Gravidanza maschile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Col termine gravidanza maschile si intende l'incubazione di embrioni o feti da parte del maschio di una specie animale.[1]

Nel regno animale, praticamente in tutte le specie eterogamiche, la gravidanza viene portata avanti dalla femmina. L'unica eccezione a questo principio universale è costituito dalla famiglia dei Syngnathidae (pesci ago e cavallucci marini) in cui la femmina depone le proprie uova non fertilizzate all'interno della tasca ventrale del maschio ed è questi a fertilizzarle e quindi a portare avanti la gravidanza e a partorire i cuccioli.

Gravidanza in soggetti intersessuali e transessuali[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni soggetti intersessuali con cariotipo maschile (XY) sviluppano un utero.

In questo caso la gravidanza può essere prodotta attraverso la FIVET[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Adam G. Jones, Avise, John C., Male Pregnancy, in Current Biology, vol. 13, n. 20, 14 ottobre 2003, pp. R791, DOI:10.1016/j.cub.2003.09.045.
  2. ^ (EN) Khadilkar, Vaman. "Intersex Disorders" Archiviato il 2 dicembre 2008 in Internet Archive., Pediatrician On Call web site, "It is possible for XY individuals with a uterus to become pregnant through In Vitro Fertilization.", last accessed 02-01-2008

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]