Grand Capucin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Grand Capucin
06255 Monti il Grand Capucin Courmayeur 13-06-2006.jpg
il Grand Capucin
Stato Francia Francia
Regione Alvernia-Rodano-Alpi
Dipartimento Alta Savoia
Altezza 3 838 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°51′06″N 6°53′53″E / 45.851667°N 6.898056°E45.851667; 6.898056Coordinate: 45°51′06″N 6°53′53″E / 45.851667°N 6.898056°E45.851667; 6.898056
Data prima ascensione 24 luglio 1924
Autore/i prima ascensione Adolphe e Henry Rey, Louis Lainier e Enrico Augusto
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Grand Capucin
Grand Capucin
Mappa di localizzazione: Alpi
Grand Capucin
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Graie
Sottosezione Alpi del Monte Bianco
Supergruppo Massiccio del Monte Bianco
Gruppo Gruppo del Monte Bianco
Sottogruppo Gruppo del Mont Blanc du Tacul
Codice I/B-7.V-B.2.e

Il Grand Capucin (3.838 m s.l.m.) è un obelisco di granito rosso situato nelle Alpi Graie (Alpi del Monte Bianco). La sua forma appuntita ricorda la sagoma di un frate cappuccino, da cui il nome francese. Fa parte della Cresta du Diable nel Gruppo del Mont Blanc du Tacul.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il versante sud del Grand Capucin visto dal Cirque Maudit

Le sue pareti si alzano verticali fra i contrafforti sud-est del Mont Blanc du Tacul nel comprensorio del Monte Bianco. Si trova lungo la cresta du diable che, innalzandosi dal ghiacciaio del Gigante, provenendo dalla Pyramide du Tacul e dal Petit Capucin e proseguendo per le Aiguilles du Diable arriva alla vetta del Mont Blanc du Tacul.

La parete est è quella più alta e di maggior interesse alpinistico. Su di essa, tra il 20 ed il 23 luglio 1951, fu tracciata la prima via da Walter Bonatti e Luciano Ghigo, oggi diventata una classica tra le più belle scalate del Monte Bianco.

La prima salita in libera della Bonatti-Ghigo avviene il 15 luglio 1983 da parte di Eric Escoffier, Thierry Renault, Jean-Baptiste Tribout e D.Chambre con difficoltà fino al 7a.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'arditezza del Grand Capucin aveva indotto gli antichi alpinisti a pensare che questa vetta sarebbe rimasta inaccessibile, tuttavia nel 1924 A. e H. Rey, L. Lanier con E. Augusto riuscirono nell'impresa. Proprio a causa dell'ostica reputazione di questa montagna Walter Bonatti decise di scalarla frontalmente lungo la superba parete est. Un primo tentativo lo fece il 24 luglio 1950 con Camillo Barzaghi; sorpreso da un temporale dovette rinunciare. Tre settimane più tardi Bonatti, con il nuovo compagno di cordata Luciano Ghigo, riparte all'assalto del Grand Capucin. Aiutati da una situazione meteorologica meno capricciosa del primo tentativo, i due alpinisti percorrono una grande parte dell'ascensione durante i tre primi giorni. Disgraziatamente al terzo bivacco il tempo peggiora ed il vento e la neve fanno la loro apparizione.

Tentano tuttavia di terminare il progetto ma incontrano una difficoltà degna della reputazione del Grand Capucin; una parete di quaranta metri tanto liscia quanto verticale (6C+). Devono nuovamente battere in ritirata ed effettuare una discesa che diventerà lunga e pericolosa a causa delle corde di canapa gelate. Occorrerà aspettare un anno ed un terzo tentativo per raggiungere la vetta. È la stessa cordata che ci riprova il 20 luglio 1951 e questa volta ci vogliono solamente due giorni per percorrere il lungo tratto dell'anno precedente. Superano allora il famoso muro di quaranta metri e si ritrovano nuovamente con una tormenta che li costringe a bivaccare in condizioni molto precarie. Occorre loro la completa giornata successiva per conquistare la vetta e per ritornare al Rifugio Torino nella notte e nella tempesta. Questa via è ormai chiamata via Bonatti-Ghigo ed è la prima aperta sulla parete Est.

In seguito vennero aperte molte altre vie, tutte di grande difficoltà.

Il Grand Capucin all'alba

Vie esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Due cordate di arrampicatori impegnati sulla Via degli Svizzeri

Le vie d'arrampicata sono descritte in ordine partendo da sud-sud-ovest e girando in senso antiorario attorno al Grand Capucin[2][3]:

orientamento nome della via primi alpinisti data difficoltà per tiro lunghezza totale
Pilastro SSO O sole mio Michel Piola, Pierre-Alain Steiner 21, 22 aprile 1984 VI/A0/ED 250 m
Diedro S Via degli Svizzeri C. Asper, M. Bron, M. Grossi e M. Morel 24, 25, 26 luglio 1956 III/IV/V/VI/A1/A2/TD+ 300 m
Parete S Sorriso dell'estate Gaetano e Romain Vogler 24, 25 agosto 1981 VI/A2/ED+ 300 m
Parete S De fil en aiguille JL. Amstutz, V. Banderet e R. Vogler 31 luglio 1991 VI/VII/A1/EX 300 m
Parete S Variante Panoramica C. Dalphin, R. Habersaat, T. Grassin C. Reuille, B. Voltolini estate 1962 VII/A2
Parete S Eau et gaz à tous les étages Jean-Marc Boivin, F. Diaferia e M. Moioli 28, 29 luglio 1984 VI+/A3/ED+ 400 m
Parete S Viaggio secondo Gulliver PA. Steiner e Michel Piola 18, 19 luglio 1982 VI/A0/ED+ 300 m
Parete SE Via Lecco G. Cariboni, C. Ferrari, C. Mauri, A. Anghileri e P. Negri 30 luglio, 1º agosto 1968 V+/VI/VII/A1/A2/ED 300 m
Parete SE Flagrant délire Jean-Marc Boivin, Michel Piola 13, 14 agosto 1983 VI/A3/ED+ 400 m
Parete SE Elixir d'Astaroth Michel Piola, PA. Steiner, R. Vogler 18, 19, 20 agosto 1981 VI/A2/ED+ 400 m
Parete E Voie Petit Arnaud Petit e Stéphanie Bodet, RP Alexander Huber 1997 8b max / 7b obbl. 450 m
Parete E Odyssey Jim Bridwell e Giovanni Groaz 1999 VI/5.9/A4/EX 450 m
Parete E Via Bonatti-Ghigo Walter Bonatti e L. Ghigo 20, 21, 22, 23 luglio 1951 IV/V+/VII/A1/A2/A3/TD+ 400 m
Parete E Po-Eticomania F. Delisi ed E. Jovane 1, 2 agosto 1986 VII/A2 400 m
Parete E Alta tensione MA.Gallego e JL.Gallego 1983 ED sup 250 m
Parete E Diretta dei Cappuccini E. Belin, Jean-Marc Boivin e M. Moioli 9, 10 luglio 1983 VI/A0/ED 400 m
Faccia NE Russkaya Zima (Inverno Russo) M.Devi e A.Klenov 13,15 febbraio 1999 ED, A3/6c max 400 m
Faccia NE Zimniy voyag (voyage hivernal) A.Routchkine e R.Zaitov 13,17 febbraio 1999 ED+, A4/6c max 400 m
Faccia NE Laratoune F.Gentet, A.Cayrol e F.Bernard Inverno 1998 4+, Course Glace Permette di compiere il giro del GC
Faccia N Paragot-Bérardini L.Bérardini e R.Paragot 24,25 luglio 1955 ED 250 m
Faccia N Marche à l'ombre D.Brau-Mouret e M.Challamel 5,6,7 gennaio 1999 A2+,5c, misto, 80° 250 m

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]