Dislessia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dislessico)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Dislessia
Specialità neurologia e pediatria
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 315.01
ICD-10 F81.0
OMIM 127700, 300509, 600202, 604254, 606616, 606896 e 608995
MeSH D004410
MedlinePlus 001406

La dislessia, nota anche come disturbo della lettura, è una condizione caratterizzata da problemi con la lettura, nonostante chi ne soffra abbia un'intelligenza normale.[1] Diverse persone ne sono colpite in misura diversa;[2] i problemi possono includere difficoltà nella pronuncia delle parole, nella lettura veloce, nella scrittura a mano, nella pronuncia delle parole durante la lettura ad alta voce e nella comprensione di ciò che si legge.[2][3] Spesso queste difficoltà vengono notate inizialmente a scuola.[4]In caso di compromissione totale delle capacità di lettura si parla di alessia[5] o, in lingua inglese, alexia.[2] Le difficoltà sono involontarie e le persone con questo disturbo hanno un normale desiderio di apprendimento.[2]

Si ritiene che la dislessia sia causata dal coinvolgimento di fattori genetici e ambientali.[4] Alcuni casi accadono all'interno di una famiglia.[2] Spesso si verifica nelle persone con disturbo da deficit di attenzione e iperattività ed è associata a problemi simili con i numeri.[4] Può anche esordire in età adulta come risultato di lesioni cerebrali traumatiche, ictus o demenza.[1] I meccanismi alla base della condizione sono da ricercarsi in problemi nei processi linguistici del cervello.[2] La dislessia viene diagnosticata attraverso una serie di test di memoria, di ortografia, di visione e di capacità di lettura.[6] Non si parla di dislessia quando la difficoltà di lettura è dovuta ad un insegnamento insufficiente o a problemi di udito o di vista.[4]

Il trattamento prevede l'utilizzo di adeguati metodi di insegnamento al fine di soddisfare le esigenze della persona.[1] Anche se non si riesce a curare il problema alla base, è possibile diminuire il grado di sintomi.[7] La dislessia rappresenta la disabilità di apprendimento più comune[8] e colpisce il 3-7% della popolazione,[4][9] anche se fino al 20% possono presentare sintomi di un certo grado.[10] Sebbene la dislessia sia più frequentemente diagnosticata negli uomini,[4] è stato suggerito che essa colpisca in realtà entrambi i sessi allo stesso modo.[8] La dislessia si presenta in tutte le aree del mondo.[4] Alcuni ritengono che la condizione dovrebbe essere considerata come un modo diverso di apprendimento, con vantaggi e svantaggi.[11][12]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che la dislessia possa avere due tipi di causa, una relativa alla elaborazione del linguaggio e un'altra riguardante l'elaborazione visiva;[13] inoltre è considerato un disturbo cognitivo e non è un problema intellettivo, tuttavia problemi emotivi spesso sorgono a causa sua.[13] Alcune definizioni pubblicate sono puramente descrittive, mentre altre propongono delle cause. Quest'ultime solitamente coprono una vasta gamma di capacità di lettura e di deficit e le difficoltà con cause distinte, piuttosto che una singola condizione.[14] Il National Institute of Neurological Disorders and Stroke statunitense descrive la dislessia come "difficoltà con l'ortografia, l'elaborazione fonologica (la manipolazione dei suoni) o la rapida risposta visivo-verbale".[1] La British Dyslexia Association descrive la dislessia come "una difficoltà di apprendimento che colpisce principalmente le competenze coinvolte nella lettura accurata e fluente e nell'ortografia" ed è caratterizzata da "difficoltà di consapevolezza fonologica, memoria verbale e velocità di elaborazione verbale ".[15]

La dislessia, o l'alexia acquisita, possono essere causate da danni cerebrali dovuti ad ictus o atrofia.[16][17]

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono alcune variabilità nella definizione della dislessia. Alcune fonti, come ad esempio lo statunitense National Institutes of Health, la definiscono espressamente come un disturbo dell'apprendimento.[1] Altre fonti, tuttavia, la definiscono semplicemente come l'incapacità di leggere nel contesto di una intelligenza normale e distinguono tra dislessia evolutiva (un disordine dell'apprendimento) e la dislessia acquisita (perdita della capacità di leggere causata da danni al cervello). L'ICD-10, il manuale della diagnosi medica usata in gran parte del mondo, comprende diagnosi separate per la "dislessia evolutiva" (81,0)[18] e per la "dislessia e alexia" (48,0).[19] DSM V, il manuale della diagnosi psichiatrica utilizzato negli Stati Uniti, non definisce specificamente la dislessia, giustificando questa affermando che "le molte definizioni di dislessia e discalculia rendono la definizione di questi termini non utile come nomi di un preciso disturbo o nei criteri diagnostici".[20] Invece esso annovera la dislessia in una categoria chiamata disturbi specifici di apprendimento

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La dislessia è una condizione identificata da Oswald Berkhan nel 1881,[21] anche se il termine è stato coniato sei anni più tardi da Rudolf Berlin, un'oculista di Stoccarda.[22] Egli utilizzò "dislessia" per riferirsi al caso di un ragazzo che aveva una grave difficoltà nell'imparare a leggere e scrivere, pur mostrando un'intelligenza e capacità fisiche normali in tutti gli altri aspetti della vita quotidiana.[23] Nel 1896, W. Pringle Morgan, un medico britannico di Seaford, East Sussex, pubblicò una descrizione di un disturbo di apprendimento specifico per la lettura, in una relazione al British Medical Journal dal titolo "Congenital Word Blindness".[24] Venne descritta la distinzione tra i tipi di dislessia fonologica e di superficie senza formulare alcuna ipotesi eziologica per quanto riguarda i meccanismi cerebrali sottostanti.[25]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Non è nota la percentuale di persone affetta da dislessia, ma è stata stimata per essere dal 5% al 17% della popolazione.[26] Nonostante venga diagnosticata più frequentemente nei maschi,[4] molti ritengono che colpisca entrambi i sessi allo stesso modo.

Al mondo, esistono diverse definizioni di dislessia, ma nonostante le differenze significative nei sistemi di scrittura, la dislessia si verifica in diverse popolazioni.[27] La condizione non è limitata alla difficoltà nel convertire le lettere nei suoni e i dislessici cinesi possono avere maggiori difficoltà nel convertire i caratteri cinesi nei loro significati.[28][29]

L'ipotesi dell'elaborazione fonologica tenta di spiegare perché la dislessia si verifica in un'ampia varietà di lingue. Inoltre, la relazione tra la capacità fonologica e e la lettura sembra essere influenzata dall'ortografia.[30]

Manifestazione della dislessia[modifica | modifica wikitesto]

La dislessia si può presentare in modalità molto diverse da soggetto a soggetto. Di seguito vengono presentate le caratteristiche più comuni relative alla decodifica della singola parola o del testo scritto. Queste possono non essere tutte presenti contemporaneamente.

  • Scarsa discriminazione di grafemi diversamente orientati nello spazio
    Il soggetto mostra chiare difficoltà nel discriminare grafemi uguali o simili, ma diversamente orientati. Egli, ad esempio, confonde la “p”, la “b”, la “d” e la “q”; la “u” e la “n”; la “a” e la “e”... Nello stampato minuscolo (con cui è scritta questa pagina e tutti i testi dei libri scolastici) sono molte le coppie di grafemi che differiscono rispetto al loro orientamento nello spazio, per cui le incertezze e le difficoltà di discriminazione possono rappresentare un impedimento alla lettura.
  • Scarsa discriminazione di grafemi che differiscono per piccoli particolari
    Il soggetto mostra difficoltà nel discriminare grafemi che presentano somiglianze. Egli, ad esempio, può confondere la “m” con la “n”; la “c” con la “e”; la “f” con la “t”; la "e" con la "a"... questo succede specialmente se si tratta di una scrittura in corsivo o in script.
  • Scarsa discriminazione di grafemi che corrispondono a fonemi sordi e fonemi sonori
    Il soggetto mostra difficoltà nel discriminare grafemi relativi a fonemi con somiglianze percettivo-uditive. L'alfabeto è composto di due gruppi di fonemi: i fonemi sordi e i fonemi sonori, che risultano somiglianti tra loro, per cui anche in questo caso l'incertezza percettiva può rappresentare un ostacolo alla lettura. Le coppie di fonemi simili sono le seguenti:
F V
T D
P B
C G
S sorda S sonora
  • Difficoltà di decodifica sequenziale
    Leggere nella lingua italiana richiede al lettore di procedere con lo sguardo in direzione sinistra-destra e dall'alto in basso; tale processo appare complesso per tutti gli individui nelle fasi iniziali di apprendimento della lettura ma, con l'affinarsi della tecnica, la difficoltà diminuisce gradualmente fino a scomparire. Nel soggetto dislessico, invece, talvolta ci troviamo di fronte a un ostacolo nella decodifica sequenziale, che può essere data da due fattori, spesso presenti contemporaneamente: i "saltelli" oculari citati nel primo paragrafo o la mancanza del concetto di orientamento (di sé, del grafema e della parola) nello spazio. Per cui si manifestano con elevata frequenza i seguenti errori:
    • Omissione di grafemi e di sillabe
      Il soggetto omette la lettura di parti della parola; può tralasciare la decodifica di consonanti (ad esempio può leggere “fote” anziché “fonte”; oppure “capo” anziché “campo”...) o di vocali (può leggere, ad esempio, “fume” anziché “fiume”; “puma” anziché piuma”...) e, spesso, anche di sillabe (può leggere “talo” anziché “tavolo”; “paro” anziché “papavero”...). In alcuni casi capita che questi soggetti leggano la prima parte della parola, mentre la seconda se la inventino o immaginino (vedi "Prevalenza della componente intuitiva", subito sotto).
    • Salti di parole e salti da un rigo all'altro
      Il soggetto dislessico presenta evidenti difficoltà a procedere sul rigo e ad andare a capo, per cui sono frequenti anche “salti” di intere parole o di intere righe di lettura.
    • Inversioni di sillabe
      Spesso la sequenza dei grafemi viene invertita provocando errori particolari di decodifica della sillaba (il soggetto può, ad esempio, leggere “li” al posto di “il”; “la” al posto di “al”, “ni” al posto di “in”...) e della parola (può leggere, ad esempio, “talovo” al posto di “tavolo”...).
    • Aggiunte e ripetizioni
      La difficoltà a procedere con lo sguardo nella direzione sinistra-destra può dare origine anche a errori di decodifica caratterizzati dall'aggiunta di un grafema o di una sillaba (ad esempio “tavovolo” al posto di “tavolo”...).
  • Prevalenza della componente intuitiva
    Il soggetto che presenta chiare difficoltà di lettura privilegia, indubbiamente, l'uso del processo intuitivo rispetto a quello di decodifica. L'intuizione della parola scritta rappresenta un valido strumento ma, al tempo stesso, è fonte di errori, definiti di anticipazione. Non di rado, infatti, il soggetto esegue la decodifica della prima parte della parola, talvolta anche solo del primo grafema o della prima sillaba, e procede “intuendo”/“inventando” l'altra parte. La parola contenuta nel testo viene così a essere spesso trasformata in un'altra, il cui significato può essere affine ma anche completamente diverso.

Possibili ripercussioni sulla scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Difficoltà di copiatura dalla lavagna a causa della lenta o scorretta decodifica. Può inoltre essere causa di questo problema l'incapacità di decodificare la scrittura di un'altra persona, avendo già problemi con la propria. Molto spesso questo problema è correlato ad uno scorretto orientamento del grafema rispetto al senso di lettura/scrittura (scrivere le lettere partendo dal basso o da destra, leggere dall'alto al basso e da destra a sinistra).

Possibili ripercussioni sull'apprendimento logico-matematico[modifica | modifica wikitesto]

Il soggetto talvolta può presentare alcune difficoltà di decodifica del testo del problema e può presentare l'impedimento nella risoluzione di semplici problemi matematici che i non affetti di dislessia risolverebbero senza problema. Hanno quindi un apprendimento più lungo della norma. Possono presentarsi anche problemi di calcolo legati alla specularità del 2 e del 5 o del 6 e del 9.

Dislessia e difficoltà semplici della lettura[modifica | modifica wikitesto]

La dislessia si riconosce per la presenza di caratteristiche, più o meno presenti, sopra descritte, che impediscono o ostacolano fortemente il processo di decodifica.

Le difficoltà semplici di lettura, invece, si riconoscono per la presenza di uno o di alcuni degli elementi di riconoscimento sopra descritti, ma gli ostacoli alla conquista di adeguate tecniche di lettura risultano superabili attraverso l'esercizio graduato, la proposta di attività coinvolgenti e stimolanti, la sollecitazione delle curiosità del soggetto, lo sviluppo di capacità di base talvolta non adeguatamente interiorizzate all'ingresso della scuola elementare.

Le difficoltà semplici di lettura sono dovute, quasi sempre, a un ritardo maturazionale, a lievi difficoltà percettivo-motorie, a un inadeguato bagaglio di esperienze, a scarso investimento motivazionale, ma anche a errori didattico-pedagogici che i docenti compiono sia nelle prime proposte didattiche relative all'approccio alla lingua scritta sia, successivamente, negli itinerari di recupero conseguenti all'accertamento delle difficoltà stesse.

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima infanzia, i sintomi che comportano la formulazione di una diagnosi di dislessia comprendono un'insorgenza ritardata di parola, difficoltà nel distinguere la sinistra dalla destra, difficoltà con la direzione[31] e la mancanza di consapevolezza fonologica, oltre alla facilità di essere distratti da un rumore di fondo.[32] L'inversione delle lettere o delle parole e la scrittura specchio sono comportamenti che a volte si riscontrano nelle persone con dislessia, ma non sono considerati caratteristiche proprie del disturbo.[32]

Il disturbo dislessico e la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), comunemente si verificano insieme:[9] circa il 15% delle persone con dislessia presenta anche ADHD e il 35% coloro con ADHD hanno la dislessia.[32]

I bambini in età scolare con dislessia possono mostrare segni di difficoltà nell'individuare o generare parole in rima o contare il numero di sillabe; entrambe le capacità dipendono dalla consapevolezza fonologica.[33] Essi possono anche mostrare difficoltà nel segmentare le parole in singoli suoni o fondere suoni nella produzione di parole, indicando una ridotta consapevolezza fonemica.[34] Anche la difficoltà nel nominare gli oggetti o ricercare la parola giusta è una caratteristica correlata con la dislessia[35] Le persone con dislessia hanno frequentemente scarse capacità ortografiche, una caratteristica a volte chiamata disortografia e disgrafia.[32]

I problemi persistono nell'adolescenza e nell'età adulta e possono accompagnarsi con difficoltà nel riassumere storie, nella memorizzazione, nella lettura ad alta voce o nell'apprendimento delle lingue straniere. Gli adulti con dislessia spesso sono in grado di leggere con una buona comprensione del testo, anche se tendono a farlo più lentamente di altri, senza tuttavia presentare una difficoltà di apprendimento e hanno prestazioni peggiori nei test di ortografia o durante la lettura di parole senza senso - una misura della consapevolezza fonologica.[36]

Un mito comune circa la dislessia è che la sua caratteristica distintiva è nella lettura o nella scrittura di lettere o parole al contrario, ma questo è vero per molti bambini che imparano a leggere e scrivere.[37]

Idiomi[modifica | modifica wikitesto]

La complessità ortografica di una lingua è direttamente correlata a quanto sia difficile imparare a leggere tale linguaggio.[38] L'inglese e francese possiedono relativamente "profonde" ortografie fonemiche all'interno del sistema alfabetico latina, con strutture complesse che impiegano modelli di ortografia su più livelli: corrispondenza lettera-suono, sillabe e morfemi.[39] Lingue come lo spagnolo, l'italiano e il finlandese hanno ortografie soprattutto alfabetiche, che in primo luogo impiegano corrispondenza lettera-suono, le cosiddette ortografie poco profonde, che per i dislessici risultano più facili da imparare.[38] I sistemi di scrittura a logogrammi, come ad esempio i caratteri cinesi, fanno un uso estensivo del simbolo e pongono molti problemi agli studenti dislessici.[40]

Condizioni correlate[modifica | modifica wikitesto]

La dislessia è spesso accompagnata da parecchie difficoltà di apprendimento, ma non è chiaro se esse condividono le sottostanti cause neurologiche.[41] Queste correlate disabilità comprendono:

  • Disgrafia. Un disturbo che si esprime principalmente attraverso le difficoltà con la scrittura, ma in alcuni casi con difficoltà associate alla coordinazione occhio-mano e o ai processi orientati ad una sequenza, come legare nodi o svolgere compiti ripetitivi.[42] Nella dislessia, la disgrafia è spesso multifattoriale, a causa della ridotta automaticità del processo lettera-scrittura, delle difficoltà organizzative ed elaborative e la compromissione della formazione della parola visiva, che rende più difficile per recuperare l'immagine visiva delle parole necessarie per l'ortografia.[42]
  • Disturbo dell'elaborazione uditiva. Una disabilità dell'ascolto che colpisce la capacità di elaborare le informazioni uditive.[46][47] Ciò può portare a problemi con la memoria uditiva e il sequenziamento uditivo. Molte persone con dislessia hanno problemi di elaborazione uditiva e possono sviluppare i propri spunti logografici per compensare questo tipo di deficit. Alcune ricerche indicano che le competenze di elaborazione uditiva potrebbero essere il deficit primario nella dislessia.[48][49]
  • Disprassia. Una condizione neurologica caratterizzata da una marcata difficoltà nello svolgere compiti routinari che coinvolgono il controllo dell'equilibrio, del coordinamento cinestetica, nella difficoltà dell'uso dei suoni vocali, problemi di memoria a breve termine e nell'organizzazione.[50]

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Lobulo parietale inferiore (vista superiore). Alcuni dislessici mostano una riduzione dell'attivazione elettrica in questo settore.

I ricercatori hanno cercato di scoprire le basi neurobiologiche della dislessia fin dall'identificazione della condizione, avvenuta nel 1881.[21][51] Ad esempio, alcuni hanno cercato di correlare l'incapacità di vedere chiaramente le lettere, caratteristica comune tra i dislessici, allo sviluppo anormale delle loro cellule nervose visive.[52]

Neuroanatomia[modifica | modifica wikitesto]

Le moderne tecniche di neuroimaging come la risonanza magnetica funzionale (fMRI) e la tomografia ad emissione di positroni (PET) hanno permesso di fornire una correlazione sia funzionale che strutturale nel cervello dei bambini con difficoltà di lettura.[53] Alcuni dislessici mostrano un'inferiore attività elettrica in alcune parti l'emisfero sinistro del cervello, coinvolte con la lettura, come ad esempio la circonvoluzione frontale inferiore, il lobulo parietale inferiore e la corteccia temporale media e ventrale.[48] Negli ultimi dieci anni, gli studi sull'attivazione cerebrale che utilizzano la PET hanno permesso di compiere notevoli passi avanti nella comprensione della base neurale del linguaggio. Sono state proposte le basi neurali per il lessico visivo e uditivo per le componenti di memoria verbale a breve termine.[54] L'fMRI nei dislessici ha fornito dati importanti che indicano il ruolo interattivo del cervelletto e della corteccia cerebrale, così come altre strutture cerebrali.[55][56]

La teoria cerebellare della dislessia propone che la compromissione del movimento muscolare, controllato dal cervelletto, influenza la formazione delle parole che hanno bisogno dei muscoli della lingua e facciali per essere formulate, causando i problemi di scioltezza che sono caratteristici di alcuni dislessici. Il cervelletto è coinvolto anche nella automazione di alcune attività, come la lettura.[57] Il fatto che alcuni bambini dislessici hanno deficit nell'attività motoria e nell'equilibrio menomazioni è stato menzionato come prova per il ruolo del cervelletto nella loro difficoltà di lettura. Tuttavia, la teoria cerebellare non è supportata da studi controllati.[58]

Genetica[modifica | modifica wikitesto]

La ricerca di potenziali cause genetiche della dislessia ha le sue radici negli esami autoptici del cervello di persone con la condizione.[52] Le differenze anatomiche osservate nei centri linguistici di tali cervelli includono malformazioni corticali microscopiche conosciute come ectopie o, più raramente, malformazioni microvascolari e delle microcirconvoluzioni.[59] Gli studi suggeriscono che uno sviluppo corticale anormale si verifichi prima o durante il sesto mese di sviluppo del cervello del feto.[60] Sono state, inoltre, segnalate nei dislessici formazioni di cellule anormali nelle strutture cerebrali e sottocorticali non linguistiche.[61] Diversi geni sono stati associati con dislessia, tra cui DCDC2 e KIAA0319 sul cromosoma 6,[62] e DYX1C1 sul cromosoma 15.[63]

Tipologie di dislessia[modifica | modifica wikitesto]

Dislessia fonologica[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista fonologico, la lettura può passare per diverse vie:

  • la via fonologica, che dalla percezione visiva passa per la conversione grafema-fonema e quindi per il buffer fonemico. È una via più lenta perché ogni fonema viene letto singolarmente.
  • la via lessicale non semantica, che dalla percezione visiva passa per il lessico ortografico di input e giunge al lessico fonologico di output e quindi al buffer fonemico. Si basa sulla lettura della parola intera basandosi sull'elaborazione parallela.
  • la via lessicale semantica, che va dalla percezione visiva al sistema semantico al buffer fonemico. Si utilizza in presenza di parole conosciute.

Nell'apprendimento della lettura il bambino attraversa vari stadi, corrispondenti all'acquisizione delle differenti vie:

  • Stadio logografico: il bambino elabora le proprietà salienti della parola;
  • Stadio alfabetico: si realizza l'associazione grafema-fonema, si leggono nuove parole;
  • Stadio ortografico: si comincia a eseguire elaborazioni in parallelo e a leggere la parola per intero, applicando regole fonologiche;
  • Stadio semantico: si attiva la via lessicale semantica, la lettura diviene molto più fluente.

A queste diverse vie si associano differenti disabilità nella lettura.
È possibile classificare la dislessia in:

  • superficiale: sono compromesse le vie lessicali ma la lettura, seppur stentata, è possibile;
  • fonologica: è compromessa la via fonologica perché manca una corretta associazione grafema/fonema, ma la via ortografica non è compromessa;
  • profonda: la via semantica è compromessa e si effettuano delle parafasie semantiche.

Un'interpretazione clinica della dislessia viene da E. Boder, che distingue tra:

  • dislessia diseidetica: è difficoltosa la rappresentazione della parola nelle sue variazioni, le parole nuove non sono comprensibili;
  • dislessia disfonologica: il deficit è a livello delle mappe grafema-fonema.

Un'ulteriore classificazione neuropsicofisiologia, ideata da Bakker, propone di considerare le dislessie a seconda dell'emisfero danneggiato:

  • Tipo L (emisfero dx): sono presenti deficit visuo-percettivi, la lettura è colma di errori perché manca una sufficiente mediazione delle aree preposte.
  • Tipo P (emisfero sx): si utilizzano strategie percettive, la lettura seppur stentata è possibile;

Dislessia visiva[modifica | modifica wikitesto]

L'apprendimento umano avviene per vie visive all'80% e comprende più di 300 vie neurologiche che ci permettono di guardare ed elaborare stimoli esterni, orientare noi stessi e gli altri, immaginare e manipolare la realtà. È sufficiente una piccola alterazione di una di queste vie a causare una dislessia più o meno grave.

Per la classificazione in base ai sintomi e alla sede della lesione http://www.neuropsy.it/deficit/dislessia/06.html

Percorsi terapeutici[modifica | modifica wikitesto]

Ogni percorso terapeutico deve essere personalizzato in relazione: alle caratteristiche psicologiche del soggetto, agli ambiti di competenza, potenzialità e difficoltà riscontrati, ai tempi di attenzione, ai livelli motivazionali e di metacognizione individuati. Le linee guida prevedono due itinerari da portare avanti parallelamente:

  • itinerario relativo alle competenze di base percettivo-motorie e meta-fonologiche
  • itinerario specifico per la lettura

Il primo itinerario è finalizzato alla riduzione delle lacune riscontrate nelle capacità di base; il secondo itinerario ha invece lo scopo di promuovere la conquista di capacità di lettura più adeguate. È importante quindi che i due itinerari siano proposti parallelamente e con gradualità, per evitare di rimandare nel tempo la conquista di quelle capacità di lettura che possono gratificare il bambino. Quest'ultimo dovrà essere informato circa il lavoro da svolgere, anzi, egli stesso dovrà conoscere gli obiettivi che, di volta in volta, dovranno essere raggiunti; in questo modo gli sarà possibile essere protagonista e, al tempo stesso, “osservatore” dei propri processi di apprendimento.

Consulenza alla famiglia Il lavoro con la famiglia deve integrare il percorso individuale del soggetto dislessico. Gli incontri con la famiglia sono un momento fondamentale nel lavoro con il bambino che presenta difficoltà di apprendimento; attraverso queste sedute si cerca di sostenere sia i genitori sia i figli nel cammino verso la piena comprensione del problema, verso la ricerca condivisa di modalità idonee per affrontarlo, evitando che il problema stesso giunga a pervadere ogni ambito della vita del bambino e crei disagi insormontabili nella sfera affettiva e relazionale. Nelle situazioni di disturbo specifico è in ogni caso importante che questo tipo d'intervento affianchi, ma non sostituisca, il lavoro individuale e personalizzato con il bambino, che deve essere portato avanti da personale preparato e in grado di stabilire adeguati raccordi con la scuola.

Ergonomia del testo[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio di testo scritto mediante OpenDyslexic, una famiglia di caratteri tipografici progettata per mitigare alcuni degli errori di lettura comuni causati dalla dislessia e migliorare la leggibilità dei testi.

I problemi di dislessia impongono di pensare all'ergonomia del testo scritto. Alcune linee guida possono essere d'aiuto per rendere più agevole la lettura, pur senza risolvere il problema.

  • font tipografico tendenzialmente senza grazie, in quanto rendono il testo graficamente più pesante. È importante che, però, siano differenziate almeno la "l" maiuscola e la "l" minuscola. Un carattere senza grazie (ossia senza le sporgenze alle estremità delle aste verticali), come quello in cui è scritto questo testo, è bene usarlo per testi brevi, con una spaziatura del 5-6% tra le lettere, perché nel caso di lettere come le “o” e la “g” lo scuro, verticale, del carattere risulta più vicino alle lettere che precedono e che succedono facendo perdere l'unità della lettera. Un altro problema che già danno i caratteri di larghezza media (meno evidente con quelli più stretti) è che nelle lettere aperte come la “n”, la “m”, la “u” e la “v” il bianco entra nell'area del carattere, disturbando la lettura. È per questo motivo che i libri sono impaginati con caratteri con le grazie, che stancano meno la lettura, nonostante siano meno sintetici, e nel caso di difficoltà di decodifica visiva sono meno indicati nella fase iniziale. Un'altra possibilità che può aiutare approcci difficoltosi è di usare il maiuscoletto al posto delle lettere minuscole, sempre distanziando un poco le lettere tra loro;
  • sconsigliata la frazionatura delle parole andando a capo. È importante che la riga contenga un massimo di settanta battute. Le battute giuste (da cui il termine giustezza della riga) dovrebbero essere circa sessanta, in modo che l'occhio sia facilitato a tornare indietro e il ritmo della respirazione possa accompagnare la lettura;
  • giustificazione solo a sinistra (sbandierato a destra) per tre ragioni principali:
    • equispaziatura delle parole e delle lettere che rende la lettura più lineare e codificabile
    • la sbandieratura a destra permette di avere una forma particolare dell'insieme della pagina che aiuta a evitare la perdita del segno
    • elimina la frazionatura delle parole andando a capo
  • ampia interlinea.

Dislessia e disagio psicologico[modifica | modifica wikitesto]

È frequente che le difficoltà specifiche di apprendimento non vengano individuate precocemente e che il bambino sia costretto a vivere una serie di insuccessi a catena senza che se ne riesca a comprendere il motivo. Quasi sempre, i risultati insoddisfacenti in ambito scolastico vengono attribuiti allo scarso impegno, al disinteresse verso le varie attività, alla distrazione. Questi alunni, oltre a sostenere il peso della propria incapacità, se ne sentono anche responsabili e colpevoli. L'insuccesso prolungato genera scarsa autostima; dalla mancanza di fiducia nelle proprie possibilità scaturisce un disagio psicologico che, nel tempo, può strutturarsi e dare origine a un'elevata demotivazione all'apprendimento e a manifestazioni emotivo-affettive particolari quali la forte inibizione, l'aggressività, gli atteggiamenti istrionici di disturbo alla classe e, in alcuni casi, la depressione.

Il soggetto con disturbo di apprendimento vive quindi il proprio problema a tutto tondo e ne rimane imprigionato fino a che non viene elaborata una diagnosi accurata che permette di fare chiarezza.

Possibili sensazioni e comportamenti del ragazzo dislessico[modifica | modifica wikitesto]

Provando a mettersi nei panni di un bambino o di un ragazzo con disturbo di apprendimento si possono immaginare le esperienze e gli stati d'animo:

  • egli si trova a far parte di un contesto (la scuola) nel quale vengono proposte attività per lui troppo complesse e astratte;
  • osserva però che la maggior parte dei compagni si inserisce con serenità nelle attività proposte e ottiene buoni risultati;
  • sente su di sé continue sollecitazioni da parte degli adulti (“stai più attento!”, ” Impegnati di più!”, “hai bisogno di esercitarti molto”…);
  • si percepisce come incapace e incompetente rispetto ai coetanei;
  • comincia a maturare un forte senso di colpa sentendosi responsabile delle proprie difficoltà;
  • ritiene che nessuno sia soddisfatto di lui, né gli insegnanti né i genitori;
  • ritiene di non essere all'altezza dei compagni e che questi non lo considerino membro del loro gruppo a meno che non vengano messi in atto comportamenti particolari (ad esempio quello di fare il buffone di classe);
  • per non percepire il proprio disagio, mette in atto meccanismi di difesa che non fanno che aumentare il senso di colpa, come il forte disimpegno (“Non leggo perché non ne ho voglia!”, “Non eseguo il compito perché non mi interessa”…) o l'attacco (aggressività);
  • talvolta il disagio è così elevato da annientare il soggetto ponendolo in una condizione emotiva di forte inibizione e chiusura.

Possibili atteggiamenti dei familiari del soggetto dislessico[modifica | modifica wikitesto]

Per la maggior parte dei genitori la scuola è importante, è al primo posto nella vita dei bambini e dei ragazzi, tutto il resto viene dopo e, se la scuola va male, ne sono insoddisfatti e chiedono al/alla figlio/a un maggiore impegno. Non di rado si sente dire ai genitori rispetto alla difficoltà del figlio: “Non me lo aspettavo… mi è sempre sembrato un bambino intelligente…".

L'ingresso nella scuola elementare ha, in questi casi, fatto emergere un problema; il bambino non apprende come gli altri, gli altri sanno già leggere e scrivere, lui invece… Comincia così la storia del bambino – scolaro, una storia che, in certi casi, ha risvolti davvero drammatici, non si riesce a comprendere tutta quella serie di “perché” che permetterebbero di intraprendere percorsi adeguati ed efficaci e si cercano soluzioni spesso dannose, anche se decise in buona fede. Ecco allora che si sottopongono i figli a estenuanti esercizi di recupero pomeridiano, si elargiscono punizioni (niente più sport, niente più videogiochi…), e talvolta si arriva anche a far cambiare scuola al figlio.

Nonostante si parli molto di questi problemi, c'è ancora scarsa conoscenza e non sempre la diagnosi giunge in tempi accettabili, cosicché sia il bambino sia la famiglia tutta vivono esperienze frustranti, generatrici di ansia e di un clima affettivo non certamente favorevole.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

I bambini dislessici richiedono un'istruzione speciale per l'analisi della parola e per l'ortografia, fin dalla più tenera età.[64] Tuttavia, vi sono caratteri che possono aiutare i dislessici a capire meglio la scrittura.[65] La prognosi, in generale, è positiva per gli individui a cui la condizione viene identificata durante l'infanzia e ricevono il supporto da amici e familiari.[1]

Recenti ricerche[modifica | modifica wikitesto]

Secondo quanto riportato dal notiziario on line delle Scienze, ricercatori della Scuola di Medicina dell'Università di Yale hanno identificato un gene nel cromosoma umano 6, chiamato DCDC2, le cui alterazioni sarebbero associate alla dislessia. Secondo questi studiosi una mutazione genetica di DCDC2 condurrebbe a un difetto nella formazione dei circuiti cerebrali preposti alla lettura. L'alterazione genetica sarebbe ereditaria.

Il principale autore della ricerca, Jeffrey R.Gruen, ritiene che questi risultati, se confermati, potrebbero portare a una migliore diagnostica per identificare la dislessia e potrebbero portare a una migliore comprensione del funzionamento a livello molecolare della lettura. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. La ricerca si basa su un campionamento statistico effettuato su 153 famiglie dislessiche. Le prove statistiche dimostrerebbero che circa il 20% dei casi di dislessia è dovuto all'alterazione nel gene DCDC2. L'alterazione genetica su questo cromosoma corrisponde alla cancellazione di una regione regolatrice. Lo stesso gene è responsabile, nei centri della lettura del cervello, della modulazione della migrazione di neuroni. Questa architettura cerebrale è necessaria per leggere normalmente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f NINDS Dyslexia Information Page, su National Institute of Neurological Disorders and Stroke, National Institutes of Health, 30 settembre 2011. URL consultato il 29 aprile 2015.
  2. ^ a b c d e f What are reading disorders?, National Institutes of Health. URL consultato il 15 marzo 2015.
  3. ^ What are the symptoms of reading disorders?, National Institutes of Health. URL consultato il 15 marzo 2015.
  4. ^ a b c d e f g h RL Peterson e BF Pennington, Developmental dyslexia. (PDF), in Lancet, vol. 379, nº 9830, 26 maggio 2012, pp. 1997–2007, DOI:10.1016/s0140-6736(12)60198-6, PMID 22513218.
  5. ^ <http://www.sinpia.eu/atom/allegato/146.pdf Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza - I disturbi specifici di apprendimento p.8]
  6. ^ How are reading disorders diagnosed?, National Institutes of Health. URL consultato il 15 marzo 2015.
  7. ^ What are common treatments for reading disorders?, National Institutes of Health. URL consultato il 15 marzo 2015.
  8. ^ a b Darcy Ann Umphred, Rolando T. Lazaro, Margaret Roller e Gordon Burton, Neurological Rehabilitation, Elsevier Health Sciences, 2013, p. 383, ISBN 978-0-323-26649-9.
  9. ^ a b J. J. Sandra Kooij, Adult ADHD diagnostic assessment and treatment, 3rd, London, Springer, 2013, p. 83, ISBN 978-1-4471-4138-9.
  10. ^ How many people are affected by/at risk for reading disorders?, National Institutes of Health. URL consultato il 15 marzo 2015.
  11. ^ Danielle Venton, The Unappreciated Benefits of Dyslexia, su Wired.com, Wired, September 2011. URL consultato il 2015.
  12. ^ Schneps Mathew, The Advantages of Dyslexia, su ScientificAmerican.com, Scientific American, August 2014. URL consultato il 2015.
  13. ^ a b Robert Jean Campbell, Campbell's Psychiatric Dictionary, Oxford University Press, 2009, pp. 310–312, ISBN 978-0-19-534159-1.
  14. ^ Heikki Lyytinen, In Search of a Science Based Application:Learning Tool for Reading Acquisition, in Scandinavian Journal of Psychology, vol. 50, nº 6, November 2009, pp. 668–675, DOI:10.1111/j.1467-9450.2009.00791.x, PMID 19930268.
  15. ^ Sylvia Phillips, Kathleen Kelly e Liz Symes, Assessment of Learners with Dyslexic-Type Difficulties, SAGE, 2013, p. 7, ISBN 978-1-4462-8704-0.
  16. ^ Anna M. Woollams, Connectionist neuropsychology: uncovering ultimate causes of acquired dyslexia, in Philosophical Translations of the Royal Society of London; Series B, Biological Sciences, vol. 369, nº 1634, 9 dicembre 2013, pp. 20120398, DOI:10.1098/rstb.2012.0398, PMC 3866427, PMID 24324241. URL consultato il 13 febbraio 2015.
  17. ^ Kenneth M. Heilman e Edward Valenstein, Clinical Neuropsychology, Oxford University Press, 2011, pp. 115–116, ISBN 978-0-19-538487-1.
  18. ^ ICD-10 Version:2015, su apps.who.int. URL consultato il 4 novembre 2015.
  19. ^ ICD-10 Version:2015, su apps.who.int. URL consultato il 4 novembre 2015.
  20. ^ Specific learning disorders (PDF), su American Psychiatric Publishing, 2013. URL consultato il 6 novembre 2015.
  21. ^ a b (DE) Berkhan O, Über die Wortblindheit, ein Stammeln im Sprechen und Schreiben, ein Fehl im Lesen [About word blindness, adyslalia of speech and writing, a weakness in reading], in Neurologisches Centralblatt, vol. 36, 1917, pp. 914–27.
  22. ^ Über Dyslexie [About dyslexia], in Archiv für Psychiatrie, vol. 15, 1884, pp. 276–278.
  23. ^ Annual of the Universal Medical Sciences and Analytical Index: A Yearly Report of the Progress of the General Sanitary Sciences Throughout the World, F. A. Davis Company, 1888, p. 39.
  24. ^ Patricia Brooks, Encyclopedia of language development, SAGE, 2014, p. 30, ISBN 978-1-4833-4643-4. URL consultato il 4 marzo 2015.
  25. ^ Srikanta K. Mishra, Medial efferent mechanisms in children with auditory processing disorders., in Frontiers in Human Neuroscience, vol. 8, October 2014, pp. 860, DOI:10.3389/fnhum.2014.00860, PMC 4209830, PMID 25386132.
  26. ^ Allan Tasman, Jerald Kay, Jeffrey A. Lieberman, Michael B. First e Michelle Riba, Psychiatry, 2 Volume Set, John Wiley & Sons, 29 gennaio 2015, ISBN 978-1-118-84549-3.
  27. ^ Athanassios Protopapas, From temporal processing to developmental language disorders: mind the gap, in Philosophical transactions of the Royal Society of LondonSeries B, Biological Sciences, vol. 369, nº 1634, 2013, pp. 20130090, DOI:10.1098/rstb.2013.0090, PMC 3866431, PMID 24324245.
  28. ^ Jing Zhao, The visual magnocellular-dorsal dysfunction in Chinese children with developmental dyslexia impedes Chinese character recognition., in Scientific Reports, vol. 4, November 2014, pp. 7068, Bibcode:2014NatSR...4E7068Z, DOI:10.1038/srep07068, PMC 4238300, PMID 25412386.
  29. ^ Chloe Marshall, Current Issues in Developmental Disorders, Psychology Press, 2012, p. 152, ISBN 978-1-84872-084-8.
  30. ^ Ana Luiza Gomes Pinto Navas, Érica de Cássia Ferraz, Juliana Postigo Amorina Borges, Ana Luiza Gomes Pinto Navas, Érica de Cássia Ferraz e Juliana Postigo Amorina Borges, Phonological processing deficits as a universal model for dyslexia: evidence from different orthographies, in CoDAS, vol. 26, nº 6, 2014, pp. 509–519, DOI:10.1590/2317-1782/20142014135, PMID 25590915.
  31. ^ Hamada, Hiroshi e Tam, Patrick P.L., Mechanisms of left-right asymmetry and patterning: driver, mediator and responder, in F1000 Prime Reports, December 2014. URL consultato il 13 febbraio 2015.
  32. ^ a b c d SM Handler, WM Fierson, Ophthalmology Section on, Disabilities Council on Children with, Ophthalmology American Academy of, Strabismus American Association for Pediatric Ophthalmology and e Orthoptists American Association of Certified, Learning disabilities, dyslexia, and vision., in Pediatrics, vol. 127, nº 3, March 2011, pp. e818–56, DOI:10.1542/peds.2010-3670, PMID 21357342.
  33. ^ Dyslexia and Related Disorders (PDF), su Alabama Dyslexia Association, International Dyslexia Association, January 2003. URL consultato il 29 aprile 2015.
  34. ^ Lindsay Peer e Gavin Reid, Multilingualism, Literacy and Dyslexia, Routledge, 2014, p. 219, ISBN 978-1-136-60899-5.
  35. ^ Sally E. Shaywitz e Bennett A Shaywitz, Chapter 34 Making a Hidden Disability Visible: What Has Been Learned from Neurobiological Studies of Dyslexia, in H. Lee Swanson, Karen R. Harris e Steve Graham (a cura di), Handbook of Learning Disabilities, 2ª ed., Guilford Press, 2013, p. 647, ISBN 978-1-4625-0856-3.
  36. ^ Lum Jarrad, Procedural learning is impaired in dyslexia: evidence from a meta-analysis of serial reaction time studies, in Research of Developmental Disabilities, vol. 34, nº 10, October 2013, pp. 3460–76, DOI:10.1016/j.ridd.2013.07.017, PMC 3784964, PMID 23920029.
  37. ^ Scott O. Lilienfeld, Steven Jay Lynn, John Ruscio e Barry L. Beyerstein, 50 Great Myths of Popular Psychology: Shattering Widespread Misconceptions about Human Behavior, John Wiley & Sons, 15 settembre 2011, pp. 88–89, ISBN 978-1-4443-6074-5. URL consultato il 19 maggio 2016.
  38. ^ a b Eraldo Paulesu, Nicola Brunswick, and Federica Paganelli. "Cross-cultural differences in unimpaired and dyslexic reading: Behavioral and functional anatomical observations in readers of regular and irregular orthographies. Chapter 12 in Reading and Dyslexia in Different Orthographies. Page 266. Eds. Nicola Brunswick, Sine McDougall, and Paul de Mornay Davies. Psychology Press, 2010. ISBN 9781135167813
  39. ^ Connie Juel, The Impact of Early School Experiences on Initial Reading, in David K. Dickinson e Susan B. Neuman (a cura di), Handbook of Early Literacy Research, Guilford Publications, 2013, p. 421, ISBN 978-1-4625-1470-0.
  40. ^ Margaret J Snowling e Charles Hulme, Annual Research Review: The nature and classification of reading disorders – a commentary on proposals for DSM-5, in Journal of Child Psychology and Psychiatry, and Allied Disciplines, vol. 53, nº 5, 1º maggio 2012, pp. 593–607, DOI:10.1111/j.1469-7610.2011.02495.x, PMC 3492851, PMID 22141434.
  41. ^ R. I. Nicolson e A. J. Fawcett, Dyslexia, dysgraphia, procedural learning and the cerebellum, in Cortex, vol. 47, nº 1, September 2009, pp. 117–27, DOI:10.1016/j.cortex.2009.08.016, PMID 19818437.
  42. ^ a b Cecil R. Reynolds e Elaine Fletcher-Janzen, Encyclopedia of Special Education, John Wiley & Sons, 2 gennaio 2007, p. 771, ISBN 978-0-471-67798-7.
  43. ^ Ronald Comer, Psychology Around Us, RR Donnelley, 2011, p. 1, ISBN 978-0-471-38519-6.
  44. ^ E Germanò, A Gagliano e P Curatolo, Comorbidity of ADHD and Dyslexia (PDF), in Developmental Neuropsychology, vol. 35, nº 5, 2010, pp. 475–493, DOI:10.1080/87565641.2010.494748, PMID 20721770.
  45. ^ Fatemi, S. Hossein, Sartorius, Norman e Clayton, Paula J., The Medical Basis of Psychiatry, 3ª ed., Springer Science & Business Media, 2008, p. 308, ISBN 978-1-59745-252-6.
  46. ^ Simone Aparecida Capellini, Neuropsycholinguistic Perspectives on Dyslexia and Other Learning Disabilities, Nova Publishers, 2007, p. 94, ISBN 978-1-60021-537-7.
  47. ^ D. R. Moore, The diagnosis and management of auditory processing disorder, in Lang Speech Hear Serv Sch, vol. 42, nº 3, July 2011, pp. 303–8, DOI:10.1044/0161-1461(2011/10-0032), PMID 21757566.
  48. ^ a b Kristen Pammer, Brain mechanisms and reading remediation: more questions than answers., in Scientifica, vol. 2014, January 2014, pp. 802741, DOI:10.1155/2014/802741, PMC 3913493, PMID 24527259.
  49. ^ J Law, relationship of phonological ability, speech perception, and auditory perception in adults with dyslexia, in Frontiers in Human Neuroscience, vol. 8, 2014, pp. 482, DOI:10.3389/fnhum.2014.00482, PMC 4078926, PMID 25071512.
  50. ^ Susan J. Pickering, Chapter 2. Working Memory in Dyslexia, in Tracy Packiam Alloway e Susan E. Gathercole (a cura di), Working Memory and Neurodevelopmental Disorders, Psychology Press, 2012, ISBN 978-1-135-42134-2.
  51. ^ Gavin Reid, Angela Fawcett, Frank Manis e Linda Siegel, The SAGE Handbook of Dyslexia, SAGE Publications, 2008, p. 127, ISBN 978-1-84860-037-9.
  52. ^ a b John Stein, Dyslexia: the Role of Vision and Visual Attention, in Current Developmental Disorders Reports, vol. 1, nº 4, 2014, pp. 267–80, DOI:10.1007/s40474-014-0030-6, PMC 4203994, PMID 25346883.
  53. ^ Harry A. Whitaker, Concise Encyclopedia of Brain and Language, Elsevier, 2010, p. 180, ISBN 978-0-08-096499-7.
  54. ^ cathy Price, A Review and Synthesis of the first 20 years of Pet and fMRI studies of heard Speech, Spoken Language and Reading, in NeuroImage, vol. 62, nº 2, 16 agosto 2012, pp. 816–847, DOI:10.1016/j.neuroimage.2012.04.062, PMC 3398395, PMID 22584224.
  55. ^ S Sharifi, Neuroimaging essentials in essential tremor: a systematic review., in Neuroimage Clinical, vol. 5, May 2014, pp. 217–231, DOI:10.1016/j.nicl.2014.05.003, PMC 4110352, PMID 25068111.
  56. ^ William Brandler, The genetic relationship between handedness and neurodevelopmental disorders, in Trends in molecular medicine, vol. 20, nº 2, February 2014, pp. 83–90, DOI:10.1016/j.molmed.2013.10.008, PMC 3969300, PMID 24275328.
  57. ^ Kate Cain, Reading development and difficulties, 1st, TJ International, 2010, p. 134, ISBN 978-1-4051-5155-9. URL consultato il 21 marzo 2015.
  58. ^ Itzhak Levav, Psychiatric and Behavioral Disorders in Israel: From Epidemiology to Mental health, Green Publishing, 2009, p. 52, ISBN 978-965-229-468-5. URL consultato il 21 marzo 2015.
  59. ^ Faust, Miriam, The Handbook of the Neuropsychology of Language, John Wiley & Sons, 2012, pp. 941–43, ISBN 978-1-4443-3040-3.
  60. ^ A Benitez, Neurobiology and neurogenetics of dyslexia, in Neurology (in spanish), vol. 25, nº 9, November 2010, pp. 563–81, DOI:10.1016/j.nrl.2009.12.010, PMID 21093706.
  61. ^ Julia Kere, The molecular genetics and neurobiology of developmental dyslexia as model of a complex phenotype, in Biochemical and biophysical research communication, vol. 452, nº 2, September 2014, pp. 236–43, DOI:10.1016/j.bbrc.2014.07.102. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  62. ^ Marshall, Chloë R., Current Issues in Developmental Disorders, Psychology Press, 2012, pp. 53–56, ISBN 978-1-136-23067-7.
  63. ^ Rosen, Glenn D., The Dyslexic Brain: New Pathways in Neuroscience Discovery, Psychology Press, 2013, p. 342, ISBN 1-134-81550-6.
  64. ^ Anne O’Hare, Dyslexia: what do paediatricians need to know?, in Pediatrics and Child health, vol. 20, nº 7, 2010, pp. 338–343, DOI:10.1016/j.paed.2010.04.004. URL consultato l'11 marzo 2015.
  65. ^ (ENNL) Renske de Leeuw, Special Font For Dyslexia? (PDF), University of Twente, December 2010, p. 32. (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2011).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Monica Pratelli; Difficoltà di apprendimento e dislessia; Edizioni Junior, Azzano San Paolo, Bergamo
  • Andrea Biancardi, Gianna Milano; Quando un bambino non sa leggere; Milano, Rizzoli, 2003
  • Cesare Cornoldi; Le difficoltà di apprendimento a scuola; Bologna, Il Mulino, 1999
  • Claudio Vio, Cristina Toso; Dislessia evolutiva. Dall'identificazione del disturbo all'intervento; Roma, Carocci Editore, 2007
  • Pierluigi Zoccolotti, Paola Angelelli, Anna Judica, Claudio Luzzatti; I disturbi evolutivi di lettura e scrittura; Roma, Edizioni Carocci, 2005
  • Chiara De Grandis, La dislessia: interventi della scuola e della famiglia; Trento, Edizioni Erickson, 2007 - ISBN 978-88-7946-995-1
  • Andrea Bigagli; Leggere la lingua italiana. Apprendimento e dislessia evolutiva; Milano, Academia Universa Press, 2009
  • Margherita Orsolini, Sara Capriolo, Angela Santese, "Suono o Sono? Un compito di consapevolezza fonologica" , Edizioni Infantiae.Org, Roma, 2005, ISBN 88-89529-07-5
  • Dario Ianes, Sofia Cramerotti e Monja Tait; "La dislessia - Il ruolo della scuola e della famiglia"; Trento, Edizioni Erickson, 2007, ISBN 978-88-6137-112-5
  • Zardus-Mazzocca, Tuo figlio non parla bene Le applicazioni di Dialogo Attivo, Edizione Cisalpino, ISBN 978-88-323-6224-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]