Giovanni Visentin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Visentin (Udine, 2 giugno 1953) è un attore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo alcune esperienze amatoriali nella sua città natale, nel 1973 si trasferisce a Milano, dove frequenta la Civica scuola d'arte drammatica sotto la direzione di Giorgio Strehler.

Nel 1974 fonda Il teatro dell'Elfo insieme a Ferdinando Bruni, Elio De Capitani e Gabriele Salvatores. Nello stesso anno è il protagonista di Bertoldo a corte di Massimo Dursi, per la regia di Gabriele Salvatores, e l'anno seguente di 1789 di Ariane Mnouchkine, sempre per la regia di Salvatores.

Nel 1976 torna a Udine, dove fonda, insieme a Ferruccio Cainero e Vanni De Lucia il Teatro ingenuo, che unisce l'arte dei clown al melodramma e alla commedia dell'arte.

Nel 1977 vive la sua prima esperienza cinematografica con Un anno di scuola di Franco Giraldi.

Nel 1978 esordisce in televisione con Le mani sporche di Jean Paul Sartre, per la regia di Elio Petri, che lo vede protagonista accanto a Marcello Mastroianni[1].

Nel 2014 ha scritto e diretto il film per la TV Le maratone di Peter.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva[modifica | modifica wikitesto]

  • Le mani sporche, di Jean Paul Sartre, regia di Elio Petri, trasmesso nel 1978 e nel 1985 da Rai 1
  • Lulu - Il vaso di Pandora, di Frank Wedekind, regia di Mario Missiroli, trasmesso il 29 marzo 1980 da Rai 2
  • Ivanov, di Anton Čechov, regia di Franco Giraldi, trasmesso il 28 dicembre 1981 da Rai 2
  • Asmodeo, di Francois Mauriac, regia di Bruno Rasia, trasmesso nel 1983 da Rai 2
  • Il mattatoio, di Slavomir Mrozec, regia di Kristof Zanussi, trasmesso nel 1985 da Rai 3

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Visentin, su filmitalia.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]