Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini
Percy Jackson - film.jpg
Logan Lerman in una scena del film
Titolo originale Percy Jackson & the Olympians: The Lightning Thief
Paese di produzione USA, Canada
Anno 2010
Durata 120 min
Rapporto 2,35:1
Genere avventura, azione
Regia Chris Columbus
Soggetto Rick Riordan
Sceneggiatura Craig Titley
Casa di produzione 1492 Pictures, Fox Family Films
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Stephen Goldblatt
Montaggio Peter Honess
Musiche Christophe Beck
Scenografia Howard Cummings
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini (Percy Jackson & the Olympians: The Lightning Thief) è un film del 2010 diretto da Chris Columbus.

Il film è un adattamento de Il ladro di fulmini, il primo romanzo della serie letteraria Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo scritta da Rick Riordan. Protagonista della pellicola è il giovane attore Logan Lerman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un ragazzo di nome Percy Jackson, dislessico e iperattivo, vive a New York con sua madre Sally e suo padre non lo ha mai conosciuto perché se ne è andato quando Percy era un neonato. La sua storia comincia quando va in gita con la scuola in un museo di storia greca. La professoressa Dodds sale su un ponteggio e Percy la vede trasformarsi in una Furia, che lo accusa di aver rubato la Folgore di Zeus e gli ordina di consegnargliela. Interviene il professore di latino, signor Bunner, che gli dà una penna che diventa una spada e Percy la distrugge. Bunner ordina a Grover di portare Percy e la madre lontano dalla città ma durante il cammino l'automobile viene dirottata da un Minotauro, che prende la madre di Percy e lei si dissolve. Dopo aver sconfitto il Minotauro uccidendolo con la punta del suo stesso corno, Percy sviene e si risveglia tre giorni dopo nell'infermeria del Campo Mezzosangue, dove vivono tutti i semidei americani.

Appena rinvenuto, l'amico Grover gli spiega che gli dei della Grecia esistono davvero e si sono trasferiti a New York, e con il passare degli anni sono scesi molte volte nel mondo dei mortali ed hanno generato molti figli. Questi ibridi tra dei e esseri umani sono semi-dei. Grover gli dice che la Furia gli ha chiesto di consegnarle la folgore di Zeus perché è stata rubata. Questo fatto scatenerebbe una lotta fra gli dei, perché sarebbero costretti a schierarsi tra Poseidone e Zeus, che ha stabilito che se non gli verrà restituita la folgore entro il solstizio d'estate sarà guerra. Percy, mentre parla con Grover, nota che l'estremità inferiore dell'amico non è umana ma caprina, infatti è un satiro. Nel campo ci sono molti eroi, ognuno con un dio per genitore, e Percy incontra subito Annabeth, figlia di Atena, la più brava eroina del Campo. Vede anche il professor Brunner e scopre che in realtà non è un comune professore, ma è centauro chiamato Chirone, l'addestratore di eroi.

Nel Campo Percy stringe amicizia con Luke, figlio di Ermes, che lo prende nella sua squadra per il gioco della Caccia alla bandiera, in cui ognuna delle due squadre dovrà cercare di appropriarsi della bandiera della squadra avversaria. Percy riesce a raggiungere la bandiera, ma viene sorpreso da Annabeth e suoi compagni cominciando così a lottare. Quella sera al falò del campo, Ade appare nel fuoco, e chiede a Percy di dargli la Folgore in cambio della madre, che non era davvero morta, ma era stata presa dal dio prima che il Minotauro potesse ucciderla. Percy, insieme a Grover e Annabeth, fugge dal campo per raggiungere gli Inferi, ma prima di partire si reca da Luke che regalerà a Percy un paio di scarpe volanti, uno scudo ed una mappa che indica come trovare tre perle che gli permetteranno di tornare nel mondo dei vivi e come trovare l'entrata degli Inferi. La prima perla viene recuperata in un negozio di statue abitato da Medusa, che Percy sconfigge tagliandole la testa come il suo omonimo, Perseo.

La seconda perla viene recuperata nel Partenone di Nashville. Qui i tre vengono attaccati dall'Idra, che Grover riesce a neutralizzare usando la testa di Medusa. La terza e ultima perla viene recuperata a Las Vegas, nell'hotel casinò Lotus. In questo hotel Percy e i suoi amici passano cinque giorni senza accorgersene, perché i fiori di Loto che mangiano intorpidiscono i loro sensi e si dimenticano perfino della loro missione. Quando Percy riesce a risvegliarsi i tre recuperano l'ultima perla e si recano ad Hollywood per entrare negli Inferi. Qui Percy spiega ad Ade di non essere lui il ladro di fulmini, sperando che egli gli restituisca ugualmente la madre. Si scopre però che nello scudo che Luke aveva donato a Percy c'è nascosta la Folgore. Ade se ne impossessa e sta per scagliare Percy, i suoi amici e sua madre in pasto alle anime, quando Persefone gliela toglie dalle mani e la usa contro di lui. Annabeth, Percy e la madre utilizzano le perle per andare sull'Olimpo, mentre Grover rimane con Persefone perché mancava una perla. Arrivano all'Empire State Building, dove si trova l'ingresso per l'Olimpo, dove vengono attaccati da Luke, che rivela di essere lui il ladro di fulmini.

Egli voleva consegnare la Folgore ad Ade per scatenare una guerra e rovesciare il regno degli dei e crearne uno a immagine dei semi-dei e l'unico modo per farlo è far ottenere quindi la Folgore ad Ade. Percy ingaggia un duello feroce con Luke, da cui esce vittorioso e corre a consegnare la Folgore a Zeus sull'Olimpo. Dopo averla riconsegnata e spiegato tutto l'accaduto chiede di poter liberare Grover dagli Inferi, che è rimasto lì per la mancanza di una perla. La sua richiesta viene esaudita e Poseidone chiede al fratello Zeus di poter parlare con Percy.

La madre di Percy torna a casa, abbandonando Gabe. Rimasto solo, Gabe apre il frigorifero e vi trova la testa di Medusa, che lo pietrifica.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2004 la 20th Century Fox ha acquistato i diritti del romanzo di Riordan per farne un film. Nell'aprile 2007 Chris Columbus è stato ingaggiato come regista della pellicola, successivamente è stato scelto il cast.

Le riprese sono iniziate a Vancouver nell'aprile 2009, parte della riprese hanno avuto luogo al Partenone di Nashville, una ricostruzione in scala reale del Partenone di Atene.

Dopo un iniziale teaser trailer, il trailer ufficiale è stato distribuito il 19 novembre 2009.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in Italia il 12 marzo 2010; l'uscita in DVD e Blu-Ray è avvenuta il 7 luglio 2010.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in 3356 sale statunitensi il 12 febbraio 2010, incassando 31.236.067 dollari nel solo fine settimana di programmazione,[1] piazzandosi terzo dopo Wolfman. Il film ha avuto un forte esordio ed in 18 giorni di proiezione ha incassato 166.795.311 dollari, di cui 71.495.311 solo negli Stati Uniti, piazzandosi al secondo posto nella classifica globale di incassi settimanale (Worldwide),[2] preceduto da Alice in Wonderland.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto critiche generalmente negative, non essendo stato particolarmente apprezzato. Sul sito Rotten Tomatoes il film ha ottenuto il 49% di critiche positive, mentre su IMDb ha ricevuto il voto medio di 5,9.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri.

Il seguito del film si intitola Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri ed è uscito in Italia il 12 settembre 2013. Le riprese del film sono terminate durante l'estate 2012.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Percy Jackson & The Olympians: The Lightning Thief, boxofficemojo.com. URL consultato il 07-03-2010.
  2. ^ (EN) 2010 Worldwide Grosses, boxofficemojo.com. URL consultato il 07-03-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]