Mia madre (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mia madre
Mia Madre - Moretti.png
Nanni Moretti e Margherita Buy in una scena del film.
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 2015
Durata 106 min
Rapporto 1,85:1
Genere drammatico
Regia Nanni Moretti
Soggetto Nanni Moretti, Valia Santella, Gaia Manzini, Chiara Valerio
Sceneggiatura Nanni Moretti, Francesco Piccolo, Valia Santella
Produttore Nanni Moretti, Domenico Procacci
Casa di produzione Sacher Film, Fandango, Le Pacte, Rai Cinema
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Arnaldo Catinari
Montaggio Clelio Benevento
Scenografia Paola Bizzarri
Costumi Valentina Taviani
Interpreti e personaggi

Mia madre è un film del 2015 diretto da Nanni Moretti e scritto dal regista insieme a Francesco Piccolo e Valia Santella. Il film è interpretato da Margherita Buy, John Turturro, Giulia Lazzarini e dallo stesso Moretti, e racconta il difficile periodo di una regista di successo, divisa tra il set del suo nuovo film e la sua vita privata.

Il film è stato presentato in concorso al 68º Festival di Cannes.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Margherita è una regista che sta lavorando a un film sull'occupazione da parte degli operai della fabbrica in cui lavorano, dopo che è stata venduta ad una multinazionale, il cui general manager Barry Huggins (interpretato da John Turturro) vuole attuare dei licenziamenti. Margherita è sorella di Giovanni, uomo attento e premuroso, con il quale accudisce la madre Ada, malata di scompenso cardiaco e ricoverata in ospedale.

La donna sta attraversando un periodo difficile. Non sembra riuscire ad accudire la madre quanto vorrebbe, in confronto al fratello (che prima si è preso un'aspettativa dal lavoro di ingegnere e in seguito deciderà di licenziarsi) e sembra spaesata davanti all'aggravarsi della malattia materna. Inoltre ha deciso di separarsi dal compagno Vittorio (attore presente sul suo set) ed è anche alle prese con i problemi adolescenziali e scolastici della figlia Livia, rimandata in latino (proprio la materia che Ada aveva insegnato con passione e dedizione). Infine a livello lavorativo il film sembra non riuscire come lei vorrebbe a causa della poca concentrazione, delle idee poco chiare e con Huggins che si dimentica le battute.

Non essendoci più speranze per la madre, Giovanni e Margherita decidono di riportare Ada a casa, dove la donna dà ripetizioni alla nipote. Poco dopo, Ada muore. Proprio mentre stanno vegliando il corpo, arriva un ex studente che chiede di lei. Attraverso di lui e un'altra ex studentessa, i figli di Ada scoprono quanto la loro madre fosse stata una figura di riferimento per i suoi studenti, che la stimavano e che si sentivano capiti e amati. Nella scena conclusiva, Margherita sorride con le lacrime agli occhi rievocando uno scambio di battute con sua madre quando era ancora in ospedale:

« - Mamma...
- Sì?
- A che stai pensando?
- A domani. »

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito nelle sale italiane il 16 aprile 2015 in 400 copie, distribuito da 01 Distribution.[1] Nel primo weekend di programmazione ha guadagnato 1.112.000 €. L'incasso totale è di 3.505.000 €.[2] Il film al Festival di Cannes 2015 è stato venduto in 30 paesi in tutto il mondo, fra cui Gran Bretagna, Scandinavia, Spagna, America Latina e Giappone.[3]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo poster del film è stato diffuso il 25 marzo 2015.[4] Lo stesso giorno viene pubblicato il primo trailer.[5]

Il film è uscito nelle sale il 16 aprile,

È stato distribuito, per la vendita ed il noleggio nei supporti dvd e blu-ray, a partire dal primo ottobre dello stesso anno.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ “Mia madre”: 400 copie per il film di Nanni Moretti. Al cinema dal 16 Aprile., in rbcasting.com. URL consultato il 20 agosto 2015.
  2. ^ Mia madre, scheda del film su MyMovies, mymovies.it. URL consultato il 20 agosto 2015.
  3. ^ CANNES, "MIA MADRE" DI MORETTI VENDUTO IN OLTRE 30 PAESI, in http://movieplayer.it/. URL consultato il 20 agosto 2015.
  4. ^ Esclusiva: Nanni Moretti e Margherita Buy nel poster ufficiale di Mia madre, comingsoon.it, 25 marzo 2015. URL consultato il 5 maggio 2015.
  5. ^ "Mia madre", il trailer in esclusiva del film di Nanni Moretti, repubblica.it, 25 marzo 2015. URL consultato il 5 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema