Peter Zurbriggen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Peter Stephan Zurbriggen)
Jump to navigation Jump to search
Peter Stephan Zurbriggen
arcivescovo della Chiesa cattolica
Peter Zurbriggen 2014 (11968474404).jpg
Monsignor Zurbiggen nel 2014
Template-Archbishop.svg
 
TitoloGlastonia
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attualiArcivescovo titolare di Glastonia (dal 1993)
Incarichi ricoperti
 
Nato27 agosto 1943 (76 anni) a Briga
Ordinato presbitero10 ottobre 1969 dal cardinale Alfred Bengsch
Nominato arcivescovo13 novembre 1993 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo6 gennaio 1994 da papa Giovanni Paolo II
 

Peter Stephan Zurbriggen (Briga, 27 agosto 1943) è un arcivescovo cattolico svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Peter Stephan Zurbriggen è nato il 27 agosto 1943 a Briga, nel Canton Vallese, in Svizzera. Negli anni cinquanta, ha frequentato la scuola elementare presso la sua città natale. Successivamente, dopo l'esame di maturità presso il Collegio Spiritus Sanctus di Briga, nel 1962 ha passato un anno nel servizio obbligatorio di Ridotto nazionale ad Airolo. Ha poi deciso di seguire la sua vocazione sacerdotale, e dall'anno successivo ha studiato teologia e filosofia presso di Seminario della diocesi di Sion, fino a che monsignor Fraçois-Nestor Adam, vescovo della medesima diocesi, lo ha mandato a Roma a studiare presso il Collegio Germanico-Ungarico e la Pontificia Università Gregoriana.

È stato ordinato presbitero il 10 ottobre 1969, nella Chiesa di Sant'Ignazio di Loyola in Campo Marzio, dal cardinale Alfred Bengsch, arcivescovo di Berlino. Da quel momento fino al 1974, ha studiato presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica, dove avviene la formazione di quasi tutti i diplomatici della Santa Sede, e contemporaneamente, dal 1971 al 1974, è stato anche insegnante di religione allo Wirtschaftsgymnasium dell'Istituto Svizzero della capitale italiana. Nel 1975, ha ottenuto un dottorato presso la Pontificia Università Lateranense con la sua tesi "Il principio di buona fede - approcci e modi della sua realizzazione del diritto internazionale".

Servizio diplomatico[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 marzo dello stesso anno è entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede. Il 13 novembre successivo è stato nominato segretario della nunziatura apostolica in Bolivia. Il 29 novembre 1976 papa Paolo VI lo ha nominato cappellano di Sua Santità. Ha passato quattro anni in America Latina.

Il 20 gennaio 1979 è stato nominato segretario della nunziatura apostolica di Bonn, nella Repubblica Federale Tedesca. Dopo tre anni, il 3 settembre 1982, è stato nominato uditore nella nunziatura apostolica in Uruguay ritornando nell'America del Sud. È poi entrato nella nunziatura in Francia il 17 luglio 1985. Nel 1989 ha ricevuto da papa Giovanni Paolo II il titolo onorifico di Prelato d'onore di Sua Santità, e il 1º luglio dell'anno medesimo è diventato consigliere di nunziatura presso la rappresentazione pontificia nella Repubblica Centrafricana. Allo stesso tempo, è stato attivo nella delegazione apostolica dell'Africa meridionale, corrispondente a Sudafrica, Botswana, Swaziland e Namibia, e nella nunziatura apostolica in Lesotho, ruolo svolto fino al 1991. Lo stesso anno, ha operato nella nunziatura apostolica in India e Nepal con sede a Nuova Delhi.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 novembre 1993 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo titolare di Glastonia e delegato apostolico in Mozambico. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 6 gennaio 1994, nella Basilica di San Pietro in Vaticano, per mano dello stesso Pontefice assistito da monsignor Giovanni Battista Re, sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato e futuro cardinale, e da monsignor Josip Uhač, segretario della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli. Il 22 febbraio del 1996, la delegazione apostolica è stata promossa a nunziatura apostolica.

Dopo cinque anni passati in Mozambico, il 13 giugno 1998 è stato nominato nunzio apostolico in Armenia, Georgia e Azerbaigian con sede a Tbilisi. Dopo tre anni, è stato promosso come nunzio in Estonia, Lettonia e Lituania, con sede a Vilnius, in data 15 ottobre 2001. Contemporaneamente è stato anche nominato amministratore apostolico di Estonia, come i suoi due immediati predecessori Justo Mullor García ed Erwin Josef Ender, ruolo per cui si è fatto promotore di una campagna per l'istruzione della Chiesa cattolica. Il 23 marzo 2005, poco prima della sua morte, papa Giovanni Paolo II ha nominato amministratore apostolico monsignor Philippe Jean-Charles Jourdan, limitando il compito di monsignor Zurbriggen a nunzio.

Il 14 gennaio 2009 papa Benedetto XVI lo ha nominato nunzio apostolico in Austria, succedendo a monsignor Edmond Y. Farhat, dimessosi per raggiunti limiti di età. Ha fatto il suo ingresso ufficiale nella sede della nunziatura a Vienna il 2 aprile successivo, e il 17 dello stesso mese ha incontrato il presidente della Repubblica d'Austria Heinz Fischer. È stato nominato inoltre decano del corpo diplomatico in Austria.

È membro dell'Assemblea Generale Brigensise e della AV Helvetia Romana nell'Associazione Studentesca Svizzera. Dal 5 giugno 2010 è membro onorario della K.Ö.H.V. Leopoldina di Innsbruck in ÖCV. Monsignor Zurbriggen sa parlare correttamente il tedesco, il francese, l'italiano, l'inglese, lo spagnolo e il portoghese.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]