Gran Premio del Canada 1997

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Canada Gran Premio del Canada 1997
604º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 17 del Campionato 1997
Circuit Gilles Villeneuve (1996-2001).svg
Data 15 giugno 1997
Luogo Circuito di Montréal
Percorso 4,421 km
Distanza 54 giri, 238,734 km
Note Gara interrotta per incidente al 56º giro
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Michael Schumacher Regno Unito David Coulthard
Ferrari in 1'18"095 McLaren-Mercedes in 1'19"635
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Francia Jean Alesi
Benetton-Renault
3. Italia Giancarlo Fisichella
Jordan-Peugeot

Il Gran Premio del Canada 1997 si svolse il 15 giugno dello stesso anno e fu la settima gara della stagione. Vide un grave incidente occorso a Olivier Panis, che si ruppe entrambe le gambe. La gara fu vinta da Michael Schumacher su Ferrari (al ventisettesimo successo in carriera) seguito da Jean Alesi su Benetton-Renault e da Giancarlo Fisichella su Jordan-Peugeot.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

La gara vede il debutto di Alexander Wurz in sostituzione di Gerhard Berger, afflitto da problemi fisici e dalla morte del padre e costretto a saltare l'evento.

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Michael Schumacher su Ferrari ottiene la sua prima pole position della stagione interrompendo così il dominio della Williams. Alle spalle del tedesco si qualifica Villeneuve, amareggiato per non aver conquistato la pole nella corsa di casa. Barrichello e Frentzen in seconda fila precedono Coulthard e le due Jordan di Fisichella e Ralf Schumacher.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos N. Pilota Costruttore Pneumatici Tempo Gap
1 5 Germania Michael Schumacher Ferrari G 1'18"095
2 3 Canada Jacques Villeneuve Williams-Renault G 1'18"108 +0"013
3 22 Brasile Rubens Barrichello Stewart-Ford B 1'18"388 +0"293
4 4 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams-Renault G 1'18"464 +0"369
5 10 Regno Unito David Coulthard McLaren-Mercedes G 1'18"466 +0"371
6 12 Italia Giancarlo Fisichella Jordan-Peugeot G 1'18"750 +0"655
7 11 Germania Ralf Schumacher Jordan-Peugeot G 1'18"869 +0"774
8 7 Francia Jean Alesi Benetton-Renault G 1'18"899 +0"804
9 9 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Mercedes G 1'18"916 +0"821
10 14 Francia Olivier Panis Prost-Mugen-Honda B 1'19"269 +1"174
11 8 Austria Alexander Wurz Benetton-Renault G 1'19"286 +1"191
12 6 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari G 1'19"503 +1"498
13 16 Regno Unito Johnny Herbert Sauber-Petronas G 1'19"622 +1"617
14 18 Paesi Bassi Jos Verstappen Tyrrell-Ford G 1'20"102 +2"007
15 1 Regno Unito Damon Hill Arrows-Yamaha B 1'20"129 +2"034
16 2 Brasile Pedro Diniz Arrows-Yamaha B 1'20"175 +2"080
18 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell-Ford G 1'20"336 +2"241
17 17 Italia Gianni Morbidelli Sauber-Petronas G 1'20"357 +2"262
19 15 Giappone Shinji Nakano Prost-Mugen-Honda B 1'20"370 +2"275
20 21 Italia Jarno Trulli Minardi-Hart B 1'20"370 +2"275
21 23 Danimarca Jan Magnussen Stewart-Ford B 1'20"491 +2"396
22 20 Giappone Ukyo Katayama Minardi-Hart B 1'21"034 +2"939

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Schumacher parte bene ma alle sue spalle Panis si scompone e tocca Häkkinen, così i detriti lasciati dalle due vetture volano in pista. A farne le spese sono Irvine e Nakano, che nel tentativo di evitarli scarta bruscamente e fa uscire di strada Magnussen e Hill. Al ritiro sono però costretti solo Irvine, Magnussen e Häkkinen; Panis riparte invece in ultima posizione dopo aver sostituito il musetto danneggiato.

Al primo giro Schumacher transita davanti a Villeneuve: alle spalle del canadese seguono Fisichella ed Alesi, autori di due ottime partenze, Coulthard e Frentzen: al secondo giro il canadese compie però un errore banale e finisce a muro nella variante che precede i box, ritirandosi. Nel corso del sesto giro Katayama urta il muro alla curva otto e rimane in mezzo alla pista. Entra la safety car davanti a Schumacher, Fisichella, Alesi, Coulthard, Ralf Schumacher, Frentzen e Wurz.

Dopo quattro giri la safety car rientra ai box insieme a Frentzen che deve cambiare gli pneumatici. Nelle retrovie si infiamma la lotta fra Barrichello e le due Tyrrell, che alla fine superano il brasiliano, costretto a perdere un'altra posizione pochi giri dopo a vantaggio di Herbert. Al 15º giro Ralf Schumacher è suo malgrado protagonista di un brutto incidente, forse dovuto ad foratura, volando fuori a 250 km/h in fondo al rettilineo dei box. Frentzen è in grande recupero e dal 17º giro passa in sequenza Hill, Nakano, Trulli, Morbidelli e Diniz.

Al 25º giro rientrano contemporaneamente ai box Fisichella e Alesi: la Benetton è più lesta nel rifornimento e il francese conquista il terzo posto. Mentre Frentzen supera anche Verstappen, Schumacher rientra ai box. Al comando si ritrova quindi Coulthard davanti a Schumacher, Alesi, Fisichella, Herbert e Wurz presto passato da uno scatenato Frentzen. Si ritirano prima Trulli per la rottura del motore poi Barrichello e anche Wurz per problemi al cambio. Coulthard si ferma per il rifornimento e Schumacher riprende la testa proprio davanti all'inglese della McLaren; intanto Herbert si deve fermare ai box per uno "Stop and Go".

Schumacher comincia ad avere problemi di gomme ed è costretto a fermarsi nuovamente ai box con Coulthard che riprende la testa della corsa. Lo scozzese conduce davanti a Schumacher, Alesi, Fisichella, Frentzen, Herbert e Panis. Al 51º giro si decide la gara: Coulthard si ferma per un rabbocco precauzionale, la frizione si incolla e non riesce a ripartire e di conseguenza la vittoria gli sfugge di mano.

Contemporaneamente sfugge di mano la Prost a Olivier Panis per il cedimento della sospensione posteriore destra: il francese finisce violentemente contro il muro riportando la frattura di entrambe le gambe. Entra in pista nuovamente la Safety Car ma dopo due giri la gara viene sospesa: non c'è festa sul podio né per Schumacher (nuovamente in testa al mondiale) né per Fisichella (al primo podio in carriera). Il pilota romano è anche il primo italiano a salire sul podio dopo Gianni Morbidelli al Gran Premio d'Australia 1995.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Costruttore Pneumatici Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 5 Germania Michael Schumacher Ferrari G 54 1h17'40"646 1 10
2 7 Francia Jean Alesi Benetton-Renault G 54 +2"565 8 6
3 12 Italia Giancarlo Fisichella Jordan-Peugeot G 54 +3"219 6 4
4 4 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams-Renault G 54 +3"768 4 3
5 16 Regno Unito Johnny Herbert Sauber-Petronas G 54 +4"716 13 2
6 15 Giappone Shinji Nakano Prost-Mugen-Honda B 54 +36"701 19 1
7 10 Regno Unito David Coulthard McLaren-Mercedes G 54 +37"753 5  
8 2 Brasile Pedro Diniz Arrows-Yamaha B 53 +1 giro 16  
9 1 Regno Unito Damon Hill Arrows-Yamaha B 53 +1 giro 15  
10 17 Italia Gianni Morbidelli Sauber-Petronas G 53 +1 giro 18  
11 14 Francia Olivier Panis Prost-Mugen-Honda B 51 Incidente 10  
Rit 19 Finlandia Mika Salo Tyrrell-Ford G 46 Motore 17  
Rit 18 Paesi Bassi Jos Verstappen Tyrrell-Ford G 42 Cambio 14  
Rit 8 Austria Alexander Wurz Benetton-Renault G 35 Trasmissione 11  
Rit 22 Brasile Rubens Barrichello Stewart-Ford B 33 Cambio 3  
Rit 21 Italia Jarno Trulli Minardi-Hart B 32 Motore 20  
Rit 11 Germania Ralf Schumacher Jordan-Peugeot G 14 Incidente 7  
Rit 20 Giappone Ukyo Katayama Minardi-Hart B 5 Incidente 22  
Rit 3 Canada Jacques Villeneuve Williams-Renault G 1 Incidente 2  
Rit 9 Finlandia Mika Häkkinen McLaren-Mercedes G 0 Collisione con E.Irvine 9  
Rit 6 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari G 0 Collisione con M.Hakkinen 12  
Rit 23 Danimarca Jan Magnussen Stewart-Ford B 0 Incidente 21  

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1, su formula1.com. URL consultato il 10 maggio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1997
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Austria.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg Flag of Europe.svg
  Fairytale up blue-vector.svg

Edizione precedente:
1996
Gran Premio del Canada Edizione successiva:
1998
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1