Kelly Preston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Kelly Preston al Festival di Cannes 2018

Kelly Kamalelehua Smith, meglio nota come Kelly Preston (Honolulu, 13 ottobre 1962Clearwater, 12 luglio 2020), è stata un'attrice e modella statunitense.

Kelly Preston nel 2005

Suo padre, lavoratore presso un centro agricolo, morì quando Kelly aveva 3 anni e sua madre, Linda, amministratrice in un centro per persone con problemi mentali, si risposò con Peter Palzis, che adottò Kelly. Iniziò in gioventù a muovere i primi passi nel mondo della moda. A 16 anni venne notata da un fotografo di moda che la aiutò a ottenere piccoli lavori da attrice in pubblicità e altri ruoli. Nel 2001 la Preston partecipò all'edizione speciale di Fear Factor. Giunta in finale, perse di fronte al rapper Coolio. Ricevette $25.000 che donò in beneficenza.

Sia la Preston che il marito John Travolta erano adepti della chiesa di Scientology. Entrambi recitarono nel film Battaglia per la Terra (2000), basato su una novella del fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard. Il suo ruolo non è principale: interpretò una donna della setta degli Psychlo. Il film, stroncato da critica e pubblico, ricevette sette Razzie Awards, tra cui il Razzie Award alla peggior attrice non protagonista a Kelly Preston.

Nel 2003 venne candidata al Razzie Awards per Il gatto... e il cappello matto. Nel 2004 apparve nel video musicale She Will Be Loved dei Maroon 5. Nel 2006 fu testimonial del marchio Neutrogena. Tra il 2006 e il 2007, la Preston iniziò a dibattere sulla scuola e sui bambini: secondo l'attrice, le scuole stanno forzando e pressando le famiglie perché guariscano i figli - anche non affetti - dall'ADHD (Disturbo da deficit da attenzione). Testimoniò davanti alla stessa legislatura statale della Florida per incoraggiare l'approvazione di una legge che vietasse questi fenomeni. Una legge federale con questo effetto fu emanata nel luglio 2005, secondo cui solo le scuole che ricevono fondi federali possono usare questi trattamenti.

A causa di un cancro al seno, è morta a 57 anni il 12 luglio 2020. A dare la notizia è stato il marito John Travolta sul suo profilo Instagram.[1] Il suo corpo è stato cremato e le ceneri sono a tutt'oggi custodite dai familiari.

È stata sposata con l'attore Kevin Gage[2] dal 1985 al 1987. Ha anche avuto una relazione con George Clooney alla fine degli anni ottanta. In seguito si è legata per un anno (1989-1990) all'attore Charlie Sheen. Nel 1991 sposa l'attore John Travolta. La coppia ha avuto tre figli: Jett (1992-2009), Ella Bleu (2000) e Benjamin (2010).

La Preston dedicava molto tempo al consiglio della CHEC (Children's Health Environmental Coalition - Coalizione per la salute ambientale dei bambini), un'organizzazione non profit creata per educare i genitori ai rischi delle tossine ambientali che potrebbero far male ai bambini con allergie. Ha iniziato a far parte dell'associazione dopo aver scoperto che suo figlio Jett aveva la sindrome di Kawasaki, una grave malattia rara ed autoimmune che, se non diagnosticata e curata per tempo, può comportare gravi disturbi agli organi interni ed in particolare al sistema vascolare e cardiovascolare.

I media avevano anche diffuso la notizia secondo cui il figlio Jett non fosse affetto dalla sindrome di Kawasaki, bensì fosse autistico, basandosi sull'ipotesi che i sintomi descritti dalla Preston non potessero essere collegati alla sindrome di Kawasaki. Il 10 aprile 2006 la Hollywood Interrupted ha chiesto pubblicamente alla Preston e al marito di curare il figlio privatamente e la Preston ha confermato l'autismo del figlio. Un anno dopo suo cognato Joey Travolta ha prodotto un documentario sull'autismo. Jett morì nel 2009 per cause non del tutto note.

Cortometraggi

[modifica | modifica wikitesto]
  • Little Surprises - cortometraggio TV (1996)
  • Struck (2008)

Doppiatrici italiane

[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Kelly Preston è stata doppiata da:

  1. ^ È morta Kelly Preston, la moglie di John Travolta, su repubblica.it, La Repubblica, 13 luglio 2020. URL consultato il 13 luglio 2020.
  2. ^ Chicago Tribune.com

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN2661619 · ISNI (EN0000 0000 8350 8096 · SBN TO0V404607 · LCCN (ENno99044061 · GND (DE142296864 · BNE (ESXX1066848 (data) · BNF (FRcb13943493m (data) · J9U (ENHE987007340668105171 · CONOR.SI (SL28303715