Pneumoconiosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Pneumoconiosi
Asbestosis high mag.jpg
Microscopia ottica di polmone affetto da asbestosi, una forma di pneumoconiosi.
Specialità pneumologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 505
ICD-10 J64
MeSH D011009

La pneumoconiosi è un'affezione dei polmoni provocata dall'inalazione di polvere. Il termine viene utilizzato per indicare diversi quadri di fibrosi polmonari da inalazione di polveri per cause lavorative: l'amianto, la silice, il talco e i metalli.[1]

Anche le patologie del lavoro causate dall'inalazione di sostanze non metalliche vengono talora chiamate in questo modo, come avviene nel caso della bissinosi, malattia professionale da inalazione di polveri di cotone.[1]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, la pneumoconiosi è stata responsabile di circa 125.000 decessi.[2]

Eziopatogenesi[modifica | modifica wikitesto]

A secondo del tipo di polvere si definisce:

Siccome la polvere che entra nei polmoni non può né essere distrutta né rimossa dal corpo, vi rimane, provocando infiammazione e cicatrizzazione (fibrosi).

Anatomia patologica[modifica | modifica wikitesto]

Si riscontrano anomalie del parenchima (piccole o grandi opacità) anomalie pleuriche o anomalie aggiuntive (ispessimenti o calcificazioni).

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti sono simili a quelli prodotti a lungo termine dal fumo di tabacco. Il sintomo più tipico è la dispnea.

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

Può condurre all'enfisema e all'arresto cardiaco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cullinan P, Reid P, Pneumoconiosis, in Prim Care Respir J, vol. 22, nº 2, 2013, pp. 249–52, DOI:10.4104/pcrj.2013.00055, PMID 23708110.
  2. ^ R Lozano, M Naghavi, K Foreman, S Lim, K Shibuya, V Aboyans, J Abraham, T Adair, R Aggarwal, S. Y. Ahn, M Alvarado, H. R. Anderson, L. M. Anderson, K. G. Andrews, C Atkinson, L. M. Baddour, S Barker-Collo, D. H. Bartels, M. L. Bell, E. J. Benjamin, D Bennett, K Bhalla, B Bikbov, A Bin Abdulhak, G Birbeck, F Blyth, I Bolliger, S Boufous, C Bucello e M Burch, Global and regional mortality from 235 causes of death for 20 age groups in 1990 and 2010: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2010, in Lancet, vol. 380, nº 9859, 15 dicembre 2012, pp. 2095–128, DOI:10.1016/S0140-6736(12)61728-0, PMID 23245604.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina