Progetto di attentati su linee aeree transatlantiche del 2006

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La polizia sulla scenda del crimine di in uno dei raid compiuti a Forest Road, Walthamstow, Londra.

Il progetto di attentati su linee aeree transatlantiche del 2006 è un presunto piano terroristico finalizzato alla detonazione di esplosivi liquidi collocati su diverse linee aeree le cui rotte collegavano, Regno Unito, Stati Uniti e Canada.[1] Il progetto fu scoperto dalla polizia britannica: subito dopo la fine delle indagini, furono emanate misure di sicurezza più restrittive, che, per le linee aeree, causarono gravi disagi.

Le restrizioni vennero, in seguito, gradualmente ridotte nelle settimane successive, tuttavia le possibilità dei passeggeri di trasportare liquidi sugli aerei di linea rimane tuttora limitata.

Dei circa 24 sospetti arrestati nei dintorni di Londra la notte del 9 agosto 2006, undici, il 21 agosto, sono stati accusati di atti terroristici, due, il 25 agosto, e successivamente scarcerati il 1º novembre, e altri tre, il 30 agosto.

Alla fine, solo 8 uomini furono ritenuti coinvolti nel complotto: Abd Allah Ahmad Ali, Asad Sarwar, Tanvir Husayn, Ibrahim Savant, 27 anni, di Stoke Newington, Arafat Wahid Khan, 27 anni, di Londra, Wahid Zaman, 24 anni, di Walthamstow, Umar Islam, 30 anni, di Plaistow, Mohammed Gulzar, 27 anni, di Barking, East London. Le prove furono rese pubbliche nell'aprile del 2008.

L'8 settembre 2008, la giuria, dopo più di 50 ore di camera di consiglio, non giunse a un accordo sulle accuse di cospirazione, ma fu concorde nel ritenere tre imputati, colpevoli del reato di omicidio volontario. Nel settembre del 2009, un secondo processo condotto contro solo otto imputati[2] giudicà Ali, Sarwar e Hussain, colpevoli di complotto.[3]

Sorveglianze ed arresti[modifica | modifica wikitesto]

Sorveglianza[modifica | modifica wikitesto]

La polizia sospettava che in Pakistan, un uomo di origine britannica, chiamato Rashid Rauf abbia iniziato a progettare una serie di atti terroristici[4] E quando Ahmad Ali, in quel momento sotto sorveglianza da parte della polizia, nel giugno 2006 ritorna dal Pakistan, gli investigatori di nascosto aprono il suo bagaglio, e all'interno trovarono una strana polvere e un gran numero di batterie. Ciò risultò sufficiente a sollevare sospetti, per cui nelle seguenti settimane, la polizia britannica fu impegnata in una delle più importanti operazioni di sorveglianza che richiese l'impiego di 220 funzionari provenienti da altri settori.

Ad High Wycombe, Asad Sarwar fu avvistato mentre acquistava oggetti palesemente incompatibili con le sue necessità quotidiane, ma soprattutto il cui uso avrebbe potuto essere potenzialmente pericoloso, se non addirittura mortale.
In quella stessa occasione, la sorveglianza ufficiale lo vide versare acqua ossigenata in alcune bottiglie vuote presso un centro di riciclaggio. Sarwar e Ahmad Ali insieme, furono osservati in un parco di Londra Est, in un atteggiamento che fece sospettare uno stratagemma atto a vanificare un'eventuale sorveglianza. Quando l'MI5 fece segretamente irruzione in un appartamento utilizzato da Ahmad Ali, il livello di allarme venne elevato, dal momento in cui l'appartamento sembrava essere stato trasformato in una possibile fabbrica di bombe. Lasciarono ben nascosta una microtelecamera e un microfono, e il 3 agosto 2006, Ahmad Ali Husayn e Tanvir furono osservati mentre inserivano materiale esplosivo all'interno di bottiglie. Ufficiali di sorveglianza videro Ahmad Ali trascorrere due ore in un internet cafè alla ricerca orari di volo.[5]

Arresti[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 agosto 2006, la polizia britannica arresta 25 sospetti. A 19 degli indagati furono bloccati i conti correnti, e diciassette furono successivamente accusati di cospirazione per omicidi legati ad atti di terrorismo e divulgazione di materiale per realizzare atti di terrorismo. Otto dei sospettati furono rilasciati senza imputazioni. Un altro indagato venne arrestato in Pakistan con accuse connesse al presunto complotto.

La polizia ha affermato che gli imputati erano stati tenuti sotto osservazione per mesi, affermando che l'indagine aveva raggiunto un punto critico il 9 agosto 2006, nel momento in cui fu presa la decisione di adottare contromisure urgenti in considerazione dell'imminente esecuzione del complotto.[6] Secondo fonti del governo statunitense, un agente britannico si era infiltrato nel gruppo.[7] Secondo Franco Frattini, Commissario europeo della Giustizia, Libertà e Sicurezza, il complottatore aveva ricevuto il breve messaggio di 'via libera'."[8]

Gli arresti sono stati effettuati a Londra, Birmingham e a High Wycombe, Buckinghamshire in una operazione condotta durante la notte. Due degli arresti sono stati effettuati nella zona di Birmingham e cinque ad High Wycombe.[9] I principali sospetti erano segnalati come musulmani nati in Gran Bretagna, alcuni di origine pakistana.[10][11][12] Tre dei sospetti si erano recentemente convertiti all'Islam.[13]

In una conferenza stampa, il Segretario Generale del Regno Unito, John Reid ha dichiarato che a suo avviso i principali indagati nel complotto erano già in carcere, ma non sono da escludere ulteriori arresti.[14] La Polizia britannica ha affermato di essere alla ricerca di altre due persone sospettate e collegate all'inchiesta.[15] Il DHS[16] ritiene che nel complotto potrebbero essere coinvolte fino a 50 persone.[17]

Paul Beaver, un cittadino britannico esperto di terrorismo, ha affermato che probabilmente dietro il complotto vi sia un militante islamico dell'organizzazione 27, di Barking, East London.[18] Il segretario dei DHS, Chertoff ha dichiarato che il complotto era in uno stato di "chiusura della fase di esecuzione", e che esso era "un suggestivo progetto di al-Qaeda".[19] Non era chiaro dai comunicati stampa, quando questi attacchi avrebbero avuto inizio, e il New York Times ha riferito che erano in una fase più precoce di quanto inizialmente dichiarato dalle autorità.[8]

Il 28 agosto 2006, il New York Times ha riferito che vennero recuperati sette nastri deliranti incisi da sedicenti "martiri" islamici,[8] recupero che venne confermato nei processi e nel corso dei successivi dibattimenti.

Le autorità britanniche hanno effettuato un totale di 69 perquisizioni in residenze, in imprese, nei veicoli e in spazi aperti, dove presumibilmente si ipotizzava la disponibilità all'acquisto di attrezzature per fabbricare bombe e prodotti chimici, come il perossido di idrogeno, come ha dichiarato il Vice Assistente del Commissario Peter Clarke il 21 agosto 2006 : "Oltre alla attrezzature per fabbricare bombe, abbiamo recuperato più di 400 computer, 200 telefoni cellulari e 8000 voci di supporti di memorizzazione rimovibili come memory stick, CD e DVD. Finora, solo dai computer, abbiamo rimosso 6.000 gigabyte di dati. Ci vorranno "diversi mesi" perché gli investigatori gli analizzassero tutti."[20] La polizia afferma di aver trovato un elenco dei voli su una memory stick appartenente ad Ali in seguito al suo arresto. Sulla memory stick erano presumibilmente elencati i voli di linea da tre vettori - America Airlines, United Airlines e Air Canada.

Esplosivi liquidi[modifica | modifica wikitesto]

Il piano prevedeva di utilizzare esplosivi liquidi,[12] contenuti, secondo il New York Times nelle bottiglie di Lucozade.[8] Il progetto infine prevedeva di lasciare la parte superiore della bottiglia sigillata e riempita con la bevanda originale, ma aggiungere un falso fondo contenente un liquido o gel esplosivo dalla tinta rossa corrispondesse al colore della bevanda sportiva situato sul tappo del contenitore.[21]

Come base per gli esplosivi il complotto prevedeva di utilizzare dei composti perossidi.[22][23] Le autorità degli Stati Uniti, l'FBI e il Department of Homeland Security, nomina due liquidi esplosivi a base di perossido : perossido di acetone (TATP) e hexamethylene triperoxide diammina (HMTD). Questi esplosivi liquidi "sono sensibili al calore, agli urti, e all'attrito, e possono essere avviati semplicemente con il fuoco o con la carica elettrica, e può anche essere usato per produrre improvvisati detonatori".[24][25] Secondo il Guardian, fonti di polizia hanno confermato che il progetto avrebbe previsto l'utilizzo di TATP.[26] Mentre secondo il New York Times, il piano prevedeva l'utilizzo di HMTD.[8]

Durante il processo ai cospiratori le carte processuali indicavano che ogni presunto bombardiere avrebbe avuto a disposizione bordo dell'aereo tutti gli "ingredienti necessari e le attrezzature per creare le bombe". Pertanto essi avrebbero dovuto costruire in volo, e nel corso del viaggio i dispositivi e farli detonare. La presunta bomba sarebbe stata contenuta in bottiglie di plastica da 500 ml di bibite analcoliche di marca Oasis e, come abbiamo prima accennato, di Lucozade. In un altro caso si sarebbe dovuto utilizzare la bottiglia di una bevanda zuccherata in polvere, la Tang, mescolata con perossido di idrogeno, largamente diffuso come schiarente per capelli, e di altri materiali organici. Il perossido di idrogeno e gli altri ingredienti possono diventare esplosivi se mescolati ad una specifica sostanza. La miscela potrebbe essere iniettata in una bottiglia tramite una siringa. Il tappo della bottiglia non sarebbe stato rimosso e il buco sarebbe stato richiuso.

Una seconda sostanza ad alta capacità detonante, avrebbe dovuto essere nascosta all'interno di una batteria di tipo stilo AA per attivare una piccola carica richiesta per far detonare le bombe principali. La ricarica sarebbe detonata tramite un collegamento tra la bottiglia di esplosivo ad una lampada e una macchina fotografica usa e getta. La ricarica dal flash della fotocamera sarebbe stata sufficiente a innescare l'esplosione.[27]

I voli sotto il mirino[modifica | modifica wikitesto]

I pubblici ministeri hanno affermato che gli indagati hanno parlato della presenza di 18 attentatori suicidi i quali avevano preso di mira le seguenti località : Denver, Boston, e Miami.[28]

  • United Airlines Volo 931 per San Francisco in partenza alle 14:15
  • Air Canada Volo 849 per Toronto/Pearson[28] in partenza alle 15:00[29]
  • Air Canada Volo 865 per Montreal/Trudeau[28] in partenza alle 15:15[29]
  • United Airlines Volo 959 to Chicago/O'Hare in partenza alle 15:40
  • United Airlines Volo 925 to Washington/Dulles in partenza alle 16:20
  • American Airlines Volo 131 to New York/JFK in partenza alle 16:35
  • American Airlines Volo 91 to Chicago/O'Hare in partenza alle 16:50

Nel corso del dibattimento processuale il magistrato incaricato del processo ha evidenziato che gli indagati avevano preso di mira altri voli, in questo contesto non elencati.

Disaccordo tra USA e GB su quando effettuare gli arresti[modifica | modifica wikitesto]

La NBC News ha riferito l'esistenza di un disaccordo tra Stati Uniti e Gran Bretagna, sui tempi per effettuare gli arresti. Secondo la ABC News, un alto funzionario britannico ha sostenuto che un attacco non fosse imminente, rilevando che i gli individui sospettati, non avevano ancora acquistato biglietti aerei, ed alcuni non avevano nemmeno i passaporti. Sempre lo stesso funzionario ha esortato che l'inchiesta potesse continuare a raccogliere ulteriori elementi di prova. La relazione ha rilevato che tale dichiarazione in contraddizione con altre dichiarazioni da parte di altri funzionari britannici, precedentemente riportate alla stampa.

La stessa fonte ha confermato anche alla NBC News che gli Stati Uniti avevano minacciato di utilizzare una extraordinary rendition sui sospettati, con, primo in lista, Rashid Rauf , in quel periodo in Pakistan, o fare pressione sul governo pakistano per arrestarlo. Secondo la stessa relazione, un ufficiale degli Stati Uniti ha riconosciuto questo disaccordo sui tempi di arresto, secondo il quale un funzionario britannico riteneva che un attacco terroristico non era imminente. Tuttavia, Frances Townsend, Assistente del Presidente della Homeland Security, ha negato la presenza di una relazione sulla controversia: "Non c'è mai stato alcun disaccordo tra funzionari statunitensi e inglesi".[30]

Il ruolo del Pakistan nel complotto[modifica | modifica wikitesto]

Il Pakistan ha approvato il tentativo di fermare il piano prima della sua esecuzione. Tuttavia, dopo le notizie si è messo in dubbio l'impegno di questa nazione nella Guerra contro il Terrorismo.

Altre notizie di stampa affermavano che i presunti attentatori sono stati finanziati da organizzazioni di beneficenza destinate ad aiutare le vittime del terremoto nel subcontinente indiano dell'8 ottobre 2005.[31] L'FBI e Scotland Yard stanno indagando su collegamenti con i terroristi del Kashmir.[32] Il Pakistan e la stampa internazionale hanno inoltre riferito che Rashid Rauf, personaggio chiave nel complotto, aveva legami con Jaish-e-Mohammed, un gruppo terroristico del Kashmir.[33] Le relazioni dei media affermano che il gruppo ha stretti legami familiari con Maulana Massud Azhar,[34] uno dei criminali più ricercati in India.

In Pakistan, le autorità hanno continuato a interrogare Rashid Rauf, un britannico di discendenze pakistane, sul suo presunto ruolo fondamentale nel progetto. Il Ministro degli Interni pachistano Aftab Khan Sherpao ha riferito alla polizia britannica che sì, ci sono state svolgimenti di indagini in Pakistan, ma non coinvolgevano negli interrogatori lo stesso Rauf.[20] L'ufficio stranieri del Regno Unito sta cercando di ottenere l'estradizione dal Pakistan per Rashid Rauf, richiesta che è stata accettata dal Pakistan.[35]

A metà dicembre del 2006, un giudice pakistano ritira per mancanza di prove le accuse di terrorismo contro Rauf. Il suo caso venne trasferito da un tribunale specializzato in terrorismo, ad un regolare tribunale .[36]

La reazione politica[modifica | modifica wikitesto]

Prima degli arresti, le autorità investigative riferirono sia a membri del governo inglese e che del governo americano, prima al Primo Ministro del Regno Unito Tony Blair, che ne era a conoscenza da mesi, e allertando il Presidente degli Stati Uniti George Bush per l'inchiesta del 6 agosto 2006.[37]

Il 9 agosto 2006, qualche ora prima degli arresti, l'allora Segretario di Stato John Reid tenne un importante discorso al Demos (un think tank britannico) accennando a un nuovo ciclo di leggi antiterrorismo, sostenendo che il paese è stato di fronte a "probabilmente al più grave periodo di insicurezza dalla fine della seconda guerra mondiale".[38] Il giorno seguente lo stesso Reid ha ritrattato le sue dichiarazioni, insieme a Douglas Alexander, il Segretario dei trasporti.[39]

Annunci pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 agosto 2006, il Vice Commissario della Metropolitan Police, Paul Stephenson, ha dichiarato che un piano che mirava a distruggere il maggior numero di aerei in volo dal Regno Unito verso gli Stati Uniti, utilizzando esplosivi portati a bordo in bagagli sospetti, è stato stroncato sul nascere.[12] I media hanno riferito che gli obiettivi programmati includevano i voli dell'American Airlines, della British Airways, della Continental Airlines, e della United Airlines, a partire dagli aeroporti di Heathrow e Gatwick, agli aeroporti di Chicago, Los Angeles, Miami, Orlando, Boston, Newark, New York, San Francisco, Cleveland e Washington DC,[40] ed infine anche i voli della Air Canada con destinazione verso Montreal e Toronto. Il corrispondente della sicurezza della BBC Gordon Corera ha confermato che il complotto consisteva in una serie di attacchi simultanei, tre aerei per volta.[12] I diversi rapporti di intelligence variano per quanto riguarda il numero di aerei coinvolti, che vanno da tre a dodici.[41][42] In un comunicato stampa, il Segretario Generale della Homeland Security negli Stati Uniti, Michael Chertoff, ha dichiarato: "sono stati maggiormente presi di mira aerei commerciali".[43] Alcune relazioni affermano che gli attentati erano previsti per il 16 agosto 2006, ma non vi sono prove certe al riguardo.[15][44] Funzionari britannici hanno dichiarato che la stima di dieci aerei potenzialmente coinvolti nell'attentato, era "speculativa ed esagerata".[8]

Negli Stati Uniti, l'annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa congiunta con il capo della Department of Homeland Security Michael Chertoff, l'Attorney General, Alberto Gonzales, e il Direttore dell'FBI Robert Mueller. Chertoff ha rifiutato di essere intervistato su questioni circa la progettazione dei dispositivi e su quante bombe fossero state effettivamente costruite.[45]

Lo stesso giorno, il Presidente George Bush ha commentato all'arrivo nel Wisconsin: "I recenti arresti sono un segnale forte che questa nazione è in guerra contro i fascisti islamici, e userà qualsiasi mezzo per distruggere coloro che non amano la libertà".[46]

Responsi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 12 agosto 2006, gruppi di musulmani britannici hanno inviato una lettera aperta al Primo Ministro, affermando che "l'attuale politica del governo britannico rischia di esporre i civili ad un maggior rischio, sia nel Regno Unito che all'estero".[47] Sia molti di questi gruppi, che rappresentanti del governo del Regno Unito[48] hanno suggerito che, tra gli altri fattori, la strategia di politica estera del Regno Unito in luoghi come la Palestina, il Libano, l'Afghanistan e l'Iraq, siano in larga misura responsabili dell'aumento e della radicalizzazione dei giovani musulmani, promuovendo così la possibilità di azioni come gli Attentati del 7 luglio 2005 a Londra. La lettera afferma anche "attaccare i civili non è mai giustificato", e incoraggia il Regno Unito a riesaminare la sua politica estera, al fine di mantenere la sicurezza delle persone, sia nel Regno Unito e all'estero. Nelle interviste con la BBC, John Reid ha descritto la lettera come "un terribile errore di valutazione", e l'ex Capo dei Conservatori Michael Howard lo ha descritto come "una forma di ricatto".[49]
  • Il Primo Ministro britannico Tony Blair, pur essendo in vacanza, nel corso di questi eventi, decise di non rientrare in Gran Bretagna. Blair era al corrente del raid di prima della sua diffusione al pubblico, e si è tenuto in costante contatto con i funzionari. Inoltre ha informato sul complotto e sul raid della notte anche il Presidente George W. Bush.[50]
  • Il Vice Primo Ministro inglese, John Prescott, ha elogiato il modo in cui il Regno Unito ha reagito a ciò che ha definito "uno sforzo straordinario durato 36 ore... per proteggere questo paese". Ha inoltre espresso il suo "profondo apprezzamento" per la "reale dedizione" mostrata dai servizi di sicurezza, dalla polizia, dal personale dei trasporti e dal personale delle compagnie aeree, ed ha infine apprezzato il comportamento, sia il Segretario Generale John Reid che il Segretario ai Trasporti, Douglas Alexander. Prescott ha aggiunto che il pubblico britannico aveva agito "con calma, con sensibilità e grande pazienza".[51]

Responsi scettici verso gli arresti[modifica | modifica wikitesto]

Diversi commentatori, oltre alle accuse, hanno espresso scetticismo.[52][53][54] Come motivazioni ai loro dubbi, molti menzionano il Forest Gate raid del 2 giugno 2006, le riprese di Jean Charles de Menezes e la guerra in Iraq, tutte basate sull'Intelligence che alla fine si è rivelata errata.[55][56] Diversi gruppi musulmani inglesi erano dubbiosi che il piano fosse stato organizzati da altri musulmani.[57]

L'ex ambasciatore britannico in Uzbekistan, Craig Murray era scettico sull'esistenza del complotto, e ha basato le sue critiche sulle ipotesi che "Nessuno dei presunti terroristi aveva realizzato una bomba. Nessuno aveva acquistato un biglietto aereo. Molti non hanno il passaporto". Inoltre ha suggerito che il presunto leader, Rashid Rauf ha inventato il complotto in quanto sottoposto a tortura.[58]

The Register ha parlato di una storia sugli aspetti pratici della produzione di TATP a bordo di un aereo da costitutivi liquidi e ha concluso che, pur teoricamente possibile, le possibilità di successo sarebbe stata estremamente bassa.[59]

Il 18 settembre, il Tenente Colonnello Nigel Wylde, un ex alto ufficiale della British Army Intelligence con esperienze di decenni di anti-terrorismo e di esplosivi, ha dichiarato che il complotto sia come una 'fiction'. Ha detto che gli esplosivi in questione non potevano forse essere stati prodotti in aereo. "Così si avvicinò con l'idea che una bomba potrebbe essere stata messa a bordo? Non di sicuro al-Qāʿida. Essa non avrebbe potuto funzionare. Bin Laden è interessato a un successo non ad una deterrenza da fallimento", ha dichiarato Wylde. Egli ha inoltre suggerito che il complotto è stata un'invenzione dei servizi di sicurezza del Regno Unito al fine di giustificare ampie nuove misure di sicurezza che rischiano di ridurre in modo permanente le libertà civili e di sospendere le sezioni del Regno Unito per i diritti umani del 1998.[60] A causa della grande presenza di prove, tra cui materiale forense, ha atteso gli uomini ad affrontare "un lungo processo di (tra) cinque e otto mesi".

Reazioni sulla sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Nelle immediate conseguenze prima degli arresti, le regole per i passeggeri sono state modificate per i voli tra gli Stati Uniti e il Regno Unito per cui tutti i liquidi sono vietati (a parte il latte per neonati), incluse le bevande, gel per capelli, dentifricio, rossetto, la protezione solare, e lozioni per le mani, a causa del sospetto che i liquidi sono stati progettati per essere utilizzati negli attentati. Dal momento che i passeggeri possono acquistare bevande dopo aver superato l'aeroporto di controllo regolari, sono stati attuati dei cancelli di controllo anche in molti aeroporti americani, come Boston Logan International Airport.[61] In addition, all non-essential hand luggage was banned on all flights from the UK.[62]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

A seguito al raid, il livello di allerta del terrorismo è stato sollevato da parte del Centro di analisi Comune del Terrorismo della Gran Bretagna da 'grave' a 'critico', segnalando un attacco che è stato creduto che potrebbe essere imminente, anche se questo è stato fatto solo dopo il raid.[40] Il 14 agosto 2006, il livello di minaccia è stato ridotto da 'critico' a 'grave'.[63]

Nelle immediate conseguenze del raid, il bagaglio a mano non è stato consentito ad eccezione di pochi elementi essenziali, quali documenti di viaggio e portafogli. Il bagaglio a mano è stato reintrodotto in alcuni aeroporti più piccoli il 14 agosto, ma non è stato consentito agli Aeroporti di Heathrow e Gatwick fino al 15 agosto. Le dimensioni del bagaglio sono state limitate a 45 cm x 35 cm x 16 cm, ma questa è stata aumentata a 56 cm x 45 cm x 25 centimetri il 22 settembre 2006.[64]

Nonostante abbia messo in chiaro che nel mese di agosto che le precedenti misure di sicurezza sono "rimaste", alla fine di settembre, su pressione degli operatori del settore e rappresentanti musicisti professionisti, il Governo britannico ha pubblicato le restrizioni sulle dimensioni per l'industria del trasporto aereo standard (da 56 cm x 45 cm x 25 cm) e ha permesso anche gli strumenti musicali come il bagaglio a mano.[65].

Il 6 novembre 2006, le restrizioni sono state riviste, ancora una volta, per consentire una quantità limitata di liquidi in cabina.[66]

Nel novembre 2007 il Segretario dei Trasporti Ruth Kelly ha annunciato che a partire dall'8 gennaio 2008 gli aeroporti britannici saranno in grado di consentire a più di un articolo di bagaglio a mano a bordo. Questa critica è stata seguita nel mese di ottobre da parte del Vice Segretariod dei Trasporti Theresa Villiers, la quale ha affermato che a causa delle norme restrittive, Heathrow è "rapidamente divenuto una vergogna nazionale". Il Capo Esecutivo della British Airways Willie Walsh è stato anche critico, dicendo che "il Regno Unito ha danneggiato la sua reputazione in tutto il mondo da una prospettiva di business".[67] Tuttavia, l'attuazione di questa nuova norma è a discrezione dei singoli aeroporti, e in alcuni, differisce a seconda della compagnia aerea presente.[68]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'operazione, La US Homeland Security ha vietato tutti i liquidi e gel, ad eccezione baby formule e prescrizione di farmaci nel nome del titolare del biglietto nel bagaglio a mano su tutti i voli.[69] Il Sistema di Classificazione della Homeland Security Advisory negli Stati Uniti è stato sollevato a 'Grave' (rosso) per tutti i voli dal Regno Unito. Il livello di pericolo per tutti gli altri voli nazionali o voli internazionali non britannici verso gli Stati Uniti sono stati portati al livello Alto (arancione).


Come il 13 agosto 2006, i passeggeri delle compagnie aeree negli Stati Uniti può richiedere fino a quattro once di medicine senza prescrizioni mediche, gel di glucosio per diabetici, rossetto solido, e alimenti per neonati a bordo di voli aerei. Tutti gli aerosol sono vietati e il TSA ora chiede che i passeggeri si rimuovono le scarpe in modo che possono essere esaminate ai raggi X prima di salire a bordo.

Successivamente, i passeggeri sono stati autorizzati solo una certa quantità di liquidi a bordo di un aeromobile in il bagaglio a mano. Le restrizioni non si applicano ai bagagli controllati.

Altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

Gli accresciuti livelli di sicurezza hanno colpito molti altri paesi in tutto il mondo, sia direttamente che indirettamente.

Gli effetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel complesso, si stima che 400.000 persone sono state colpite a causa delle segnalazioni. È stato stimato che il primo giorno di ritardo il costo delle compagnie aeree era più di £ 175 milioni di euro.[senza fonte]

Come molte delle 20.000 borse si ritiene di essere state messe fuori luogo a Heathrow.[70]

Cancellazioni dei voli del 10 agosto[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni voli in arrivo a London Heathrow sono stati annullati il giorno degli arresti, in particolare i voli del giovedì a breve raggio della British Airways. Alcuni voli da e verso Londra Gatwick sono stati anche sospesi,[71] anche se US Airways ha continuato i voli partenti normalmente da Gatwick a seconda della compagnia aerea e del servizio di assistenza.

La ripresa dei servizi[modifica | modifica wikitesto]

Tende sul parcheggio di fronte al terminal 4. Heathrow, 14 agosto

Poche ore dopo l'inizio della confusione, gli aerei hanno cominciato a volare fuori da London Heathrow, anche se non al solito livello di più di uno al minuto. La situazione è rimasta caotica con enormi code di passeggeri in attesa di effettuare il check-in e di ottenere il rafforzamento delle procedure di sicurezza, e si riporta che alcuni aerei lasciarono l'aeroporto di Heathrow con solo i passeggeri in transito a bordo.

Domenica 13 agosto, il 30% dei voli di Heathrow sono stati cancellati per ridurre la pressione sui vagli.[72] Dal 15 agosto le cancellazioni dei voli erano scese a 47 voli a Heathrow, e 8 voli a Ryanair dall'aeroporto di Stansted. È stato riferito da BA che 10.000 bagagli appartenenti ai loro rispettivi passeggeri erano scomparsi. È stato previsto che le cancellazioni si sarebbero ridotte il 16 agosto, con il 90% dei voli avrebbe dovuto discostarsi come previsto.[73]

Le controversie sull'allerta[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 agosto, un argomento pubblico apertosi tra BAA, l'operatore di Heathrow e altri aeroporti, e la British Airways, con Willie Walsh, Esecutivo della BA Chief, accusato la BAA di non essere in grado di far fronte al terrorismo con l'aumento della sicurezza e bagaglio controlli. Ryanair inoltre ha invitato il governo britannico ad assumere riserve di polizia e militari per accelerare il corpo totale delle ricerche che sono state ora mandate.[senza fonte]

Tre giorni dopo il 12 agosto 2006, il proprietario e operatore del Londron Heathrow Airport, la BAA plc BAA ha ordinato alle compagnie aeree che utilizzano l'aeroporto di fare una riduzione del 30 per cento in voli di passeggeri in partenza (qualcosa che la BA già doveva fare, come perdere molti passeggeri nei voli a causa del tempo supplementare che ha messo a disposizione per sicurezza), per contribuire a ridurre i ritardi e cancellazioni.[74]

Il 18 agosto Ryanair O'Leary ha consegnato un ultimatum al Governo britannico per chiedere la revisione delle norme sulle dimensioni del bagaglio a mano e uno screening dei passeggeri in quattro invece di ogni una o due settimane, altrimenti Ryanair avrebbe citato il governo per risarcimento alla sezione 93 della Transport Act 2000. Il governo ha risposto che le azioni sono state adottate ai sensi della legge sulla sicurezza aerea del 1982, e nessun indennizzo è stato pagato.[75]

Diversi piloti si sono lamentati per le "ridicole" restrizioni dei bagagli che sono state pensate da dei "ritardati mentali".[76] Carolyn Evans, capo della sicurezza dei voli presso la British Airline Pilots Association, ha affermato che "le procedure messe in atto non sono sostenibili a lungo termine, a meno che i passeggeri siano trattati in maniera più ragionevole non ci sarà un abbandono nell'industria".[76]

Il Governo Britannico è stato criticato per costruire il terrore per vai della sua risposta al pericolo[77] e per utilizzarlo attraverso delle riforme insolite.[78]

Gli effetti economici[modifica | modifica wikitesto]

Il giorno successivo agli arresti, il quotidiano inglese The Times notò come gli effetti sul mercato borsistico fossero abbondantemente trascurabili, e come il principale indice azionario inglese, il FTSE 100, mostrasse solo "lievi segnali di deolezza", cosa che suggeriva che il timore di nuovi possibili attentati fosse stato largamente previsto dai broker. Inoltre, il quotidiano fece notare che il vero rischio economico fosse il fatto che "il comportamento della gente è alterato... un qualche cambiamento potrebbe avvenire così inconsciamente che sarebbe difficile da vedere... per esempio il traffico aereo cesserebbe, non certo per la paura di esplodere in volo, bensì perché la gente è stanca di avere a che fare con invadenti e minuziose misure di sicurezza."[79]

Sono state anche calcolate le cifre dei danni economici causati da questi avvenimenti. British Airways dovette cancellare 1280 voli, con un danno economico di circa 40 milioni di sterline.[80] Ryanair annullò 500 voli,[senza fonte] il che è risultato in una multa di circa 3,3 milioni di sterline da pagare al governo inglese.[81] Easyjet rinviò 469 voli, ad un costo di circa 4 milioni di sterline.[82] BAA ha dichiarato che i vari allarmi procurati le hanno provocato danni per 13 milioni di sterline.[83]

Aeroporti colpiti[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Canada[modifica | modifica wikitesto]

Linee aeree colpite[modifica | modifica wikitesto]

Air Canada

London/Heathrow-Montreal/Trudeau e Toronto/Pearson[29]

American Airlines

London/Heathrow-Chicago/O'Hare e New York/JFK.

United Airlines

London/Heathrow-Chicago/O'Hare, Washington/Dulles e San Francisco.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bob Sherwood and Stephen Fidler, MI5 tracked group for a year, Financial Times. URL consultato l'11 agosto.
  2. ^ Fu escluso Mohammad Gulzar, 27 anni, di Barking, East London, ma fu aggiunto Donald Stewart-Whyte.
  3. ^ 'Three guilty of airline bomb plot', BBC News, 7 settembre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2009 (archiviato il 21 febbraio 2011).
  4. ^ BBC NEWS | UK | Bomb plot - the al-Qaeda connection
  5. ^ BBC NEWS | UK | Liquid bomb plot: What happened
  6. ^ AAAE.org, Britain Thwarts Airline Terror Plot, AAAE. URL consultato il 31 ottobre.
  7. ^ CNN.com, Agent infiltrated terror cell, U.S. says, CNN. URL consultato il 10 agosto.
  8. ^ a b c d e f Don Van Natta Jr., Elaine Sciolino, Stephen Grey, In Tapes, Receipts and a Diary, Details of the British Terror Case, New York Times, 27 agosto 2006. URL consultato il 12 ottobre 2006.
  9. ^ BBC News, Night-time swoops on suspects, BBC News. URL consultato il 10 agosto.
  10. ^ The Times, A Plan 'to commit unimaginable mass murder', Times Online. URL consultato il 12 agosto.
  11. ^ British Authorities Say Plot to Blow Up Airliners Was Foiled, The New York Times, 10 agosto 2006.
  12. ^ a b c d BBC News UK, 'Airlines terror plot' disrupted, BBC News UK. URL consultato il 10 agosto.
  13. ^ BBC News, Who are the terror plot suspects?, BBC News, 11 agosto 2006.
  14. ^ BBC.com, Police probe flights terror plot, BBC. URL consultato il 10 agosto.
  15. ^ a b Times Online, Focus: Terror in the skies, Times Online. URL consultato il 13 agosto.
  16. ^ Sigla : "Departement of homeland security" , "Dipartimento per la sicurezza nazionale"
  17. ^ CNN (US TV)
  18. ^ Reuters UK, Police say foil plot to bomb aircraft (XML), Reuters UK. URL consultato il 10 agosto.
  19. ^ CNN.com, Security chief: Airline terror plot 'close to execution', CNN. URL consultato il 10 agosto.
  20. ^ a b CNN: Air plot suspects appear in court, August 22, 2006
  21. ^ Richard Esposito, Explosive Gel Was to Be Concealed in Sports Drink, ABC News. URL consultato il 10 agosto.
  22. ^ usnews.com, Terror suspects planned to use liquid explosives to blow up planes, U.S.News. URL consultato il 10 agosto.
  23. ^ Jennifer Quinn Esposito, Terror plotters hoped to use peroxide explosive to blow up jets, San Diego Union Tribune. URL consultato il 10 agosto.
  24. ^ Time.com: Thwarting the Airline Plot: Inside the Investigation, August 10, 2006
  25. ^ Electronpusher: Practical Chemistry, August 11, 2006 (a personal blog)
  26. ^ Sandra Laville, Five key questions for anti-terror investigation, Guardian, 19 agosto 2006. URL consultato il 13 ottobre 2006.
  27. ^ BBC NEWS | UK | 'Airliners plot': The allegations
  28. ^ a b c d "'Airline terror plotters planned bigger 9/11'." The Daily Telegraph.
  29. ^ a b c d "Montreal, Toronto flights targeted in alleged British bomb plot." CBC.
  30. ^ MSNBC: Source: U.S., UK at odds over timing of arrests, August 14, 2006
  31. ^ Sunday Mail: QUAKE AID RIPPED OFF, August 13, 2006
  32. ^ Carol Eisenberg: Quake relief funneled?, Newsday.com, August 16, 2006
  33. ^ Airline plot suspect linked with Jaish - Dawn (newspaper), 'Plane plot' man linked to Islamic militant group
  34. ^ TIME: Exclusive: A Kashmiri Tie to the Terror Plot, August 16, 2006
  35. ^ Syed Irfan Raza: Govt decides to hand over Rauf to UK, Dawn (Pakistan Herald Publication), September 1, 2006
  36. ^ UK 'plot' terror charge dropped
  37. ^ Patrick Wintour, Blair forewarned, The Guardian, 11 agosto 2006.
  38. ^ Alan Travis, Anti-terror critics just don't get it, says Reid, The Guardian, 10 agosto 2006.
  39. ^ BBC, Reid statement - Parties 'united' over terror plot, BBC News, 10 agosto 2006.
  40. ^ a b MSNBC, UK: Plot to bomb US-bound planes foiled, MSNBC. URL consultato il 10 agosto.
  41. ^ nytimes.com, British Authorities Arrest 21; U.S. Raises Threat Level, NY Times. URL consultato il 10 agosto.
  42. ^ 'A Plot to commit Murder on an Unimaginable Scale' - The Guardian. 10 agosto 2006
  43. ^ DHS.gov, Statement by Homeland Security Secretary Michael Chertoff Announcing a Change to the Nation's Threat Level for the Aviation Sector, DHS, 10 agosto 2006.
  44. ^ Day of terror strikes was planned for August 16, Daily Mail. URL consultato l'11 agosto.
  45. ^ DHS.gov, Press Conference Remarks (XML), DHS. URL consultato il 10 agosto.
  46. ^ whitehouse.gov, Bush statement, whitehouse.gov. URL consultato il 12 agosto.
  47. ^ BBC, Full text: Muslim groups' letter, BBC. URL consultato il 12 agosto.
  48. ^ Mark Townsend, Official: Iraq war led to July bombings, guardian.co.uk. URL consultato il 12 agosto.
  49. ^ BBC, Muslim letter 'misjudged' - Reid, BBC. URL consultato il 13 agosto.
  50. ^ 10 Downing Street, PM pays tribute to police and security services, 10 Downing Street, 10 agosto 2006.
  51. ^ BBC News, UK threat level remains critical, BBC News, 12 agosto 2006.
  52. ^ Five key questions for anti-terror investigation, Guardian, 19 agosto 2006
  53. ^ Why we must pray this man is telling us the truth, The Daily Mail, 16 agosto 2006
  54. ^ London Terror Plot: Skepticism Surrounding Handling of the Crisis, Voice of America, 18 agosto 2006
  55. ^ Scepticism is needed, The Guardian, 14 agosto 2006
  56. ^ Past blunders put pressure on police to make case stick, Times Online, 12 agosto 2006
  57. ^ Muslims skeptical of airline terror plot - MSN, 11 agosto 2006
  58. ^ Be skeptical about UK's terror alert, says former ambassador, IRNA, August 18, 2006
  59. ^ Thomas C Greene: Mass murder in the skies: was the plot feasible?, The Register, August 17, 2006
  60. ^ Sources: August terror plot is a 'fiction' underscoring police failures, Nafeez Ahmed, (link), The Raw Story, September 18, 2006
  61. ^ Fox News (U.S. TV)
  62. ^ BBC News: Passengers struggle to depart Heathrow, August 14, 2006
  63. ^ MI5 Threat Level as of 14 agosto 2006, 00:35
  64. ^ BBC News: Baggage advice for UK passengers, November 6, 2006
  65. ^ [1][2]
  66. ^ BBC NEWS | UK | Baggage advice for UK passengers
  67. ^ BBC NEWS | UK | UK Politics | One-bag air travel rule relaxed
  68. ^ The Times | UK News, World News and Opinion
  69. ^ CNN News, 'Police: Plot to blow up aircraft foiled, CNN News. URL consultato il 10 agosto.
  70. ^ BBC News UK, BA back to normal in 48 hours, BBC News UK. URL consultato il 22 agosto.
  71. ^ BBC News UK, Travel chaos grips UK's airports, BBC News UK. URL consultato il 10 agosto.
  72. ^ Nick Mathiason, Oliver Morgan and Rob Sharp, BA criticises Heathrow as travel mayhem grows, The Observer. URL consultato il 13 agosto.
  73. ^ BBC, Bags misplaced at Airports, BBC News Online. URL consultato il 15 agosto.
  74. ^ Travel chaos as airlines ordered to slash flights. Ultimatum contained in leaked security memo from airport chief, News International, 14 agosto 2006. URL consultato il 26 settembre 2006.
  75. ^ BBC, Ryanair issues luggage ultimatum, BBC News Online. URL consultato il 18 agosto 2006.
  76. ^ a b Are we really at risk from snacks on a plane?, Sunday Herald, 20 agosto 2006
  77. ^ "'People are definitely sceptical'", The Guardian, 16 agosto 2006. Ultimo accesso: 5 maggio 2007.
  78. ^ "Terror alert: Blair to force through 90-day detention", Scotland on Sunday, 13 agosto 2006. Ultimo accesso: 5 maggio 2007.
  79. ^ The Times paper edition 11 agosto 2006, p.45, terror may already be priced into values
  80. ^ BBC News: BA says terror alert cost it £40m, September 5, 2006
  81. ^ BBC News: Ryanair to sue government for £3m, August 25, 2006
  82. ^ BBC News: Security alert cost Easyjet £4m, September 7, 2006
  83. ^ BBC News: BAA says terror alert cost £13m, September 12, 2006

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Fonti ufficiali del Governo[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]