New Super Mario Bros. U

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
New Super Mario Bros. U
videogioco
Mario wii u.png
Titolo originaleニュー・スーパーマリオブラザーズ・U
PiattaformaWii U, Nintendo Switch
Data di pubblicazioneWii U:
Giappone 8 dicembre 2012
Flags of Canada and the United States.svg 18 novembre 2012
Flag of Europe.svg 30 novembre 2012

Nintendo Switch:
Mondo/non specificato 11 gennaio 2019

GenerePiattaforme
OrigineGiappone
SviluppoNintendo EAD
PubblicazioneNintendo
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
SupportoiDensity[1], scheda di gioco
Fascia di etàCEROA · ESRBE · PEGI: 3 · USK: 0
SerieMario
Preceduto daNew Super Mario Bros. 2
Seguito daSuper Mario 3D World
Logo ufficiale del videogioco

New Super Mario Bros. U (New スーパーマリオブラザーズ U Nyū Sūpā Mario Burazāzu Yū?) è un videogioco a piattaforme per Wii U e Nintendo Switch, sviluppato da Nintendo EAD e pubblicato da Nintendo.

È il sedicesimo videogioco della serie principale di Mario.

Presentato all'E3 del 2011 con il nome provvisorio di New Super Mario Bros. Mii[2], il titolo è stato svelato durante l'E3 del 2012.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli eventi di New Super Mario Bros. 2, durante un pranzo tra Mario, Luigi, Toad Giallo e Toad Blu, irrompe nel Castello di Peach il perfido Bowser che, assieme a Bowser Jr. e i Bowserotti, scaraventa gli amici della principessa Peach fuori dai confini del Regno dei Funghi e, insieme ai Koopa Troopa occupa il castello. Vedendo da lontano la situazione, Mario parte così con Luigi e i Toad. Insieme i 4 compagni riusciranno ad arrivare da Bowser e lo sconfiggeranno anche in dimensioni enormi (come si è notato in New Super Mario Bros. Wii e in New Super Mario Bros. 2). La fine del gioco vede Bowser e i suoi sgherri andarsene sciagurati, mentre Mario e i suoi amici liberano Peach riportando la pace nel Regno dei Funghi.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Screenshot del videogioco

Il gameplay presenta elementi che richiamano il predecessore, New Super Mario Bros. Wii. L'obiettivo del giocatore in ogni livello è quello di raggiungere la bandierina al termine dello stesso cercando di evitare nemici e trappole. Il gioco permette l'utilizzo di cinque diversi personaggi: Mario, Luigi, due Toad colorati e i personaggi Mii salvati all'interno della console. New Super Mario Bros. U può essere giocato con il Wii Remote oppure con il Wii U GamePad, il quale permette al giocatore di vedere ciò che sta accadendo su schermo anche su quello del controller. Nel multiplayer possono giocare simultaneamente fino a quattro giocatori usando Telecomandi Wii(che possono essere sostituiti da un Wii U Pro Controller), ma un quinto giocatore può aggiungersi usando il Wii U GamePad. L'ulteriore giocatore non controlla un personaggio, ma invece ha il potere di assistere gli altri creando blocchi colorati e bloccare il cammino dei nemici toccando lo schermo.[4]

New Super Mario Bros. U introduce nuovi power-up, come la tuta da Scoiattolo Volante, che permette ai giocatori di planare su lunghe distanze o discendere lentamente da percorsi ripidi; cuccioli di Yoshi, che escono dalle scatole power-up e possono essere trasportati dai singoli giocatori e Yoshi adulti, che possono essere cavalcati (nella prima di queste due forme essi possono apparire in diversi colori, le quali identificano l'abilità che concedono al giocatore, come quella di gonfiarsi in aria, soffiare bolle per attaccare i nemici e illuminare zone buie). Il gioco usufruiva inoltre della funzionalità Miiverse della console Wii U.

Al contrario di New Super Mario Bros. Wii, nella cui mappa i livelli sono suddivisi in 9 mondi differenti, in questo gioco c'è un'unica e grande mappa, come in Super Mario World. Alcuni livelli hanno inoltre un'uscita segreta.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi giocabili[modifica | modifica wikitesto]

  1. Mario, il personaggio principale;
  2. Luigi, personaggio secondario, ma protagonista dopo aver completato l'avventura;
  3. Toad Giallo e Toad Blu, due Toad di diverso colore (si sbloccano dopo aver completato l'avventura);
  4. Ruboniglio, si può utilizzare solo in New Super Luigi U (sostituisce Mario).

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bowser, il mandante del boss finale, assieme a Bowser Jr., suo figlio prediletto;
  2. Kamek, il più fedele servitore di Bowser e boss della fortezza, è un Magikoopa stregone;
  3. Boom Boom, servo di Bowser, boss delle fortezze dei mondi 1, 2, 3, 4, 5 e della prima fortezza del mondo 6. Per diventare più forte ottiene vari potenziamenti da Kamek;
  4. Sumo bros., boss della seconda fortezza del mondo 6, si serve dell'elettricità per sconfiggere Mario;
  5. Bowserotti: i boss dei castelli dei mondi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 sono rispettivamente: Lemmy Koopa, Morton Koopa jr., Wendy O. Koopa, Larry Koopa, Iggy Koopa, Roy Koopa e Ludwig Von Koopa. Essi si trovano in navi volanti con il loro volto nei castelli dei mondi sopra citati.
  6. Ruboniglio, in New Super Mario Bros. U esso ruba i vari power-up dalle case fungo.

Aiutanti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Toad rossi, si trovano nelle case fungo e regalano vari power-up a Mario;
  2. Yoshi, si trova dentro le uova di alcuni livelli e può essere cavalcato dal giocatore;
  3. Baby Yoshi, possono essere: rosa (si può gonfiare per fluttuare in aria), blu (può sparare bolle per inglobare i nemici o saltarci sopra) o gialli (illuminano i luoghi bui). Si possono trovare nelle uova in alcuni livelli (come per Yoshi) o nella mappa;
  4. Principessa Peach: non è una vera e propria aiutante, è anzi la principessa da liberare dalle grinfie del malefico Bowser, come in quasi tutte le avventure della serie principale di Mario.

New Super Luigi U[modifica | modifica wikitesto]

In quest'avventura Mario è completamente assente, con solo il cappello presente nell'introduzione, per cui Luigi è il protagonista. Lo scopo è il medesimo: superare i livelli per salvare la Principessa Peach. La mappa e i mondi sono gli stessi del gioco principale, ma tutti i livelli sono diversi. Per superare un livello, il giocatore ha a disposizione solo 100 oppure 300 secondi (a seconda dei casi); perciò questi sono molto brevi e i nemici più frequenti, rendendo il livello molto più difficile dell'originale. In caso di fortezza, castello o aeronave, il giocatore ha 100 secondi per raggiungere il portone che precede lo scontro finale, ed ottiene 100 ulteriori secondi per sconfiggere il boss di turno.

Le abilità di Luigi sono diverse da quelle del fratello: egli può saltare molto più in alto e scivolare al termine di una corsa.

Anche la modalità multigiocatore è strutturata con le stesse meccaniche e presenta la possibilità di utilizzare il Ruboniglio. Esso non può essere danneggiato dai nemici (rendendolo un personaggio adatto ai principianti), ma non beneficia degli effetti dei power-up.

New Super Mario Bros. U Deluxe[modifica | modifica wikitesto]

Copertina della versione Deluxe

Nel 2018, durante il Nintendo Direct del 14 settembre, è stata annunciata una versione del gioco per Nintendo Switch, intitolata New Super Mario Bros. U Deluxe, uscita l'11 gennaio 2019.[5] A differenza della versione Wii U, è incluso New Super Mario Bros. U e New Super Luigi U, è possibile giocare con Toadette e Ruboniglio, giocabile precedentemente solo in New Super Luigi U, è presente un nuovo power-up che trasforma Toadette in Peachette ed è stata introdotta la possibilità di controllare due personaggi tramite un unico controller.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Agora é oficial: Wii U utilizará discos iDensity de 25GB
  2. ^ (EN) E3 2011: New Super Mario Bros. Mii Hands-On Preview Archiviato il 28 marzo 2012 in Internet Archive. da GameSpot
  3. ^ (EN) E3 2012: New Super Mario Bros. U is Official da IGN
  4. ^ (EN) https://kotaku.com/5915882/new-super-mario-bros-u-coming-to-wii-u
  5. ^ Tommaso Pugliese, New Super Mario Bros. U Deluxe annunciato per Nintendo Switch, in Multiplayer.it, 14 settembre 2018. URL consultato il 22 dicembre 2020.
  6. ^ Lorenzo Ardeni, Svelato New Super Mario Bros. U Deluxe per Nintendo Switch, su Vigamus Magazine, 13 settembre 2018. URL consultato il 22 dicembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb16695657q (data)