Aprile (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aprile
Aprile.png
Nanni e sua madre guardano alla tv le elezioni politiche del 1994
Paese di produzioneItalia
Anno1998
Durata78 min
Rapporto1,66:1
Generecommedia
RegiaNanni Moretti
SoggettoNanni Moretti
SceneggiaturaNanni Moretti
ProduttoreAngelo Barbagallo,
Nanni Moretti per la Sacher Film
Casa di produzioneBac Films,
Canal+,
La Sept Cinéma,
Les Films Alain Sarde,
Radiotelevisione Italiana,
Sacher Film
Distribuzione (Italia)Tandem Distribuzione
FotografiaGiuseppe Lanci
MontaggioAngelo Nicolini
ScenografiaMarta Maffucci
CostumiValentina Taviani
TruccoGianfranco Mecacci,
Marcello Meniconi,
Gino Tamagnini
Interpreti e personaggi

Aprile è un film politico diretto e interpretato da Nanni Moretti nel 1998.

È stato presentato in concorso al 51º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si apre con il discorso di Emilio Fede al TG4 per annunciare la vittoria di Silvio Berlusconi alle elezioni politiche del 1994. Nanni Moretti è sconcertato dalla vittoria della destra e pensa di girare un documentario a proposito della figura di Berlusconi e sul conflitto d'interessi. Tuttavia il progetto verrà accantonato per fare posto ad un musical. Ma nel 1996 ci saranno le elezioni politiche anticipate e Moretti (che nel frattempo aveva sospeso a tempo indeterminato il musical per mancanza d'idee) ripensa al suo progetto del film politico.

Contemporaneamente la moglie gli rivela di essere incinta e da quel momento la vita di Moretti si divide tra il lavoro sul documentario e il figlio a cui dedica tantissimo tempo. Incontra notevoli difficoltà professionali e soprattutto personali nel suo nuovo ruolo di padre. Il documentario non verrà realizzato in tempo, quindi Moretti abbandona il progetto (anche per via della vittoria della sinistra) e si dedica nuovamente al musical.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è girato in parte a Brindisi.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Dopo la nascita del figlio, Moretti ascolta i messaggi degli amici nella segreteria telefonica: in uno si riconosce la voce di Marco Messeri.
  • Vengono citati diversi film contemporanei al periodo raccontato, come Heat, Casinò, I soliti sospetti e in particolare Strange Days di Kathryn Bigelow, che Moretti definisce drasticamente "una cazzata memorabile" (all'epoca era stato un flop colossale - incassi pari a un sesto del budget - ed aveva diviso aspramente la critica).
  • Il titolo è dovuto al mese in cui nasce il figlio e in cui avvengono le elezioni.
  • L'idea di un musical con protagonista un pasticciere trotskista era già stata accennata nell'episodio In Vespa del film Caro diario del 1993.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1998, festival-cannes.fr. URL consultato il 3 luglio 2011.
  2. ^ Scheda del film su Apulia film commission.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema