Nightmare 5 - Il mito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nightmare 5 - Il mito
Nightmare 5 - Il mito.jpg
Una scena finale del film
Titolo originale A Nightmare on Elm Street 5: The Dream Child
Paese di produzione USA
Anno 1989
Durata 89 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere orrore
Regia Stephen Hopkins
Soggetto John Skipp, Craig Spector, Leslie Bohem
Sceneggiatura Leslie Bohem
Produttore Robert Shaye, Rupert Marvey
Distribuzione (Italia) Penta Film
Fotografia Peter Levy
Montaggio Brent A. Schoenfeld, Chuck Weiss
Effetti speciali Ryan Effner
Musiche Jay Ferguson
Scenografia C.J. Strawn
Costumi John P. Jockinsen
Trucco David B. Miller
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Nightmare 5 - Il mito (A Nightmare on Elm Street 5: The Dream Child) è un film del 1989 diretto da Stephen Hopkins. Si tratta del quinto capitolo della saga horror Nightmare, ideata da Wes Craven. Inoltre, è l'unica pellicola della serie ad aver ricevuto una censura di tipo X da parte dell'MPAA, a causa della quale le scene raffiguranti la morte di alcuni personaggi, giudicate dalla critica eccessivamente violente ed esplicite, hanno subito delle forti riduzioni temporali.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Ti va di giocare con il tuo amico Freddy? »
(Freddy Krueger al bambino Jacob nel film)

Questo quinto capitolo si svolge circa un anno dopo le vicende del film precedente; Dan Jordan e Alice Johnson, che avevano sconfitto Freddy Krueger in precedenza, sono ora fidanzati.

Dopo essersi addormentata durante una doccia, Alice sogna di trovarsi in un manicomio vestita con gli abiti di una suora e viene attaccata da un gran numero di pazienti mentalmente disturbati; tuttavia, la ragazza riprende conoscenza prima che questi ultimi possano aggredirla.

Il giorno successivo, Alice racconta il proprio incubo al fidanzato e ad altri due ragazzi, ossia Greta Gibson, animata dal desiderio di divenire una modella e Mark Grey, un grande amante dei libri a fumetti.

Mentre si reca nel ristorante in cui lavora, Alice viene trasportata in un secondo incubo, nel quale vede Amanda, la sacerdotessa alla quale appartenevano gli abiti che indossava nel sogno precedente, che partorisce un neonato orrendamente deforme e avente l'aspetto di Freddy Krueger; questi fugge velocemente dalla sala operatoria e si reca nella chiesa in cui Krueger era stato sconfitto un anno prima e dopo aver lanciato un grido assordante che distrugge il pavimento e le vetrate dell'edificio, si rifugia sotto i vestiti dell'assassino e assume una forma adulta.

Al termine dell'incubo, Alice informa Dan del ritorno di Freddy e gli chiede di recarsi al ristorante per parlarne. Il ragazzo si addormenta mentre guida il proprio furgone, ed entra in un incubo nel quale guida una motocicletta, che in pochi istanti viene posseduta da Freddy; quest'ultimo ferisce gravemente Dan iniettando i cavi, la pompa d'iniezione e altre componenti del veicolo nel suo corpo, riempiendo il giovane di combustibile e fulminandolo. Dopo essere stato condotto nel traffico imminente, Dan si sveglia pochi istanti prima di scontrarsi con un autoarticolato, morendo in modo istantaneo davanti alla fidanzata Alice, che era uscita dal locale dopo aver sentito l'esplosione dei veicoli ed aver visto il ragazzo mutilato dai cavi della motocicletta.

A causa dello shock, Alice perde conoscenza e viene portata in un ospedale, nel quale le viene comunicato che è rimasta gravida dopo un rapporto sessuale con il fidanzato; la notte stessa, un bambino di nome Jacob appare in sogno alla ragazza, dichiarando di essere suo figlio, prossimo alla nascita. Il giorno dopo Alice racconta all'amica Yvonne dell'incontro con Jacob, ma non viene creduta, in quanto nell'ospedale non sono attualmente ricoverati dei neonati; Greta e Mark, invece, si fidano ciecamente delle parole della ragazza, specialmente dopo la violenta morte di Dan.

Nel pomeriggio, Greta partecipa ad un pranzo con alcuni parenti e dopo essersi addormentata durante il pasto, viene assalita da Krueger; questi, vestito da cameriere, le serve una bambola che, una volta tagliata all'altezza del ventre, inizia a sanguinare provocando l'apertura dell'addome della ragazza e la conseguente fuoriuscita degli intestini, che l'assassino usa per nutrire e soffocare Greta. Successivamente, quest'ultima viene trascinata all'interno di un frigorifero e nel mondo reale muore soffocata davanti ai genitori. Poche ore dopo Mark, che sta soffrendo la morte della ragazza di cui era innamorato, viene aggredito da Krueger, che cerca di ucciderlo entrando in possesso delle pareti della casa, ma l'intervento di Alice consente la fuga di Freddy.

In seguito, la ragazza si sottopone ad una risonanza magnetica, grazie alla quale scopre che l'assassino sta nutrendo suo figlio Jacob con le anime di Dan e Greta, al fine di renderlo eguale a se stesso e nascere nuovamente nel mondo reale. Nello stesso momento, Mark perde conoscenza nuovamente, venendo proiettato in un incubo in cui vede Freddy torturare l'amata Greta rimuovendo parti del suo addome e lanciandole contro di lui. Il desiderio di vendetta consente a Mark di sbloccare un'abilità onirica che lo trasforma in un personaggio dei fumetti, chiamato Phantom Prowler; tuttavia, dopo essere stato colpito numerose volte dalle armi di Mark, reagisce mutando il ragazzo in un personaggio di carta, che viene tagliato a pezzi e decapitato.

In seguito, Alice e Yvonne cercano nel mondo dei sogni i resti di Amanda Krueger, la madre di Freddy, nella torre della chiesa apparsa all'inizio della vicenda; poco dopo, tuttavia, l'assassino scopre le due ragazze e le intrappola in un labirinto, nel quale Alice riesce a far uscire il figlio Jacob dal proprio corpo. Quest'ultimo, su richiesta di Amanda, attacca Freddy usando i poteri da lui conferiti, facendo uscire dal suo corpo le anime delle sue tre vittime, il cui impeto trasforma Krueger nel neonato demoniaco apparso all'inizio del film, che viene velocemente assorbito dal ventre della madre Amanda. Alcuni mesi dopo, Alice partorisce il figlio e partecipa ad un pic-nic con i genitori, ma in lontananza si odono delle bambine che cantano la tipica canzone che annuncia l'arrivo di Freddy, preannunciandone un possibile ritorno.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto dalle società di produzione New Line Cinema, Heron Communications, Smart Egg Pictures e Fourth New Line-Heron Joint Venture. Fu girato a Los Angeles, durante le riprese venne censurata una scena: quando Alice si sveglia dall'incubo del manicomio e Freddy appare al suo fianco nel letto e la spinge giù, in origine diceva pure "There's no such thing as safe sex" (lett., "Non esiste una cosa come il sesso sicuro"). La frase fu tolta.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Romeo's Daughter - Heaven In The Back Seat
  2. Bruce Dickinson - Bring Your Daughter...to the Slaughter
  3. W.A.S.P. - Savage
  4. Mammoth - Can't Take The Hurt
  5. Slave Raider - What Do You Know About Rock 'N' Roll
  6. Whodini - Any Way I Gotta Swing It
  7. Samantha Fox - Now I Lay Me Down
  8. Kool Moe Dee - Let's Go
  9. Doctor Ice - Word Up Doc!
  10. Schoolly D. - Livin' In The Jungle

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato un totale di 22.168.359 dollari negli USA e nella prima settimana 8.115.176 dollari.[1] Incassando in totale meno del primo film della serie.

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Citazioni della saga[modifica | modifica wikitesto]

Questo è l'unico Nightmare della serie in cui nella versione originale la filastrocca infantile è stata modificata.

Citazioni di altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Durante il film si possono notare svariate copertine di fumetti della casa editrice Marvel tra cui X-Men, Spider-Man e Capitan America.

Scene censurate[modifica | modifica wikitesto]

La versione originale di Nightmare 5, alla sua uscita nelle sale cinematografiche, subì la riduzione temporale di alcune scene, in particolare quelle raffiguranti le morti di Dan, Greta e Mark, al fine di evitare l'eliminazione del film dai palinsesti dei cinema statunitensi. Tali sequenze contenevano delle versioni più esplicite e violente dell'omicidio di questi personaggi, e attualmente la versione integrale del film non è ancora stata distribuita in Italia:

  • Dan, essendosi addormentato mentre guidava la propria motocicletta, viene attaccato in sogno da Freddy, il quale lo ferisce gravemente infilando i cavi elettrici del motociclo dalle sue braccia alla testa; a causa di ciò, la testa di Dan viene privata della propria carne e dello scalpo, scoprendo il cranio. La versione non censurata del film rappresentava in modo più dettagliato ed esplicito quest'ultima sequenza.
  • Greta viene assalita da Krueger dopo essersi addormentata durante un pranzo con i parenti; l'assassino compare vestito da cameriere e porge alla ragazza una bambola che, una volta tagliata all'altezza dell'addome, inizia a sanguinare. La versione non censurata della pellicola raffigurava Greta con un'enorme ferita sullo stomaco, causata dal taglio addominale della bambola, attraverso la quale Freddy nutriva la ragazza con le proprie interiora. Tale scena fu ridotta di alcuni secondi, e gli intestini della vittima furono nascosti dalle sue mani.
  • Mark muore per mano di Freddy Krueger dopo essersi addormentato durante la lettura di un libro a fumetti. Il ragazzo viene trasformato in un personaggio di carta, che dopo un breve combattimento viene tagliato a pezzi da Freddy. La versione originale del film raffigurava anche la decapitazione di Mark, che fu eliminata prima della distribuzione di Nightmare 5 nelle sale cinematografiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nightmare V: Il mito, su Box Office Mojo. URL consultato il 15 novembre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema