Oriella Dorella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oriella Dorella
Altezza151 cm
OcchiAzzurri
CapelliNeri

Oriella Dorella (Milano, 25 gennaio 1952) è una ballerina classica italiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Entrata alla scuola della Scala a 8 anni, sotto la direzione di Esmée Bulnes, si diploma nel 1969. All'interno del corpo di ballo del Teatro alla Scala è solista nel 1972, prima ballerina nel 1977, a partire dal 1986 étoile. In seguito è direttore artistico del Balletto di Milano. In televisione ha partecipato all'edizione 1981-1982 di Fantastico e alle fiction Grandi domani su Italia 1 nel 2005 e Non smettere di sognare nel 2009 e nel 2011.

Tra le interpretazioni più significative si ricorda La strada di Mario Pistoni su musiche di Nino Rota. Oriella Dorella racconta di essersi innamorata del personaggio di Gelsomina vedendo l’interpretazione di Fiorella Cova, prima ballerina della Scala e moglie di Pistoni[1].

Altri ruoli del repertorio classico e contemporaneo interpretati da Oriella Dorella sono Giselle, Coppelia, Lo Schiaccianoci, Miss Julie di Birgit Cullberg, La bisbetica domata di John Cranko, L'Histoire de Manon di Kenneth McMillan, Onegin, Afternoon of a Faun di Jerome Robbins, Adamo ed Eva, Daphnis et Chloé di George Skibin, L'Angelo Azzurro di Roland Petit, Proust ou Les intermittences du coeur[2].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 è stata la testimonial pubblicitaria del detersivo per piatti "Sole Piatti".

Nel 1999 pubblica un libro illustrato da Cristina Rinaldi per raccontare in chiave moderna Il lago dei cigni ai più piccoli[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ sipario.it, https://www.sipario.it/attualita/dal-mondo/item/11415-intervista-a-oriella-dorella-di-michele-olivieri.html.
  2. ^ sipario.it, https://www.sipario.it/attualita/dal-mondo/item/11415-intervista-a-oriella-dorella-di-michele-olivieri.html.
  3. ^ Oriella Dorella, Il lago dei cigni (Raccontato da Oriella Dorella), Salani, 1999.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90305381 · SBN IT\ICCU\RAVV\107916 · WorldCat Identities (ENlccn-n97870366