Sindrome di Mendelson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome di Mendelson
Specialitàpneumologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM668.0 e 997.3
MeSHD011015
Eponimi
Curtis Lester Mendelson

La sindrome di Mendelson è polmonite chimica causata da aspirazione durante l'anestesia, soprattutto durante la gravidanza. I contenuti dell'aspirazione possono includere succo gastrico, sangue, bile, acqua o un'associazione di esse.[1]

Presentazione[modifica | modifica wikitesto]

La sindrome di Mendelson è caratterizzata da una reazione broncopolmonare seguente all'aspirazione del contenuto gastrico durante l'anestesia generale dovuta alla soppressione dei riflessi laringei. Le principali caratteristiche cliniche che appaiono sono segni di generale ipossia da due a cinque ore dopo l'anestesia. Tali caratteristiche possono includere cianosi, dispnea, febbre, respiro sibilante, rantoli crepitanti e tachicardia accompagnata da bassa pressione sanguigna. È possibile che si evidenzi anche una diminuzione della saturazione di ossigeno. L'edema polmonare può causare la morte improvvisa o la morte può verificarsi in seguito a complicanze polmonari.

Rischio[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente si dice che un paziente è a rischio se ha[2]:

  • Volume gastrico residuo superiore al 25 ml, con
  • pH inferiore a 2,5

Tuttavia queste sono misure indirette e non sono fattori che influenzano direttamente il rischio di aspirazione.[2]

I pazienti con un alto rischio dovrebbero avere una induzione dell'anestesia in rapida sequenza. L'alto rischio è definito quando vi sono questi fattori[2]:

  • Procedura chirurgica non elettiva
  • Anestesia leggera/risposta inattesa alla stimolazione
  • Patologia de tratto digestivo superiore cronica o acuta
  • Obesità
  • Assunzione di farmaci oppioidi
  • Malattie neurologiche, livello di coscienza alterato o sedazione
  • Posizione litotomica
  • Intubazione difficile
  • Malattia da reflusso gastroesofageo
  • Ernia iatale

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Il rischio può essere ridotto somministrando un antiacido non particolato (ad esempio, citrato di sodio) o un antagonista dei recettori H2 come la ranitidina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Г.А.Рябов, СИНДРОМЫ КРИТИЧЕСКИХ СОСТОЯНИЙ. Аспирационный пневмонит (синдром Мендельсона), http://surgerycom.net/critical/4/4_3.html
  2. ^ a b c DM Levy, Pre-operative fasting—60 years on from Mendelson, in Continuing Education in Anaesthesia, Critical Care & Pain, vol. 6, nº 6, 2006, pp. 215, DOI:10.1093/bjaceaccp/mkl048.
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina