It's So Hard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
It's So Hard
Artista John Lennon
Autore/i John Lennon
Genere Blues rock
Pubblicazione
Incisione Imagine
Data 1971
Etichetta Apple Records
Durata 2 min : 25 s
Imagine – tracce
Precedente

It's So Hard è una canzone scritta e interpretata da John Lennon. La canzone è inserita nell'album Imagine ed è uscita nel 1971.

Poco tempo dopo la pubblicazione dell'album, il brano venne fatto uscire anche su singolo come B-side di Imagine.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Il testo del brano descrive l'attitudine di Lennon verso la tediosità della vita di tutti i giorni, verso quei gesti ripetitivi ma necessari come il dormire, il mangiare, ecc... e quegli obblighi della società come "l'essere qualcuno".

L'assolo di sax è opera del celebre musicista King Curtis che aveva suonato con molti artisti jazz e pop negli anni cinquanta e sessanta. Questa fu una delle sue ultime performance, poiché venne assassinato un mese dopo la pubblicazione di Imagine.[1][2]

Klaus Voormann, vecchio amico dei Beatles e illustratore della copertina del loro album Revolver, suona il basso elettrico nella canzone.

Nel febbraio 1972, Lennon e la Ono appearvero nel corso del Mike Douglas Show ed eseguirono la canzone con l'accompagnamento della Elephant's Memory Band. Lennon inoltre suonò il brano anche durante un concerto di beneficenza tenutosi al Madison Square Garden il 30 agosto 1972.

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

It's So Hard fu registrata tra maggio e giugno del 1971 all'Ascot Sound Studios di Tittenhurst Park, e al Record Plant East di New York City.[1] Fu la prima canzone registrata ad Ascot, e venne considerata una buona prova per testare il nuovo studio, essendo un semplice blues. Il sassofono e gli altri effetti furono aggiunti in post-produzione sovraincidendoli al Record Plant di New York.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Blaney, J., John Lennon: Listen to This Book, 2005, p. 91, ISBN 978-0-9544528-1-0.
  2. ^ Porter, B., King Curtis, Allmusic. URL consultato il 6 novembre 2012.