La République En Marche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da La République En marche !)
Jump to navigation Jump to search
La République En Marche
Logo-LREM-noir.svg
LeaderEmmanuel Macron
PresidenteChristophe Castaner
SegretarioRichard Ferrand
StatoFrancia Francia
Sede99, rue de l'Abbé-Groult 75015 Parigi
AbbreviazioneLaREM
Fondazione6 aprile 2016
IdeologiaLiberalismo sociale[1][2][3]
Europeismo[4]
CollocazioneCentro[2][5][6]
Partito pigliatutto[7]
Partito europeonessuno
Gruppo parl. europeoALDE
Seggi Assemblea Nazionale
312 / 577
Seggi Senato
21 / 348
Seggi Europarlamento
1 / 74
Organizzazione giovanileI giovani con Macron
Iscritti385 027[8] (2017)
ColoriBianco, nero
Sito web

La République En Marche[9] (sigla LaREM), noto anche semplicemente come En Marche, è un partito politico francese fondato nel 2016 da Emmanuel Macron, all'epoca ministro del governo di Manuel Valls e successivamente divenuto presidente della Repubblica francese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Emmanuel Macron nel 2014
Logo in uso fino al 7 febbraio 2017

Il movimento En Marche venne lanciato il 6 aprile 2016 dal ministro dell'economia del secondo Governo Valls Emmanuel Macron, fuoriuscito dal Partito Socialista.[10] In precedenza, a febbraio dello stesso anno, Macron aveva fondato una associazione denominata "Association pour le renouvellement de la vie politique" (ARVP) che fece da base per il movimento.

Elezioni del 2017[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2016 Macron annunciò la sua candidatura per le elezioni presidenziali del 2017. Al primo turno delle elezioni Macron riuscì a qualificarsi per il ballottaggio contro la leader del Front National, Marine Le Pen[11] da cui uscì in seguito vincitore con un ampio vantaggio.[12]

Dopo la sua elezione Macron annunciò le sue dimissioni da presidente del partito e Catherine Barbaroux venne nominata sua sostituta ad interim.[13]

In occasione delle elezioni legislative del 2017 il movimento venne rinominato "La République En Marche" e si è alleato con il Movimento Democratico centrista di François Bayrou.[14] Vengono eletti sotto l'etichetta del partito 309 deputati all'Assemblea nazionale: 3 di questi aderiscono poi al gruppo parlamentare del Movimento Democratico (Bruno Fuchs, Erwan Balanant e Philippe Berta) mentre M'jid El Guerrab è successivamente passato al gruppo dei non iscritti; viceversa Thierry Solère, già esponente de I Repubblicani, ha aderito alla formazione di Macron; a questa ha altresì aderito Jean-Noël Barrot, già esponente del MoDem, pur restando all'interno di tale gruppo parlamentare.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

En Marche! si presenta come un partito sincretico e "pigliatutto",[15][16] collocandosi al centro politico in alternativa sia alla destra che alla sinistra.[17]

I valori rivendicati ufficialmente dal partito En Marche ! sono il rifiuto di ogni forma di conservatorismo e un'adesione al progressismo[18] L'autodefinizione progressista che il partito dà di sé è messa in discussione da alcuni osservatori, etichettandolo come neoliberista.[19][20][21] Altre caratteristiche ideologiche sono l'attaccamento all'integrazione europea[22] ed il sostegno al federalismo continentale,[23][24][25] l'ambientalismo[26][27], il sostegno all'adattamento dell'economia della Francia alla mondializzazione, l'impegno a moralizzare e modernizzare la vita politica francese[28].

È stato spesso paragonato al partito spagnolo Ciudadanos.[29]

Leader[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Segretari[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni presidenziali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Candidato

supportato

1º Turno 2º Turno
Voti % Voti %
2017 Emmanuel Macron 8.656.346 24,01% (1.º) 20.743.128 66,06% (1.º)

Elezioni senatoriali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Seggi (in precedenza) Seggi vinti Voti +/- seggi
2017 29 24/348 8.822 -5

Elezioni legislative (Assemblea Nazionale)[modifica | modifica wikitesto]

Anno 1º Turno 2º Turno Seggi +/- Status
Voti % +/- Voti % +/-
2017 6 391 269 28,2 (1.°) 7 826 245 43,1 (1.°)
308 / 577
Governo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Wolfram Nordsieck, France, in Parties and Elections in Europe, 2017.
  2. ^ a b (EN) Susan Milner, Emmanuel Macron and the building of a new liberal-centrist movement, in EUROPP, LSE, 6 febbraio 2017.
  3. ^ (FR) Marc Endeweld, La démonstration de force du social-libéral Emmanuel Macron, in Marianne, 10 dicembre 2016.
  4. ^ (FR) Direzione, A Berlin, Macron veut « restaurer la confiance avec les Allemands en faisant des réformes sérieuses », in Le Monde, 10 gennaio 2017.
  5. ^ (EN) France's Macron joins presidential race to 'unblock France', in BBC, 16 novembre 2016.
  6. ^ (FR) Emmanuel Macron ou le populisme d'extrême-centre, in La Tribune. URL consultato il 25 settembre 2018.
  7. ^ Législatives : "Le parti d’Emmanuel Macron a un caractère attrape-tout"
  8. ^ Sito En Marche! - aggiornato giugno 2017
  9. ^ (FR) Status (PDF), La République En Marche, 17 agosto 2017. URL consultato il 26 settembre 2018.
  10. ^ (FR) Emmanuel Macron lance un " mouvement politique nouveau " baptisé " En marche !", su sito=Le Monde, 6 aprile 2016. URL consultato l'8 maggio 2017.
  11. ^ Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio, su Il Messaggero, 23 aprile 2017. URL consultato il 9 maggio 2017.
  12. ^ Katia Riccardi, Francia, Macron presidente: "Avete scelto di essere audaci. Difenderò le speranze d'Europa", su la Repubblica, 7 maggio 2017. URL consultato l'8 maggio 2017.
  13. ^ Macron si dimette da En Marche!, su ANSA.it, 8 maggio 2017. URL consultato il 9 maggio 2017.
  14. ^ Francesca Schianchi, Macron, un partito e un premier per vincere anche il voto di giugno, su La Stampa, 9 maggio 2017. URL consultato il 9 maggio 2017.
  15. ^ (FR) Clara Bambeger, Législatives : "Le parti d’Emmanuel Macron a un caractère attrape-tout", in Les Inrockuptibles, 9 giugno 2017.
  16. ^ (FR) Fabien Escalona, Macron, tel César dans sa start-up, in Mediapart, 23 febbraio 2017.
  17. ^ Mauro Zanon, La "Marche" di Macron verso le presidenziali parte con il pienone, in il Foglio, 16 dicembre 2017.
  18. ^ L'Unità
  19. ^ Ruchir Sharma, How Macron Would Fix the French Economy, in The New York Times, 27 aprile 2017. URL consultato il 6 maggio 2017.
  20. ^ (EN) Tom Gill, Macron on the throne: New French president takes neoliberal path, in People's World, 3 agosto 2017.
  21. ^ (EN) Matthew Walther, Emmanuel Macron's nasty neoliberalism, in The Week, 13 luglio 2017.
  22. ^ Andrea Muratore, L’Europa En Marche!, in L?Intellettuale Dissidente, 24 aprile 2017.
  23. ^ Roberto Castaldi, La visione di Macron: “un’Europa sovrana, unita e democratica”, in l'Espresso, 27 settembre 2017.
  24. ^ (EN) The Guardian view on Macron’s Europe speech: a bold vision, in The Guardian, 26 settembre 2017.
  25. ^ (EN) Nick Gutteridge, EUROZONE WARNING: Crisis looming as German election KILLS Macron's federal Europe dream, in Daily Express, 25 settembre 2017.
  26. ^ Clima, Macron sfida Trump. E cambia il suo slogan: "Rendiamo il nostro pianeta grande di nuovo", in la Repubblica, 2 giugno 2017.
  27. ^ (EN) Megan Darby, France’s Macron to pitch global environmental rights charter to UN, in Climate Change News, 19 settembre 2017.
  28. ^ Il Sole 24 Ore - Magazine
  29. ^ Famiglia Cristiana

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE1130610918 · BNF (FRcb171452497 (data)