Dente del Gigante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dente del Gigante
Dent du géant
Dent du Géant, 2010 July 2.JPG
La montagna vista dalla telecabina che collega la Punta Helbronner e l'Aiguille du Midi.
StatiItalia Italia
Francia Francia
RegioneValle d'Aosta Valle d'Aosta
Rodano-Alpi Rodano-Alpi
ProvinciaValle d'Aosta Valle d'Aosta
Alta Savoia
Altezza4 014 m s.l.m.
Prominenza139 m
CatenaAlpi
Coordinate45°51′43″N 6°57′06″E / 45.861944°N 6.951667°E45.861944; 6.951667Coordinate: 45°51′43″N 6°57′06″E / 45.861944°N 6.951667°E45.861944; 6.951667
Altri nomi e significatiAiguille du Géant, Dent du Géant, Giant tooth
Data prima ascensione28 luglio, 1882
Autore/i prima ascensioneJean-Joseph Maquignaz, Baptiste Maquignaz e Daniel Maquignaz.
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Dente del GiganteDent du géant
Dente del Gigante
Dent du géant
Mappa di localizzazione: Alpi
Dente del Gigante
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezioneAlpi Graie
SottosezioneAlpi del Monte Bianco
SupergruppoMassiccio del Monte Bianco
GruppoCatena Rochefort-Grandes Jorasses-Leschaux
SottogruppoGruppo di Rochefort
CodiceI/B-7.V-B.4.a/a

Il Dente del Gigante (4.014[1] m s.l.m. - la Dent du Géant in francese) è una vetta delle Alpi Occidentali facente parte del gruppo di Rochefort, situato nella parte settentrionale del massiccio del Monte Bianco, al confine tra Italia e Francia. Il profilo particolare di questo pilastro roccioso, lo rende riconoscibile da entrambi i versanti della parte centrale del Massiccio.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

A sinistra, in ombra, la parete sud-ovest (via normale), e a destra, al sole, la parete sud. Ben visibili, a sinistra, quasi a fil di cielo, le placche Burgener della via normale. Si notano anche la Punta Sella a sinistra e la Punta Graham a destra.

È situato tra il Colle del Gigante (3.359 m) e le Grandes Jorasses (4.206 m), subito a Nord di Entrèves, sulla dorsale che dal Monte Bianco corre verso il Mont Dolent.

La parete settentrionale è a ridosso del Ghiacciaio del Gigante, uno dei rami della Mer de Glace, mentre quella meridionale domina la Val Ferret.

La montagna è composta di due vette distanti una trentina di metri:

  • la Punta Sella (4.009 m) a sud-ovest;
  • la Punta Graham (4.014 m) a nord-est.

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Prima ascensione[modifica | modifica wikitesto]

La prima ascensione della Punta Sella fu compiuta il 28 luglio 1882 dalle tre guide valdostane Jean-Joseph Maquignaz, il figlio Baptiste e il nipote Daniel. La cordata fu guidata da Daniel nei passaggi più difficili. La salita avvenne per la parete sud-ovest, dopo tre giorni di preparazione. Il giorno successivo, il 29 luglio, l'ascensione fu ripetuta con i clienti Sella: i fratelli Alessandro, Alfonso, Corradino e il cugino Gaudenzio.[2]

La prima ascensione della Punta Graham, la più elevata, fu compiuta il 20 agosto 1882 da William Woodman Graham con le guide Alphonse Payot e Auguste Cupelin.[2]

Vie alpinistiche[modifica | modifica wikitesto]

Via normale[modifica | modifica wikitesto]

In rosso il tracciato della via normale.

La via normale sale per la parete sud-ovest. Dal rifugio Torino si raggiunge in circa 2h:30 l'attacco della via d'arrampicata vera e propria alla base della parete sud, luogo detto Salle à Manger. Da qui si traversa a sinistra sul versante sud-ovest e la via consiste in otto tiri di corda, attrezzati con corde fisse. Il terzo e quarto tiro, che si trovano quasi sullo spigolo ovest, affrontano delle placche fessurate alte 45 metri, dette placche Burgener. La via, 125 m, ha grado di difficoltà AD-, oppure di D, se non si utilizzano le corde fisse.[3]

Parete sud[modifica | modifica wikitesto]

Parete nord[modifica | modifica wikitesto]

  • Via Ducornau-Mizrahi - luglio 1975 - Prima salita di R. Ducornau e R. Mizrahi, 550 m III/5 5c.[7]
  • Goulotte Nord - 26 giugno 1979 - Prima salita di Patrick Gabarrou e Bernard Muller, 500 m IV/5.[7]

Rifugi[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'altezza della montagna viene indicata talvolta in 4.014 oppure in 4.013 m. Cfr: la lista ufficiale UIAA dei Quattromila delle Alpi.
  2. ^ a b Chabod, Grivel, Saglio e Buscaini, p. 54
  3. ^ Labande, p. 29-30
  4. ^ Labande, p. 30
  5. ^ Rébuffat, p. 146-147
  6. ^ (EN) Another Huber's free-solo, climbandmore.com. URL consultato il 4 luglio 2012.
  7. ^ a b Damilano, p. 276

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN293510173 · BNF (FRcb166488318 (data)