I gemelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi I gemelli (disambigua).
I gemelli
I gemelli (Twins).jpg
DeVito e Schwarzenegger in una scena del film.
Titolo originaleTwins
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1989
Durata105 min
Generecommedia
RegiaIvan Reitman
SceneggiaturaWilliam Davies, William Osborne, Timothy Harris, Herschel Weingrod
ProduttoreIvan Reitman
FotografiaAndrzej Bartkowiak
MontaggioDonn Cambern, Sheldon Kahn
MusicheGeorges Delerue, Randy Edelman
ScenografiaJames D. Bissell
CostumiGloria Gresham
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
(EN)

« Only their mother can tell them apart »

(IT)

« Solo la madre li può distinguere »

(Tagline del film)

I gemelli (Twins) è un film del 1989 diretto da Ivan Reitman, con Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito.

Il film, realizzato con un budget di 15 milioni di dollari, è stato un successo commerciale, incassando 11 milioni di dollari nel weekend di apertura negli Stati Uniti e 216 milioni di dollari complessivamente.[1] Schwarzenegger e De Vito si accordarono con la produzione per avere come salario il 20% degli incassi, ricevendo così il più grande compenso della loro carriera cinematografica.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Per uno specialissimo esperimento scientifico, Mary Ann Benedict viene fecondata col seme di sei uomini eccezionali, affinché generi un figlio straordinario per il bene dell'umanità. Ma nascono invece due gemelli: Julius, un bambino eccezionalmente sviluppato, e Vincent, un neonato piccolissimo, mentre alla madre viene comunicato che l'unico nato è morto. I due bambini, separati subito dopo la nascita, crescono ignorando l'uno l'esistenza dell'altro e credendo che la madre sia morta di parto.

Dopo 35 anni, Julius Benedict, un uomo gigantesco, intelligente, colto, ma molto ingenuo, dedito a studi di diritto a Midway, apprende dal maestro di avere un fratello gemello, che vive negli Stati Uniti, e subito parte entusiasta per raggiungerlo. Vincent Benedict è invece un piccolissimo e vivacissimo ometto, allevato in un orfanotrofio, un imbroglione che vive di espedienti, ed è sempre in mezzo ai guai per i suoi affari poco puliti. Giunto a Los Angeles, Julius lo trova in prigione e per liberarlo gli paga la cauzione.

Dal quel momento, i due fratelli, diversissimi in tutto, diventano indivisibili, imparano a volersi bene e ad aiutarsi, attraversando molte spiacevoli avventure, sia con pericolosi gangster, sia con commercianti d'auto di lusso rubate, dai quali Vincent è seriamente minacciato, e dai quali Julius riesce a salvarlo, grazie alla sua eccezionale forza fisica e alla sua onestà. Mentre smussano le diversità dei loro caratteri, i gemelli vanno in cerca della madre dopo aver saputo che è ancora viva, accompagnati da Linda, fidanzata di Vincent, e dalla sorella di costei, Marnie, della quale Julius si è innamorato.

Finalmente Mary Ann viene ritrovata e viene persuasa che quelli sono veramente i suoi figli gemelli, vivi e vegeti. Così, risolti felicemente tutti i problemi, Julius e Vincent sposano le due ragazze, iniziano una serena vita familiare, e hanno subito una coppia di gemelli per ciascuno, con gran gioia della loro mamma, divenuta nonna.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film ha ottenuto una nomination ai Golden Globe per la miglior canzone originale.
  • Nella scena in cui Vincent e Julius si trovano in ufficio a firmare assegni per saldare i debiti della Benedict & Benedict, viene fatto riferimento alla valigetta piena di dollari che i gemelli hanno restituito alle autorità, ricevendo in cambio una ricompensa di 50.000 dollari. Vincent parla di quattro milioni di dollari, quando in realtà, sappiamo benissimo che i milioni erano in realtà cinque. Ciò lascia supporre che Vincent abbia mentito al fratello sull'ammontare della somma e abbia tenuto il milione mancante per sé.
  • Come avverrà in altri film di Arnold Schwarzenegger, anche in questa occasione c'è un omaggio all'amico Sylvester Stallone. Julius infatti scherza in maniera ironica sulla dimensione dei muscoli di Sylvester Stallone, mentre guarda il manifesto del film Rambo III.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2012, la Universal annunciò un sequel intitolato Triplets.[3]

Il sequel del film, prodotto da Ivan Reitman, è ufficialmente in sviluppo. La sceneggiatura sarà firmata da Josh Gad. Il film vedrà il ritorno di Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito. Eddie Murphy interpreterà il fratello smarrito del duo.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Box Office Mojo: Twins, su boxofficemojo.com. URL consultato il 20 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Schwarzenegger Interview – Interview/Podcast, su nerdist.com. URL consultato il 20 novembre 2017.
  3. ^ (EN) 'Twins' Sequel 'Triplets' in the Works for Arnold, DeVito...and Eddie Murphy (Exclusive). URL consultato il 20 novembre 2017.
  4. ^ Emiliano Cecere, Arnold Schwarzenegger pronto a girare il sequel de I Gemelli dal titolo Triplets, in Cinematographe - FilmIsNow, 7 aprile 2017. URL consultato il 7 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema