Junior (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« Nulla è inconcepibile »

(Tagline del film)
Junior
Junior (film).jpg
Arnold Schwarzenegger in una scena del film
Titolo originale Junior
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1994
Durata 110 min
Genere commedia
Regia Ivan Reitman
Soggetto Chris Conrad, Kevin Wade
Sceneggiatura Chris Conrad, Kevin Wade
Produttore Ivan Reitman
Casa di produzione Universal Pictures
Distribuzione (Italia) UIP
Fotografia Adam Greenberg
Montaggio Wendy Greene Bricmont, Sheldon Kahn
Effetti speciali Buena Vista Visual Effects
Musiche Carole Bayer Sager, Patty Smyth, James Ingram, James Newton Howard, Artie Kane
Scenografia Stephen J. Lineweawer
Costumi Albert Wolsky
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Junior è un film commedia del 1994 diretto da Ivan Reitman, interpretato da Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due ginecologi-ricercatori, Larry Arbogast e Alexander Hesse, stanno sperimentando sulle scimmie Expectane, un farmaco che evita l'aborto spontaneo, ma il direttore del progetto, Noah Banes, visto il parere contrario della Commissione governativa per il passaggio alla sperimentazione sull'uomo, licenzia i due: così Larry riesce a convincere Alex a provare il farmaco su se stesso. Sottrae un ovulo nell'ex laboratorio, ora gestito dalla dottoressa Diana Reddin, e lo impianta nell'addome di Hesse, che si sottopone al trattamento col farmaco. La gravidanza dovrebbe essere interrotta dopo tre mesi, ma Alex scopre le gioie della gestazione e vuole portare a termine la gravidanza, cosa che gli viene complicata da una storia sentimentale con Diana, nonché dall'ira della donna quando costei scopre che l'ovulo trafugato, denominato Junior, è suo.

Al momento delle doglie, Banes convoca la stampa, per sfruttare a nome della fondazione la prima gravidanza maschile della storia. Ma Larry, sfruttando la contemporanea gravidanza dell'ex moglie Angela, che l'ha voluto come ginecologo, la presenta ai giornalisti consentendo ad Alex di raggiungere liberamente la sala parto, dove può dare alla luce una bella bambina.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato prodotto dalla Universal Pictures, con il supporto della Northern Lights Entertainment.[1] Gli effetti sono a opera della Buena Vista Visual Effects;[2] la Varèse Sarabande si è occupata della colonna sonora, mentre della registrazione della musica si è occupata la Todd-AO Scoring Stage.[3] Il budget ammonta a circa $ 60.000.000.[4] Brian Levant era stato originariamente scelto per dirigere il film, ma Arnold Schwarzenegger rifiutò il ruolo di protagonista nel film a meno che esso non fosse stato diretto da Ivan Reitman.[5] Arnold inoltre trascorse del tempo nelle sale d'attesa degli ostetrici per imparare come si comportano le donne nello stato di gravidanza.[5] Le scene sono state girate dal 4 aprile al 28 giugno 1994 completamente nello stato della California, e quasi tutte a San Francisco, come: Berkeley, Chinatown, Università della California, ma anche a Los Angeles, come Downtown.[6]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita negli Stati Uniti il 23 novembre 1994 dalla Universal Pictures; in Spagna il 3 dicembre; nel Regno Unito il 9 dello stesso mese; in Germania il 15 dicembre; in Italia il 22; in Giappone il giorno dopo, e in Francia il 25 gennaio 1995 dalla United International Pictures (UIP).[7][8]

Divieto[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato vietato ai minori di 6 anni in Germania; valutato dalla Motion Picture Association of America (MPAA) PG (parents cautioned suggested), ovvero adatto a bambini di età da 10 anni in su per la visione non accompagnata; i bambini minori di 10 anni richiedono l'accompagnamento dei genitori o tutori in Australia, Singapore, e Regno Unito; ai minori di 11 in Svezia; 12 in Portogallo e Corea del Sud. Censura più severa nelle Filippine, Stati Uniti, e Argentina, dove il film fu vietato a chi non era tredicenne, ma soprattutto in Perù, dove fu vietato ai minori di 14 anni.[9]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film nel primo week-end di apertura incassa $ 9.803.145 dopo essere stata trasmessa da 1.749 cinema; in tutto guadagna $ 36.763.355, venendo trasmesso da 1896 cinema.[10] La critica non è eccessivamente negativa, ma sicuramente neanche positive: su IMDb riceve un punteggio di 4.7/10,[11] mentre su MYmovies 2.10/5.[12]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema