Aiguille du Grépon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aiguille du Grépon
Aiguille du Grépon.JPG
L'Aiguille du Grépon vista da Punta Helbronner.
StatoFrancia Francia
RegioneAlvernia-Rodano-Alpi
DipartimentoStemma Alta Savoia
Altezza3 482 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate45°54′14.2″N 6°55′06.72″E / 45.903944°N 6.918533°E45.903944; 6.918533Coordinate: 45°54′14.2″N 6°55′06.72″E / 45.903944°N 6.918533°E45.903944; 6.918533
Data prima ascensione5 agosto 1881
Autore/i prima ascensioneAlbert Frederick Mummery con le guide Alexander Burgener e Benedikt Venetz
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Aiguille du Grépon
Aiguille du Grépon
Mappa di localizzazione: Alpi
Aiguille du Grépon
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezioneAlpi Graie
SottosezioneAlpi del Monte Bianco
SupergruppoMassiccio del Monte Bianco
GruppoCatena delle Aiguilles de Chamonix
SottogruppoGruppo Charmoz-Grépon
CodiceI/B-7.V-B.3.d

L'Aiguille du Grépon (3.482 m s.l.m.) è una montagna della catena delle Aiguilles de Chamonix, nel massiccio del Monte Bianco.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si trova a ovest della Mer de Glace, a sud della Aiguille des Grands Charmoz.

La prima ascensione fu compiuta il 5 agosto 1881 da Albert Frederick Mummery con le guide Alexander Burgener e Benedikt Venetz, per la cresta nord.[1]

La traversata Charmoz-Grépon è considerata una classica,[2] anche facente parte del libro "Il massiccio del Monte Bianco - Le 100 più belle ascensioni, " di Gaston Rébuffat.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Labande, p. 211
  2. ^ (EN) Grépon: Charmoz-Grépon traverse, camptocamp.org, 6 maggio 2013. URL consultato il 15 settembre 2013.
  3. ^ Rébuffat, pp. 90-91

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaston Rébuffat, Il massiccio del Monte Bianco - Le 100 più belle ascensioni, Nicola Zanichelli Editore, 1974.
  • François Labande, Monte Bianco Vol. 1 Guida Vallot, Edizioni Mediterranee, 1988, ISBN 88-272-0239-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN298335986