Osvaldo Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Osvaldo Napoli

Presidente facente funzioni della Associazione Nazionale Comuni Italiani
Durata mandato 4 luglio 2011 –
5 ottobre 2011
Predecessore Sergio Chiamparino
Successore Graziano Delrio

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV, XV, XVI, XVIII
Gruppo
parlamentare
XIV - XV: Forza Italia
XVI: Popolo della Libertà
XVIII: Forza Italia
Coalizione XIV - XV: Casa delle Libertà
XVI: Centrodestra
XVIII: Centrodestra
Circoscrizione Piemonte 1
Collegio XIV:
18-Giaveno
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia (Dal 2013)
In precedenza:
DC (1985-1994)
Forza Italia (1994-2009)
PdL (2009-2013)
Titolo di studio Diploma di Istituto Tecnico Commerciale
Professione Rappresentante di Commercio

Osvaldo Napoli (Torino, 23 marzo 1944) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Torino, vive a Giaveno.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo decenni di appartenenza alla Democrazia Cristiana, ricoprendo prima il ruolo di consigliere comunale di Giaveno (1975) e dopo di sindaco (due mandati tra il 1985 e il 2004), nel 1994 ha aderito a Forza Italia .

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 è eletto deputato alla Camera nelle liste di Forza Italia nel collegio di Giaveno e riconfermato nel 2006.

Rieletto alla Camera dei deputati nelle file del Popolo della Libertà durante la XVI Legislatura.

Nei primi giorni del luglio 2009 è stato eletto sindaco di Valgioie. È stato, tra maggio ed ottobre 2011 presidente facente funzioni dell'ANCI nel periodo tra le dimissioni (per fine mandato come sindaco di Torino) di Sergio Chiamparino e l'elezione del nuovo presidente Graziano Delrio.

Nel dicembre 2010 è eletto vicecapogruppo del PdL alla Camera, dopo le dimissioni dalla carica di Carmelo Briguglio, entrato nel gruppo di Futuro e Libertà per l'Italia.

Nel febbraio 2013 è ricandidato alla Camera dei Deputati al sesto posto della lista PdL nella Circoscrizione Piemonte 1. Tuttavia il PDL ottiene soltanto tre seggi e Napoli rimane fuori dal Parlamento.

A fine 2013, a seguito dello scioglimento del PdL, aderisce alla nuova Forza Italia contestualmente rifondata da Silvio Berlusconi.

Nel maggio 2014 viene rieletto Sindaco di Valgioie, incarico dal quale si dimetterà nel maggio 2016 per candidarsi sindaco a Torino.

Il 5 giugno 2016, alle elezioni comunali di Torino raccoglie il 5,31% che gli valgono l'elezione in Consiglio Comunale.

È consigliere della Fondazione Italia USA.

Il 14 dicembre 2016 un gruppetto di persone facenti capo al cosiddetto Movimento dei Forconi, fra i quali spicca l'ex generale Antonio Pappalardo, dopo aver letto delle accuse fittizie, inscenano un tentativo di arresto nei suoi confronti nei pressi di Montecitorio.[1]

Nel 2018 è ricandidato alla Camera dei Deputati nelle liste proporzionali di Forza Italia e viene eletto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]