Freddy's Nightmares

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Freddy's Nightmares
Freddy's Nightmares.png
Logo originale della serie
Titolo originale Freddy's Nightmares: A Nightmare on Elm Street: The Series
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1988-1990
Formato serie TV
Genere Horror
Stagioni 2
Episodi 44
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Rapporto
Colore colore
Audio Stereo
Crediti
Ideatore Wes Craven
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi

Doppiaggio TV:

Doppiaggio home video:

Casa di produzione Lorimar Telepictures, New Line Television, Warner Bros. Television
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 8 ottobre 1988
Al 12 marzo 1990
Rete televisiva New Line Television
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 1989
Al 1991
Rete televisiva Televisioni locali

Freddy's Nightmares (Freddy's Nightmares: A Nightmare on Elm Street: The Series) è una serie televisiva statunitense prodotta dalla New Line Television. Nata nel 1988, la serie è uno spin-off della nota saga di Nightmare, che vedeva come protagonista il famigerato Freddy Krueger, iconico personaggio nato dalla penna di Wes Craven. Della serie sono state girate due stagioni, per un totale di 44 episodi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La funzione narrativa svolta dal personaggio di Freddy è quella del narratore, secondo un'idea di serie pressoché simile a quella de I racconti della cripta, o di Alfred Hitchcock presenta.

Gli episodi non sono strettamente collegati tra loro, sono presenti citazioni di personaggi o eventi accaduti in altri episodi, e tutta la serie è ambientata nella zona d'azione di Freddy, ovvero la città di Springwood, in Ohio. Sintetizzando la serie, si può dire che in ogni puntata i protagonisti affrontano le loro paure e le loro ansie più profonde attraverso gli incubi, ma poiché essi sono sotto la sfera di influenza onirica di Freddy, i loro incubi finiscono spesso per ucciderli; nel caso essi invece abbiano sentito parlare di Freddy Krueger, anziché avere incubi con protagoniste le loro paure, si trovano ad essere, sempre nei sogni, prede dirette del serial killer stesso.Spesso sono suddivisi in due storie. Il serial killer appare in pochi episodi in una puntata tutta sua.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotta da Gilbert Adler (produttore anche de I racconti della cripta), la serie vanta tra i suoi registi diversi nomi noti nel campo dell'horror. Ad esempio, regista dell'episodio pilota è Tobe Hooper (Non aprite quella porta). Abbiamo poi Mick Garris (Critters 2), John Lafia (La bambola assassina 2), Tom Mcloughlin (Venerdì 13 parte VI - Jason vive), Ken Wiederhorn (Il ritorno dei morti viventi 2), Dwight H. Little (Halloween 4 - Il ritorno di Michael Myers), ed anche lo stesso Robert Englund (storico interprete di Freddy Krueger).

Visti i vincoli di budget vennero scelti attori sconosciuti, alcuni dei quali sarebbero diventati noti in seguito (tra questi, Brad Pitt).

Negli Stati Uniti, a seguito di proteste da parte di alcuni genitori che accusavano la serie, ritenendola la causa dell'insonnia a degli incubi dei figli, la produzione "corse ai ripari" aprendo ogni episodio con la scritta Tutti coloro che rimarranno uccisi nel corso dell'episodio sono maggiorenni[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissione televisiva[modifica | modifica wikitesto]

In Italia alcuni episodi vennero pubblicati in VHS prima dell'effettiva messa in onda. Quando la serie fu trasmessa per intero su Italia 1 (ed in seguito in replica su alcuni canali come 7 Gold ed Odeon TV), gli episodi vennero completamente ridoppiati.

Edizioni Home video[modifica | modifica wikitesto]

Se si escludono le sopraccitate VHS contenenti pochi episodi, in Italia la serie non è stata distribuita in Home video.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 22 1988 1992
Seconda stagione 22 1989 1997-1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda su "il mondo dei doppiatori"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione