Nightmare - Dal profondo della notte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il remake del 2010, vedi Nightmare (film 2010).
Nightmare - Dal profondo della notte
Nightmare - Dal profondo della notte.jpg
Freddy Krueger (Robert Englund) in una scena del film
Titolo originale A Nightmare on Elm Street
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1984
Durata 91 min
Rapporto 1.85:1
Genere orrore, drammatico
Regia Wes Craven
Soggetto Wes Craven
Sceneggiatura Wes Craven
Produttore Robert Shaye, Sara Risher (co-produttore), John Burrows (produttore associato)
Produttore esecutivo Stanley Dudelson, Joseph Wolf
Casa di produzione New Line Cinema, Media Home Entertainment, Smart Egg Pictures
Distribuzione (Italia) Artisti Associati
Fotografia Jacques Haitkin
Montaggio Rick Shaine
Effetti speciali Jim Doyle
Musiche Charles Bernstein
Scenografia Greg Fonseca
Costumi Dana Lyman
Trucco Kathy Logan e David B. Miller
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Nightmare - Dal profondo della notte (A Nightmare on Elm Street) è un film Horror del 1984 scritto e diretto da Wes Craven, interpretato da Heather Langenkamp. È il primo capitolo di una lunga saga di film diretti da registi diversi, ed ha segnato la nascita di Freddy Krueger, uno dei più famosi serial killer dell'horror.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tina Grey ha un incubo dove si ritrova in una decrepita caldaia e viene inseguita da una misteriosa figura dalla pelle bruciata che prova ad attaccarla con il suo guanto artigliato. Tina si risveglia urlando, poi nota che la sua camicia da notte è squarciata da tagli simili a quelli lasciati dal guanto artigliato. La ragazza decide di passare la notte insonne. La notte seguente la madre vedova di Tina va a Las Vegas per due giorni e quindi i suoi migliori amici Glen Lantz, Nancy Thompson e il suo fidanzato Rod Lane vengono a passare la serata a casa sua, e sono preoccupati per lo stato di Tina, che ha parlato dei suoi incubi. Nancy ammette di avere avuto anche lei un sogno nel quale ha visto lo stesso uomo mostruoso che ha perseguitato Tina.

Incoraggiata dalla presenza dei suoi amici, Tina riesce a prendere sonno, ma poi si sveglia quando sente degli strani rumori provenire da fuori e qualcuno che la sta chiamando. Tina esce in giardino e viene confrontata dal figuro bruciato che l'assale. Nell'incubo Tina viene massacrata, ma nella realtà Rod osserva impotente la sua fidanzata mentre viene sollevata e buttata contro le mura della camera da letto e infine sventrata da dei profondi graffi. Il ragazzo scappa uscendo dalla finestra mentre Nancy viene portata alla stazione di polizia e interrogata da suo padre Donald, che è tenente. Nancy afferma che Tina ha avuto degli incubi riguardanti qualcuno che cercava di ucciderla, ma i poliziotti sono convinti che Rod sia il colpevole. Rod cerca di provare la sua innocenza, ma viene lo stesso arrestato dal padre di Nancy.

Durante una lezione a scuola, Nancy prende sonno e vede il cadavere di Tina insaccato che la richiama e viene trascinato per i corridoi fino al locale caldaia. Qui Nancy viene attaccata dall'omicida artigliato, ma toccando un tubo metallico rovente riesce a svegliarsi urlando nella classe. Nancy decide di tornare a casa e poi nota che il suo braccio è ustionato nel punto in cui aveva toccato il tubo e quindi le viene il terrore di dormire. Tuttavia mentre si fa il bagno prende sonno e un guanto artigliato l'afferra e la trascina sott'acqua, ma Nancy riesce a svegliarsi in tempo. Nancy chiede a Glen di tenerla d'occhio mentre dorme, e nel sogno Nancy vede il killer che si reca a uccidere Rod, per poi prendere di mira lei. Nancy cerca disperatamente di svegliarsi dato che Glen si è addormentato, ma la sveglia di Nancy risveglia entrambi in tempo. Nancy e Glen si recano alla stazione di polizia per mettere in guardia Rod, ma arrivano troppo tardi dato che il killer uccide Rod nella sua cella in una maniera che lo faccia sembrare un suicidio.

Dopo il funerale di Rod, Marge, la madre alcolista di Nancy, porta la figlia in uno studio psichiatrico per farla aiutare. Alla clinica Nancy ha un altro incubo e i dottori la svegliano in tempo prima che sia troppo tardi. Nancy ha il braccio ferito da dei graffi e tira fuori il cappello del killer che gli aveva strappato dalla testa nel sogno, che porta il nome di Fred Krueger. Marge, orripilata, riconosce il cappello e non può fare altro che raccontare la verità a Nancy: Krueger era un infanticida squilibrato che anni prima aveva ucciso i figli del vicinato. Fu rilasciato dalla prigione poiché il giudice dimenticò di firmare un documento, quindi i genitori, assetati di vendetta, si fecero giustizia da soli bruciando Krueger vivo all'interno di una caldaia abbandonata. In qualche modo Krueger è riuscito a tornare come demone dei sogni e si sta vendicando assassinando i figli di coloro che lo bruciarono.

Essendo stata priva di sonno per più di una settimana, Nancy escogita un piano per portare Freddy nella realtà e ucciderlo con l'aiuto di Glen, ma i genitori di entrambi non permettono l'incontro. Il telefono di Nancy si mette a squillare, nonostante Marge abbia tagliato la spina per evitare chiamate con Glen, e dalla cornetta Freddy le parla e trasforma il telefono prima che Nancy lo distrugga: ormai la ragazza non è certa se è sveglia o sia intrappolata in un incubo. Intanto, nonostante gli avvertimenti di Nancy, Glen va a dormire e così Freddy lo uccide brutalmente. Mentre il tenente Thompson indaga sulla morte di Glen, Nancy mette al sicuro Marge e sistema delle trappole per la casa prima di addormentarsi per avvicinare l'assassino. Non appena Freddy fa la sua comparsa, Nancy lo afferra e risvegliandosi lo porta alla realtà. Freddy cade vittima delle trappole di Nancy e lei riesce ad incendiarlo. La polizia raggiunge Nancy e Donald vede Freddy ancora in fiamme mentre assale Marge a letto. Donald ricopre Freddy per spegnere il fuoco, ma quando toglie la coperta, Krueger è sparito e Marge svanisce davati a lui e a Nancy. Non appena Donald sia uscito dalla stanza, Freddy riemerge dal materasso per attaccare Nancy, ma lei lo fa sparire dicendogli che lui non è niente e ordinando che tutto torni normale.

Nancy esce dalla camera e si ritrova sulla porta di casa al mattino. Marge la raggiunge e ha un aspetto sobrio, assicurandole che non berrà più. Tina, Rob e Glen ritornano come aveva chiesto Nancy e giungono davanti a casa sua per accompagnarla a scuola in macchina. Improvvisamente, però, l'automobile prende vita e si chiude ermeticamente mostrando che la capote ha i colori del maglione di Freddy. Mentre Nancy viene portata via nella macchina posseduta, Freddy afferra Marge con il suo guanto artigliato e la trascina nella casa.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Dovettero passare quattro anni dalla stesura della sceneggiatura all'erogazione dei primi finanziamenti. La cifra stanziata inizialmente era inferiore a quella della maggior parte delle produzioni americane. Il produttore della New Line Cinema, Robert Shaye, riuscì a elevare il budget fino a due milioni di dollari, rendendone meno difficoltosa la realizzazione. Il film si è rivelato un successo, in considerazione dei 26 milioni di dollari incassati al box office (13 volte l'investimento iniziale).

La pellicola è stata anche importante sul fronte degli effetti speciali. Il merito è da ascrivere al truccatore Jack Pierce, creatore del look di Krueger, sotto la supervisione di Craven. Era infatti necessario dare al personaggio l'aspetto di un uomo ustionato a morte e Wes Craven insisteva perché Freddy mostrasse un'orribile dentatura e una bocca sformata quasi fino all'attaccatura delle orecchie. Kevin. Miller, responsabile del trucco, credeva impossibile realizzare un'idea simile su di un attore che avrebbe dovuto essere sempre presente sul set. Creò così dapprima un volto quasi normale, segnato in parte da terribili ustioni, e poi una testa trasformata praticamente in un teschio. Seguirono cinque ulteriori bozzetti e cinque sculture, finché il regista non approvò quello che sarebbe stato il progetto definitivo.

A differenza di molti film splatter del periodo, Nightmare è fondamentalmente un horror di suggestione psicologica: traduce in realtà cinematografica la figura dell'uomo nero. L'atmosfera onirica, poi, aiuta a creare scene crepuscolari che si basano esclusivamente sulla truculenza degli effetti speciali (comunque abbastanza notevoli per l'epoca) ma sui collaudati meccanismi della suspense e della evocazione. Il film è interpretato da Heather Langenkamp, Johnny Depp, Amanda Wyss, John Saxon e Ronee Blakley.

L'aspetto e il nome di Freddy Krueger derivano da due ricordi spiacevoli di gioventù del regista Wes Craven: il primo si basa sull'aspetto di un barbone che lo spaventò da piccolo mentre il nome è ripreso da quello di un bullo che lo tormentava da bambino. Sembra che la trama sia ispirata ad uno strano caso verificatosi realmente negli USA[senza fonte]: un adolescente che soffriva spesso di incubi, pur di evitare di incorrere in tali situazioni smise di dormire arrivando a morire d'insonnia. La pellicola è la prima prodotta dalla New Line Cinema, ai tempi solo una piccola compagnia indipendente.

Remake/reboot[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Nightmare (film 2010).

Nel 2010 è uscito Nightmare (A Nightmare On Elm Street), un rifacimento del film prodotto da Michael Bay per la New Line Cinema e la Platinum Dunes.

Censura[modifica | modifica wikitesto]

In Italia esistono due versioni del film: una, quella più diffusa, è più corta di circa due minuti rispetto all'originale in quanto sono state tagliate le scene più violente: la scena dell'uccisione di Tina è quasi completamente tagliata senza mostrare le profonde ferite che dal nulla si formano sulla sua pancia e quella in cui Glen viene inglobato dal letto.

Omaggi e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film che Nancy sta guardando nella sua stanza è La casa di Sam Raimi.
  • Durante la discussione tra Nancy e Glen, nella stanza della ragazza, si può vedere appeso al muro un poster del famoso gruppo musicale inglese The Police.
  • Nel film Scream, sempre diretto da Wes Craven, si può vedere il regista nei panni di un inserviente che indossa lo stesso maglione a righe di Freddy Krueger.
  • Nella pellicola Quel mostro di suocera si può chiaramente vedere una scena in cui Charlie sta guardando la TV assieme alla tormentante suocera Viola. Nell'apparecchio si riesce a vedere la scena in cui Freddy rincorre Tina.
  • Una puntata de I Simpson è dedicata al film. In uno special di Halloween, il giardiniere Willy viene lasciato ardere vivo dalle fiamme della caldaia dai genitori dei bambini di Springfield, così lui minaccia di uccidere tutti i bambini nel sonno, dove non possono essere protetti da nessuno.
  • In un episodio di Mr. Bean, Mr. Bean va al cinema con la sua fidanzata a vedere proprio questo film, rimanendone terrorizzato e rallegrandosi quando la proiezione termina.
  • Freddy Krueger appare nel videogioco Mortal Kombat (2011) per PS3, PS Vita e XBOX 360 come lottatore selezionabile.

La saga[modifica | modifica wikitesto]

Questo film ha avuto sei sequel, cui va aggiunto un ulteriore film slegato dalla serie con co-protagonista l'altra icona horror anni Ottanta Jason Voorhees, ed un reboot:

  1. Nightmare - Dal profondo della notte (A Nightmare on Elm Street) (1984), di Wes Craven
  2. Nightmare 2 - La rivincita (A Nightmare on Elm Street Part 2: Freddy's Revenge) (1985), di Jack Sholder
  3. Nightmare 3 - I guerrieri del sogno (A Nightmare on Elm Street 3: Dream Warriors) (1987), di Chuck Russell
  4. Nightmare 4 - Il non risveglio (A Nightmare on Elm Street 4: The Dream Master) (1988), di Renny Harlin
  5. Nightmare 5 - Il mito (A Nightmare on Elm Street: The Dream Child) (1989), di Stephen Hopkins
  6. Nightmare 6 - La fine (Freddy's Dead: The Final Nightmare) (1991), di Rachel Talalay
  7. Nightmare - Nuovo incubo (Wes Craven's New Nightmare) (1994), di Wes Craven
  8. Freddy vs. Jason (2003), di Ronny Yu
  9. Nightmare (A Nightmare on Elm Street) (2010), di Samuel Bayer

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN226714357 · GND: (DE4688870-6
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema