Lorenzo Campeggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Campeggio
cardinale di Santa Romana Chiesa
Lorenzo Campeggio.jpg
Ritratto del cardinale Campeggio
Coa-Campeggio-Alessandro-1554.jpg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato7 novembre 1474 a Milano
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo12 novembre 1512 da papa Giulio II
Consacrato vescovo6 aprile 1518
Creato cardinale1º luglio 1517 da papa Leone X
Deceduto19 luglio 1539 (64 anni) a Roma
 

Lorenzo Campeggi, o, meno correttamente, Campeggio (Milano, 7 novembre 1474Roma, 19 luglio 1539), è stato un cardinale, vescovo cattolico e diplomatico italiano, al servizio dello Stato della Chiesa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primo di cinque fratelli, nel 1500 ottenne a Bologna il dottorato in utroque iure e sposò Francesca Guastavillani, la quale gli diede cinque figli. Rimasto vedovo nel 1509, Campeggi cominciò la carriera ecclesiastica sotto la protezione di papa Giulio II.

Gli furono presto assegnate due missioni diplomatiche contro il concilio di Pisa, l'una presso l'imperatore Massimiliano I, che gli assegnò l'episcopato di Feltre (1512-1520), l'altra come nunzio apostolico a Milano. Nel 1513 tornò in Germania nel tentativo di formare una lega contro i Turchi. Nel 1517 papa Leone X lo creò cardinale e in seguito Massimiliano lo nominò cardinale protettore del Sacro Romano Impero. Il 3 marzo 1518 fu mandato in Inghilterra per rappresentare il papato durante la promulgazione del trattato di Londra. Il 22 gennaio 1523 fu nominato cardinale protettore d'Inghilterra.

Morì il 19 luglio 1539 all'età di 67 anni.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il cardinalato di Lorenzo Campeggio si svolsero tre conclavi e il cardinale partecipò a tutti e tre:

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

  • ...
  • Cardinale Lorenzo Campeggi

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9837370 · ISNI (EN0000 0001 1559 5770 · SBN IT\ICCU\MILV\023991 · LCCN (ENnr93011929 · GND (DE118666843 · BNF (FRcb10639417t (data) · CERL cnp01879635 · WorldCat Identities (ENnr93-011929