian persiano

La dinastia dei Sagidi (persiano: ساجیان‎, Sājiyān) è stata una dinastia islamica che ha governato l'attuale Azerbaijan persiano dall'889-890 fino al 929. I Sagidi hanno retto l'Azerbaigian e l'Armenia dapprima da Maragha e da Bardaʿ e poi da Ardabil.[1] I Sagidi erano originari della provincia centro-asiatica dell'Ushrusana ad erano Persiani di origine sogdiana[2] [3] [4]

Muḥammad ibn Abī l-Sāj Dēvdād, il primo governante sagide d'Azerbaigian, fu nominato per la sua carica nell'889 o nell'890. Il padre di Muḥammad, Abū l-Sāj Dēvdād aveva combattuto sotto il principe dell'Ushrusana Afshin Khaydar durante l'ultima campagna militare intrapresa da questi contro il ribelle Babak Khorramdin in Azerbaigian, e più tardi aveva servito sotto i Califfi abbasidi. Verso la fine del IX secolo, quando l'autorità centrale del califfato era nuovamente tornata a indebolirsi, Muḥammad fu in grado di creare uno Stato virtualmente indipendente. Molte delle energie dei Sajidi furono dissipate nel tentativo di prendere il controllo de confinante Regno d'Armenia. La dinastia ebbe termine con la morte di Abu l-Musāfir al-Fatḥ nel 929.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Iranicaonline.org AZERBAIJAN iv. Islamic History to 1941
  2. ^ Clifford Edmund Bosworth, The New Islamic Dynasties: A Chronological and Genealogical Manual, Columbia University, 1996, p. 147: "The Sajids were a line of caliphal governors in north-western persia, the family of a commander in the 'Abbasid service of Soghdian descent which became culturally Arabised."
  3. ^ V. Minorsky, Studies in Caucasian history, Cambridge University Press, 1957, p. 111
  4. ^ C. E. Bosworth, «AZERBAIJAN iv. Islamic History to 1941» in Encyclopaedia Iranica. [1](accessed novembre 2010): "In ca. 279/892 the caliph Moʿtażed appointed one of his generals, Moḥammad b. Abi'l-Sāj, an Iranian from Central Asia, as governor of Azerbaijan and Armenia, and the family of the Sajids "

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Charles Defrémery, "Mémoire sur la famille des Sadjides", su: Journal Asiatique, IV serie, IX (1847), pp. 409-416; X (1847), pp. 396-436.
  • Wilferd Madelung, "Minor Dynasties of Northern Iran", The Cambridge History of Iran, Volume 4: The Period From the Arab Invasion to the Saljuqs, R. N. Frye (ed.), New York, Cambridge University Press, 1975.
  • Clifford Edmund Bosworth, The New Islamic Dynasties: A Chronological and Genealogical Manual, Columbia University, 1996.
  • V. Minorsky, Studies in Caucasian history, Cambridge University Press, 1957.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]