Paraclito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paraclito (παράκλητος, paràcletos in greco) è il termine con cui nel Vangelo secondo Giovanni si indica lo Spirito Santo.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta in origine di un termine del linguaggio giuridico: il verbo παρακαλέω significava letteralmente "chiamare vicino", ed il participio passato aveva come equivalente latino l'ad-vocatus, cioè "avvocato", inteso come "difensore" o "soccorritore", per estensione "consolatore". Il contesto in cui si usa questo termine nei testi profani è quello del processo, e indica "colui che sta al lato dell'accusato" per difenderlo.

Semantica biblica[modifica | modifica wikitesto]

Gesù, nel suo discorso di addio pronunciato durante l'Ultima Cena e riportato nel Vangelo di Giovanni, promette ai suoi discepoli di non lasciarli soli, ma di mandar loro un consolatore (Gv 14,16[1], Gv 14,26[2], Gv 15,26[3], Gv 16,7[4]). In Gv 14,16[5] lo Spirito è chiamato "altro paraclito", a significare che il primo paraclito è lo stesso Gesù: infatti in 1Gv 2,1[6] è Gesù stesso ad essere definito paraclito.

I due Paracleti e la SS. Trinità[modifica | modifica wikitesto]

I Protestanti pervengono a conclusioni diametralmente opposte, a favore dell'esistenza di due Paracleti[7]:

  • il primo Paracleto, identificato con Gesù Cristo in 2,1[8], tradotto con "avvocato";
  • il secondo Paracleto, identificato con lo Spirito Santo Dio in 14,16[9], tradotto con "consolatore".

In entrambi i versi citati, la parola greca Paraclito compare con l'iniziale maiuscola, che è utilizzata per i nomi propri di persona.[10]

La dottrina dei due Paracleti sarebbe una prova biblica della dottrina trinitaria, in quanto afferma che lo Spirito Santo Dio procede da Gesù Cristo ed è da questi inviato come pastore vicario della Sua Chiesa.[11] La differente traduzione della parola Paracleto come "avvocato" e come "consolatore" richiama due funzioni divine che possono essere relative a due persone distinte della Trinità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gv 14,16, su laparola.net.
  2. ^ Gv 14,26, su laparola.net.
  3. ^ Gv 15,26, su laparola.net.
  4. ^ Gv 16,7, su laparola.net.
  5. ^ Gv 14,16, su laparola.net.
  6. ^ 1Gv 2,1, su laparola.net.
  7. ^ I due Padri, i due Signori e i due Paracleti dell'unico Dio, su protestantesimo.it.
  8. ^ 1Gv 2,1, su laparola.net.
  9. ^ Gv 14,16, su laparola.net.
  10. ^ Occorrenze della parola Paraclito, su biblehub.com.
  11. ^ Donato Trovarelli, Lo Spirito Santo è guida della Chiesa come vicario di Cristo, su protestantesimo.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cristianesimo