Polmonite interstiziale desquamativa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per polmonite interstiziale desquamativa in campo medico, si intende una forma di pneumopatia (malattia polmonare) interstiziale idiopatica, dovuta ad un accumulo di macrofagi a livello alveolare.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

La malattia è essenzialmente rara, l'incidenza è maggiore nelle persone che fumano abitualmente e hanno un'età compresa fra la quarta e la quinta decade.

Esami[modifica | modifica wikitesto]

Alla radiografia si presentano aspetti particolari che ne facilitano la diagnosi come il cosiddetto "polmone sporco".

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Fra i sintomi e i segni clinici si presentano tosse e dispnea da sforzo, come nelle altre forme simili vi è fibrosi.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla cessazione del fumo che in rari casi ha portato da solo alla guarigione dalla polmonite, si utilizzano gli steroidi (50 mg al giorno)

Mortalità[modifica | modifica wikitesto]

La mortalità rimane alta, più del 25% dei casi, ma questa è dovuta a complicanze che possono insorgere a livello respiratorio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Bonsignore, Bellia Vincenzo, Malattie dell’apparato respiratorio terza edizione, Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-2390-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina