Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rick Riordan, l'autore della serie

Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo (Percy Jackson & The Olympians) è una saga letteraria di genere fantasy scritta da Rick Riordan. La serie si compone di cinque libri basati prevalentemente sulla mitologia greca pur essendo ambientati negli Stati Uniti.

Dal primo libro, Il ladro di fulmini, è stato tratto un film distribuito nelle sale il 12 marzo 2010. Il 12 settembre 2013 è stato pubblicato il sequel, tratto dal secondo libro della serie, Il mare dei mostri .

Caratteristiche dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stemma degli Stati Uniti d'America riproduce l'aquila, simbolo del Re degli Dei, Zeus

La saga di Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo è collocabile nel genere fantasy e del romanzo di formazione.

La saga è ambientata nell'età contemporanea. Il protagonista è un ragazzo di nome Perseus Jackson (interpretato nel film da Logan Lerman), da tutti chiamato Percy, che all'età di 12 anni scopre di essere un semidio e che le divinità dell'antica Grecia esistono e si sono trasferite in America (più precisamente al seicentocinquantaseiesimo piano dell'Empire State Building). Gli dei dell'Olimpo, infatti, seguono il cuore della civiltà occidentale, che attualmente si identifica proprio negli Stati Uniti; tutti i principali luoghi dell'antica Grecia si sono spostati con loro. I comuni mortali non si accorgono di tutto ciò a causa di una misteriosa forza magica, la Foschia, che annebbia le loro menti e non gli permette di vedere dei, mostri e armi in bronzo celeste, da cui non possono neanche essere feriti.

I libri sono raccontati da Percy stesso in prima persona, che narra la sua vita dai 12 anni fino ai 16 anni. Percy scoprirà che esistono, oltre agli dei, moltissime altre creature mitologiche che credeva inesistenti: i satiri, le ninfe, le driadi, i centauri, le sirene e anche i mostri, esseri infernali che non possono morire, ma possono essere disintegrati e confinati nel Tartaro per rinascere poi a distanza di giorni, di anni, o anche di secoli.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i luoghi reali in cui è ambientata la saga si trovano negli Stati Uniti d'America.

  • Campo Mezzosangue (Long Island), campo segreto dove si allenano i mezzosangue, protetto dalla magia dell'albero di Talia, che traccia un confine lungo tutto il perimetro del campo e impedisce a qualsiasi mostro mitologico di infiltrarsi. È il luogo che Percy ama di più, dato che qui si trovano gli amici e il Centauro Chirone, che lo allena nel combattimento.
  • Empire State Building (New York), la sede degli dei come nuovo Monte Olimpo che si trova al 656º piano, raggiungibile unicamente con l'ascensore. L'Olimpo è una vera e propria città che conta come abitanti una miriade di Nebulae (ninfe del cielo) e divinità minori. Gli edifici sono realizzati secondo il classico stile greco con tanto di templi di ogni ordine e piazze rigogliose. Nell'estremità della cittadella si erge maestoso il palazzo dell'Olimpo, dove per ogni passaggio del solstizio si riunisce il consiglio degli dei maggiori. La stanza principale è immensa e il soffitto è puntellato di stelle e nubi temporalesche e al centro dei 12 troni si trova un fuoco.
  • Hotel Lotus (Las Vegas), è un casinò in cui il tempo non scorre e da cui i visitatori non vogliono più andare via, restando per l'eternità imprigionati in un limbo infinito di euforia. Nel film invece il tempo non scorre solo per chi mangia i Fiori di loto offerti dai camerieri del posto.
  • Inferi (per i quali esistono due entrate: Hollywood a Los Angeles e Central Park a New York), è il regno di Ade, dio che governa sui morti. Una volta entrati è difficile uscirne. Il primo essere che vi si incontra è Caronte, colui che traghetta le anime oltre il fiume nero dello Stige, dove i sogni mai realizzati degli uomini vengono dispersi. Le rive sono una spiaggia di sabbia scura che, una volta superata, porta fino al consiglio che decreterà dove deve andare a finire un'anima tra tre diverse destinazioni: i Campi della Pena per i malvagi o i peccatori, dove essi patiscono una pena eterna; le praterie degli Asfodeli, dove finiscono le anime né troppo buone né troppo cattive (esse sono un luogo dove il tempo non esiste e, fatta eccezione per i figli di Ade, le anime non ricordano nulla della loro vita mortale e sono irriconoscibili); i Campi Elisi, dove le anime degli eroi riposano in una magnifica terra con la possibilità di rinascere. Gli Elisi si trovano ai confini di un lago in cui si trova l'Isola dei Beati, un'isola rigogliosa e splendida dove finiscono le anime che sono finite per ben tre volte ai Campi Elisi.
  • Triangolo delle Bermuda (Oceano Atlantico), è l'entrata per il mare dei mostri, dove si trovano Scilla e Cariddi al cui interno si trovano:
    • L'isola di Circe, che viene trasformata in un centro benessere (per sole donne) dalla maga stessa;
    • L'isola delle Sirene, i cui canti ipnotizzano i navigatori;
    • L'isola di Polifemo, dove si trova il Vello d'oro.

Altri luoghi di rilievo sono:

  • Diga di Hoover (Arizona e Nevada) nella quale Percy si troverà nel terzo libro.
  • Monte Tamalpais (San Francisco), luogo dove si trovano il Giardino delle Esperidi, Atlante che regge il cielo, il palazzo di Crono e il nuovo monte Otri. Questo luogo sarà anche uno dei punti di riferimento della seconda saga di Rick Riordan, Eroi dell'Olimpo.
  • Labirinto di Dedalo, che si espande sottoterra. Mura, pavimenti e soffitti cambiano stili e materiali continuamente. Il luogo è estremamente pericoloso ed insidioso e continua ad esistere grazie allo spirito di Dedalo, il quale vive in un laboratorio all'esatto centro dell'opera che è difficilissimo da rintracciare e trovare. Viene apparentemente distrutto dal suicidio del suo creatore nella prima serie. Nelle serie successive (Eroi dell'Olimpo e Le Sfide di Apollo) si conferma che il labirinto esista ancora.
  • Monte Sant'Elena (Stato di Washington), una delle fucine di Efesto e prigione di Tifone.
  • Casa Castellan (Westport, Connecticut), dove viveva Luke con la madre prima di scappare di casa. Sua madre vive ancora lì.
  • E molti altri

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo.

Rick Riordan si è basato sulla Biblioteca di Pseudo Apollodoro per i suoi personaggi e trama.

  • Percy Jackson: età 12 (Il Ladro di Fulmini), è il protagonista della serie. Nel primo capitolo della saga in seguito a diversi attacchi da parte di mostri viene scortato al Campo Mezzosangue dal satiro Grover. È figlio di Poseidone. Ha i capelli neri e gli occhi verdi. Si innamora di Annabeth Chase, figlia di Atena.
  • Grover Underwood: età 26 (anche se ne dimostra la metà), è un satiro il cui compito è trovare i semidei per portarli al Campo, anche se aspira a diventare cercatore del dio delle selve Pan. È il migliore amico di Percy.
  • Annabeth Chase: età 12 (Il Ladro di Fulmini), semidea figlia di Atena. Si trova al Campo da più tempo di tutti, al pari di Luke, suo migliore amico. Lei e Percy affronteranno molte avventure insieme e lei si innamora di lui.
  • Luke Castellan: età 19 (Il Ladro di Fulmini), semidio figlio di Ermes. Giunse al Campo insieme ad Annabeth e, per i semidei, è una sorta di capo essendo il più anziano. Nutre un profondo rancore nei confronti del padre divino Ermes (e per tutti gli dei), il che lo porterà a tradire i propri amici.
  • Talia Grace: età 15 anni, semidea figlia di Zeus. Anche lei cercò di raggiungere il Campo con Luke ed Annabeth ma non ci arrivò mai perché si sacrificò per salvare gli amici in una battaglia appena fuori dal campo, dove rimase gravemente ferita. Zeus ebbe pietà di lei e la tramutò in un albero che veglia sul Campo. La sua condizione di albero cessa grazie all'esposizione al Vello d'oro. È una ragazza punk che combatte con una lancia ed una copia dell'Egida. Diventa la luogotenente delle Cacciatrici di Artemide.
  • Nico Di Angelo: età 10 (La Maledizione del Titano), semidio figlio di Ade. Compare per la prima volta in "La Maledizione del Titano" insieme alla sorella, Bianca di Angelo. I due sono stati rinchiusi nel casinò Lotus dal padre per via della cosiddetta profezia dei "Tre Pezzi Grossi". Successivamente verrà salvato da Percy, Annabeth, Talia e Grover. Si unirà temporaneamente agli altri semidei del Campo Mezzosangue, fino alla morte della sorella (di cui incolpa Percy), dove scappa nell'Ade.
  • Bianca di Angelo: età 12 anni, semidea figlia di Ade e sorella di Nico (anche per parte della madre). Come il fratello si trova al casinò Lotus e seguirà la sua stessa sorte. Tuttavia giunti al Campo cercherà di slegarsi dal fratello diventando una cacciatrice. Morirà per salvare i suoi compagni d'impresa.
  • Tyson: età 13, ciclope figlio di Poseidone, e quindi fratello di Percy da parte divina.
  • Clarisse La Rue: età 14, semidea figlia di Ares. È spesso in conflitto con Percy e con gli altri semidei a causa del suo carattere litigioso ereditato dal genitore divino.
  • Rachel Elizabeth Dare: età 14, ragazza mortale che può vedere attraverso la Foschia (cosa normalmente impossibile per i mortali). Ha una grande passione per l'arte. Diventerà il nuovo Oracolo di Delphi.
  • Chirone: centauro, direttore delle attività del Campo Mezzosangue, lo stesso centauro che fu maestro di Ercole.
  • Dioniso: dio del vino e delle feste, direttore del Campo Mezzosangue.
  • Non sono tutti

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo[modifica | modifica wikitesto]

Il ladro di fulmini[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: il ladro di fulmini (romanzo).

Percy Jackson è un ragazzino di 12 anni, vive a New York e frequenta un collegio per ragazzi difficili, insieme all'amico Grover, dove l'unico insegnante che lo incoraggia è il professor Brunner, insegnante di latino, che si scopre in seguito essere è il centauro Chirone. Durante una gita, la professoressa di matematica lo isola dalla classe, si trasforma in una Furia e tenta di ucciderlo. Percy scopre così di essere un semidio, figlio di una donna umana e di un dio greco. Il suo destino è dunque quello di vivere al Campo Mezzosangue, tra i semidei, per allenarsi a diventare un vero eroe. Prima di arrivare al campo Percy affronta per la prima volta un mostro, il Minotauro, che prende sua madre Sally. Inizialmente stanziato nella casa di Ermes come indeterminato, Percy viene riconosciuto dal padre che si scopre essere Poseidone, il dio del mare. La sua esistenza è dunque un errore, perché Poseidone, essendo uno dei Tre Pezzi Grossi (Ade, Zeus e Poseidone), ha stipulato un patto con i fratelli secondo il quale non sarebbero dovuti esistere figli generati da un loro rapporto con dei mortali per via di una profezia che potrebbe distruggere l'Olimpo.

Nel frattempo sull'Olimpo si prepara una guerra: qualcuno ha infatti rubato la Folgore di Zeus e quest'ultimo ha accusato Poseidone; gli dei non possono rubarsi i simboli del potere a vicenda, ma un mezzosangue può farlo. Infatti, appena scopre che Poseidone ha violato il patto accusa Percy del furto. Se la Folgore non sarà restituita al proprietario entro il solstizio d'estate, si scatenerà la Terza Guerra Mondiale. Percy, insieme all'amica Annabeth Chase e al satiro Grover Underwood, parte per un'impresa per entrare nel Regno dei Morti, dominato da Ade: il ragazzo è infatti convinto che sia proprio il dio dei morti ad aver rubato la Folgore, in quanto una possibile guerra arricchirebbe molto il suo regno.

Superando mille ostacoli, Percy riesce a giungere al cospetto dello zio, solo per scoprire che non solo Ade è innocente, ma scopre anche che al dio è stato rubato l'Elmo dell'Oscurità, il simbolo del suo potere.

Tornato nel mondo dei vivi grazie a un dono magico ricevuto da una ninfa inviata da suo padre, Percy capisce che il dio che ha voltato le spalle all'Olimpo è Ares, il dio della guerra, ma comprende anche che non ha agito da solo e che anzi è stato guidato nelle sue azioni da Crono, malvagio Titano confinato nel Tartaro. Percy vince lo scontro con Ares e riporta la folgore sull'Olimpo proprio il giorno del Solstizio d'estate, salvando il mondo. Tornato al campo viene però tradito da Luke, che tenta di ucciderlo. A salvarlo è il centauro Chirone. Luke però fugge ed è una minaccia ancora presente.

Il mare dei mostri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: il mare dei mostri (romanzo).

Percy Jackson, dopo un anno relativamente tranquillo passato in una nuova scuola, si trova costretto a fuggire da nuovi mostri che vogliono ucciderlo: sono i Lestrigoni, ovvero dei giganti mangiatori di uomini. Aiutato dalla semidea Annabeth Chase e dal nuovo amico Tyson, un senzatetto che la scuola di Percy ha adottato, riesce comunque a ritornare al Campo Mezzosangue, dove scopre che la barriera magica che isola il campo dalle invasioni dei mostri si è indebolita a causa della malattia del pino che si trova sul crine. Il pino, che è la trasformazione della morente Talia Grace, semidea figlia di Zeus, doveva proteggere il campo, ma è stato avvelenato con una misteriosa sostanza per la quale non esiste cura, se non il Vello d'oro, smarrito molti secoli prima; incolpato ingiustamente dell'avvelenamento è il professore di Percy e direttore delle attività del Campo, il centauro Chirone, che viene dunque mandato via.

Al posto del centauro, il dio Dioniso (direttore del Campo) sceglie Tantalo, che si dimostrerà un pessimo insegnante, a cui non interessa niente della salvezza dei semidei. Tantalo reintrodurrà una vecchia tradizione del Campo Mezzosangue, abolita diversi anni prima a causa del pericolo corso dai partecipanti: la corsa delle bighe.

Durante la prima corsa gli eroi vengono attaccati dagli uccelli di Stinfalo, ma grazie a un'idea di Percy e Annabeth lo stormo viene decimato e scacciato. Viene comunque incoronata vincitrice della corsa Clarisse La Rue, figlia di Ares, mentre i due eroi e Tyson vengono puniti da Tantalo, accusati di aver attratto gli uccelli demoniaci a causa della loro pessima guida delle bighe. Alla fine della serata, Percy espone il proprio piano per salvare il pino ed il Campo Mezzosangue, rivelando le coordinate esatte dell'entrata per Il Mare dei Mostri, dove si dovrebbe trovare il Vello d'Oro, datogli precedentemente dalle Graie.

Viene allora affidata la missione del recupero del Vello a Clarisse, ma Percy, accompagnato da Annabeth e Tyson, parte per la stessa missione senza autorizzazione del Campo, per poter salvare anche il suo amico Grover, disperso ormai da mesi. Prima di lasciare il Campo, Percy incontra il dio Ermes, che gli consegna due doni: un thermos che contiene i venti, che, se ben usati, favorirebbero gli eroi durante il viaggio, e delle vitamine speciali, che dovranno usare solo in caso di vero bisogno. Alla fine del libro si scopre che il Vello d'Oro ha funzionato troppo bene, perché non solo ha salvato l'albero di Talia ma ha riportato la ragazza alla forma umana.

La maledizione del Titano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: la maledizione del Titano.

Il romanzo si apre con un intervento di Annabeth, Talia e Percy in aiuto di Grover, il quale ha trovato due potenti semidei, Nico e Bianca Di Angelo, che deve condurre al Campo Mezzosangue. I ragazzi si battono però con una manticora, che lavora per Crono e che rapisce Annabeth durante il tentativo della ragazza di salvare Percy dalla bestia. Con l'aiuto della dea Artemide e delle sue Cacciatrici, scortano i due nuovi semidei al Campo. Dopo qualche giorno si viene a sapere che Artemide è stata rapita e imprigionata, obbligata a sostenere il peso di un'enorme massa scura. Parte allora una spedizione dal Campo che si dirige alla ricerca di Annabeth e Artemide, senza la quale al Concilio degli dei non verranno prese decisioni concrete contro i mostri. Alla missione partecipano Grover, Zoe Nightshade (luogotenente delle cacciatrici di Artemide), Bianca di Angelo (diventata Cacciatrice), Talia e Percy (infiltratosi nella missione senza di nascosto). Bianca rimarrà uccisa da Talo, nella discarica degli dei, ma alla fine riusciranno a raggiungere la base di Luke, il monte Tamalpais a San Francisco, ovvero il nuovo Monte Otri. Là riaffibbieranno il peso della massa scura, che non è altro che la volta celeste, al Generale di Crono Atlante dopo vari combattimenti. Luke perde il duello con Talia e fugge con la sua nave di mostri, la "Principessa Andromeda". Talia decide di unirsi alle Cacciatrici di Artemide, per non invecchiare più e lasciare che sia Percy il semidio della Grande Profezia. Nico di Angelo però, sentendosi tradito da Percy per la morte della sorella Bianca, si infuria con lui rivelando il suo grande potere: egli è infatti figlio di Ade e fugge dal Campo. Con un nuovo nemico, Nico, e con la profezia che potrebbe riguardare sia lui che il figlio del dio dei morti, Percy si prepara alla guerra.

La battaglia del labirinto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: la battaglia del labirinto.

Percy, durante una gita di orientamento nella scuola dove insegna il fidanzato di sua madre, viene attaccato da due empuse mentre si trova insieme a Rachel Elizabeth Dare, la ragazza che nel libro precedente lo aveva salvato alla diga di Hoover da alcuni zombie; l'intervento fortuito di Annabeth lo salva dal pericolo. Arrivati al Campo conoscono Quintus, un insegnante di scherma che ha un segugio infernale addomesticato (la Signora O'Leary), e durante un'esercitazione programmata da Quintus per allenarli, trovano un ingresso al labirinto costruito da Dedalo proprio dentro il campo. Scoprono che Luke vuole usarlo per invadere il Campo, così Annabeth, Percy, Tyson e Grover intraprendono una spedizione nel labirinto e salvano Nico di Angelo che ritorna dalla parte dei buoni. Quindi scoprono che Quintus, è in realtà Dedalo. In quel momento però arrivano dei seguaci di Luke, mandati dal proprio comandante per ucciderli. Percy e i suoi compagni scappano e seguendo un tunnel del labirinto vedono Crono impossessarsi del corpo di Luke. Prima di tornare al Campo trovano nel labirinto il Dio Pan, che decide di morire essendo i suoi domini (le selve) ormai distrutti. La battaglia che segue quando l'avanguardia di Luke dal labirinto esce nel Campo è molto combattuta ma viene vinta grazie all'aiuto di Briareo, un gigante centimano, seppur con numerosi caduti. Infine Dedalo decide di morire per evitare che l'esercito di Crono possa riattaccare il Campo attraverso il labirinto, il quale è infatti legato alla sua forza vitale. Il libro si conclude con Nico che contatta Percy alla festa di compleanno di quest'ultimo, alla quale partecipa anche Poseidone.

Lo scontro finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: lo scontro finale.

Percy e Charles Beckendorf (figlio di Efesto) vengono incaricati di distruggere la nave di Luke, la " Principessa Andromeda". Crono però, sapendo del piano grazie a una spia nel Campo Mezzosangue, cattura i due ragazzi, che riescono comunque a liberarsi, ma durante la fuga Beckendorf muore sacrificandosi per Percy e distruggendo la nave e tutti i mostri all'interno. Dopo essere tornato al Campo, il figlio di Poseidone viene finalmente a conoscenza della profezia dell'Oracolo di Delfi sui Tre Pezzi Grossi:

« Un mezzosangue degli dei maggiori
Compirà sedici anni seppur tra guai e dolori
E mentre in un lungo sonno il mondo piombar vedrà
l'anima dell'eroe, l'orrida lama strapperà
una sola scelta porrà ai suoi giorni fine
e dell'Olimpo il trionfo decreterà, o la caduta infine
. »

Percy viene poi a conoscenza del passato di Luke e viene accompagnato da Nico negli Inferi per bagnarsi nel fiume Stige e diventare così invincibile per poter battere Crono (anche lui invincibile poiché tuffatosi nel fiume). Nel frattempo gli dei sono occupati a sconfiggere Tifone, liberato nel libro precedente dal Monte Sant'Elena. Percy, però, non è del tutto invincibile: il suo "tallone d'Achille" e una piccola porzione di pelle sulla schiena e, se venisse colpito lì, morirebbe. Appena risalito dagli Inferi, gli eserciti nemici avanzano e Percy raduna più Mezzosangue e Cacciatrici possibili per combattere la guerra a Manhattan e difendere il Monte Olimpo; Grover raduna, molti spiriti della natura. Durante la guerra Percy viene quasi ucciso, ma Annabeth lo salva proteggendolo col proprio corpo e ricevendo una pugnalata al posto dell'amico. Percy si prende cura della ragazza e le rivela il suo punto debole. L'ultima battaglia si svolge sul Monte Olimpo dove si scoprirà essere Luke il vero eroe della profezia, poiché, dopo essere riuscito a prendere (per un breve periodo) di nuovo il possesso del suo corpo, si pugnala nel suo punto debole uccidendo se stesso e Crono. Dopo la guerra si contano molti morti fra cui anche la semidea Silena Beauregard (figlia di Afrodite), ex-spia di Crono. La vittoria tuttavia è del Campo Mezzosangue. Rachel Elizabeth Dare diventa il nuovo Oracolo del Campo, rivelando una nuova potente profezia. Il libro si conclude con Percy e Annabeth che, dopo essersi messi insieme, lasciano spensierati il Campo Mezzosangue.

Libri supplementari[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati pubblicati altri libri, contenenti racconti inediti e altre avventure:

Il libro segreto[modifica | modifica wikitesto]

Il libro segreto, uscito a febbraio 2009 negli Stati Uniti, è ambientato nell'arco di tempo tra La battaglia del labirinto e Lo scontro finale. Contiene tre mini-storie con illustrazioni e disegni:

  • Percy Jackson e la biga rubata (Percy Jackson and the Stolen Chariot)
  • Percy Jackson e il drago di bronzo (Percy Jackson and the Bronze Dragon)
  • Percy Jackson e la spada di Ade (Percy Jackson and the Sword of Hades)

Mezzosangue e Mostri[modifica | modifica wikitesto]

Demigods and Monsters, uscito l'11 febbraio 2009 negli USA, contiene, nelle sue 196 pagine, un glossario sui mostri incontrati, diversi commenti e informazioni sui luoghi e sui personaggi della serie. Il libro non si trova ancora in Italia perché non è stato tradotto.

L'ultima guida[modifica | modifica wikitesto]

The Ultimate Guide, uscito il 19 gennaio 2010, è il terzo libro-compagno della serie e ha una copertina magnetica. Le sue 156 pagine sono costituite perlopiù da mappe, ma c'è ancora una volta un dizionario dei mostri incontrati con a fianco alcune immagini, oltre a varie attività. Vi è anche il racconto di un tour degli Inferi compiuto da Nico di Angelo. Il libro non si trova ancora in Italia perché non è stato tradotto.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini (Percy Jackson & the Olympians: The Lightning Thief) (2010)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini.

La casa cinematografica Fox ha acquisito i diritti per un adattamento delle avventure di Percy Jackson; il film tratto dal primo libro, Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini, diretto da Chris Columbus e interpretato da Logan Lerman (Percy Jackson), Kevin McKidd (Poseidone), Brandon T. Jackson (Grover), Rosario Dawson (Persefone), Alexandra Daddario (Annabeth Chase), Uma Thurman (Medusa), Pierce Brosnan (Chirone) Sean Bean (Zeus).

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri (Percy Jackson: Sea of Monsters) (2013)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri.

Le riprese del secondo film sono terminate nel 2012. Il film è uscito nelle sale americane il 7 agosto 2013. Il film è stato giudicato negativamente da critica e pubblico, incassando meno del primo film.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

A causa della parziale bocciatura da parte della critica e del pubblico stesso dei primi 2 film, e delle divergenze tra lo stesso Rick Riordan e la produzione, la trasposizione dei successivi libri in film è stata definitivamente cancellata.

Serie tv[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante si sia deciso di non produrre più film di Percy Jackson è stato rivelato che il franchise sarebbe potuto essere riavviato con una serie tv con The CW alla produzione.

The CW ha deciso di destinare 12 milioni di dollari alla prima stagione e la prima metà della seconda. È stato inoltre riferito che Logan Lerman non avrebbe preso parte alla produzione.

Fino ad ora l'autore dei romanzi Rick Riordan non ha ancora espresso la sua opinione.

La CW ripeterà da capo il casting offrendo un contratto di 10 anni agli attori rinnovabile in caso dell'uscita di nuovi libri.

Videogioco[modifica | modifica wikitesto]

In contemporanea con il film è stato prodotto dall'Activision un videogioco per Nintendo DS™ intitolato Percy Jackson & gli dei dell'Olimpo: il ladro di fulmini, valutato da Michael Splechta con un punteggio di 8 su 10.[1]

Eroi dell'Olimpo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Eroi dell'Olimpo.

Rick Riordan ha scritto una seconda serie, sempre basata sul Campo Mezzosangue, sulla mitologia greca e romana, il cui primo libro, L'Eroe Perduto (The Lost Hero), è stato pubblicato negli Stati Uniti il 12 ottobre 2010 e in Italia il 7 maggio 2013. Il secondo libro, Il Figlio di Nettuno (The Son of Neptune), è stato pubblicato negli Stati Uniti il 4 ottobre 2011 e in Italia il 12 novembre 2013. Il terzo libro, Il Marchio di Atena (The Mark of Athena), è stato pubblicato negli Stati Uniti il 2 ottobre 2012 e in Italia il 22 aprile 2014. Il quarto libro, La Casa di Ade (The House of Hades), è stato pubblicato negli Stati Uniti l'8 ottobre 2013 e in Italia il 18 novembre 2014. Il quinto ed ultimo libro, Il Sangue dell'olimpo (The Blood of Olympus), è stato pubblicato negli Stati Uniti il 7 ottobre del 2014 e in Italia il 14 aprile 2015.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Splechta, Percy Jackson & The Olympians: The Lightning Thief Review, GameZone.com. URL consultato il 26 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2010).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]