Sergio Castellitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sergio Castellitto alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia (2009)

Sergio Castellitto (Roma, 18 agosto 1953) è un attore, regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma il 18 agosto 1953 da famiglia molisana (il padre era di Campobasso), frequenta l'Accademia nazionale d'arte drammatica senza terminarla ed esordisce ben presto in teatro, lavorando con registi importanti come arte povera, Aldo Trionfo nel Candelaio (1981) ed Enzo Muzii nel Girotondo da Schnitzler (1985). Nel 1987 si sposa con Margaret Mazzantini, conosciuta recitando in Le tre sorelle di Cechov; da lei avrà quattro figli: Pietro, Maria (1997), Anna (2000) e Cesare (2006). Negli anni novanta ottiene successi nella fortunata commedia di Neil Simon A piedi nudi nel parco (1994) e nella pièce Recital su Derek Jarman (1995). Nel 1996 esordisce come regista teatrale con la pièce Manola, scritta e interpretata da Margaret Mazzantini e da Nancy Brilli. Nel 2004 porta in scena come regista e interprete un secondo testo teatrale della moglie, Zorro.

Nel cinema esordisce nel 1981 come semplice comparsa in Tre fratelli,[1] e dopo alcuni film in cui ricopre ruoli di secondo piano, si segnala come protagonista di alcune opere prime realizzate da giovani registi; la sua prova migliore del primo periodo è in Sembra morto... ma è solo svenuto di Felice Farina, di cui scrive anche il soggetto e collabora alla sceneggiatura. Si fa conoscere al grande pubblico nelle commedie Piccoli equivoci di Ricky Tognazzi e Stasera a casa di Alice di Carlo Verdone, non disdegna ruoli di impegno come in La carne di Marco Ferreri e L'ora di religione di Marco Bellocchio. Molto richiesto all'estero, lavora con una certa continuità in Francia.

Sergio Castellitto e la moglie Margaret Mazzantini alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia (2009)

Vince due Nastri d'argento con Il grande cocomero di Francesca Archibugi e L'uomo delle stelle di Giuseppe Tornatore, nonché di un David di Donatello per Non ti muovere, tratto dall'omonimo romanzo della consorte Margaret Mazzantini e da lui anche diretto e sceneggiato. Non è stato questo, comunque, il suo esordio dietro la macchina da presa poiché nel 1999 aveva già diretto e interpretato una commedia grottesca, Libero Burro, che non ha ottenuto grandi accoglienze. Gli altri suoi film, da regista e attore insieme, sono La bellezza del somaro (2010), Venuto al mondo (2012) e Il materiale emotivo (2021). Nel 2006 torna a recitare con Marco Bellocchio nel film Il regista di matrimoni e lavora per la prima volta con Gianni Amelio nel film La stella che non c'è.

Sul piccolo schermo compare per la prima volta nel 1982, ma è dalla metà degli anni ottanta che la sua presenza diventa costante, affiancando anche Stefania Sandrelli nella miniserie TV Come stanno bene insieme nel 1989. Ottiene grande successo di pubblico nella serie TV Un cane sciolto, diretta da Giorgio Capitani, nel quale impersona con ottima aderenza fisica il personaggio di un giudice. Il trionfo arriva con le eccellenti interpretazioni e di straordinaria intensità emotiva di Fausto Coppi, don Lorenzo Milani, padre Pio ed Enzo Ferrari dove con una magistrale interpretazione, rivestendo i panni del Drake, racconta tutta la sua storia e quella della Ferrari fino ai giorni nostri in una serie a due puntate diretta da Carlo Carlei nel 2003. Conoscerà anche l'insuccesso, nel 2004, con l'interpretazione del commissario Maigret nella serie di due telefilm per Mediaset, diretti da Renato De Maria. Nel 2008 affianca Luisa Ranieri nella miniserie televisiva TV 'O professore. Nel 2019 partecipa alla serie TV Pezzi unici.

Attore tra i più completi del panorama italiano, si dimostra incisivo in ruoli drammatici, ma si trova a proprio agio anche nella commedia - con preferenza per quella grottesca - grazie ad un volto serioso che esprime però immediata simpatia e una recitazione nervosa non disgiunta da sottile ironia. Emblematica in questo senso la sua performance in Caterina va in città di Paolo Virzì, dove interpreta un mediocre e logorroico insegnante delle superiori o quella più prettamente comica ne Il tuttofare di Valerio Attanasio in cui è Toti Bellastella, un irreprensibile ed elegantissimo principe del foro dall'eloquio forbito infarcito di latinorum, in realtà un "mostro" dei giorni nostri, cialtrone e vanesio, che esercita la professione forense con una impressionante spregiudicatezza amorale e nasconde sotto l’habitus rispettabile di professore ordinario di Diritto penale una congenita vocazione alla corruzione, al compromesso, all’inganno, all’ossequio nei confronti dei potenti e al disprezzo nei confronti dei più deboli.

Castellitto ha recitato in inglese ne Le cronache di Narnia - Il principe Caspian nel ruolo di Re Miraz, zio e antagonista del giovane Caspian. Ha avuto un'esperienza di doppiaggio nell'edizione italiana del film d'animazione Persepolis, in cui dà la voce al padre di Marjane Satrapi. Il 1º aprile 2013 fa il suo debutto su Sky Cinema 1 nella serie In Treatment. L'8 agosto 2013 gli viene attribuito il Pardo d'onore alla carriera durante la 66ª edizione del Locarno Film Festival.[2] Nel 2022 è protagonista nel film Dante, diretto da Pupi Avati. Interpreta il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nella serie Il nostro generale, andata in onda nel gennaio 2023.

Per la prima volta viene diretto dal figlio Pietro nel film Enea, al cinema nel gennaio 2024.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1987 è sposato con l'attrice e scrittrice Margaret Mazzantini con cui ha avuto quattro figli, il maggiore dei quali, Pietro, ha seguito anche lui la carriera cinematografica.[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Libero Burro (1999)
  • Non ti muovere (2004)
  • La bellezza del somaro (2010)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Manola di Margaret Mazzantini (1996)
  • Zorro di Margaret Mazzantini (2002)
  • Ci sono giorni che non accadono mai di Valerio Cappelli (2020)
  • Zorro - Un eremita sul marciapiede di Margaret Mazzantini (2022) – nuova edizione

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2021 (Roma, 10 settembre) – Viene nominato socio benemerito ANC (Associazione Nazionale Carabinieri).[10]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria
Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria
«di iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana»
— 2 giugno 2022[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sergio Castellitto: il mestiere dell'attore, su oggi.it, Oggi, 22 luglio 2013. URL consultato il 15 marzo 2016.
  2. ^ A Sergio Castellitto il Pardo alla carriera, su radiocinema.it. URL consultato il 9 agosto 2013.
  3. ^ https://www.amica.it/2023/09/05/pietro-castellitto-mostra-cinema-venezia-2023-enea-famiglia-sergio-castellitto/
  4. ^ Raffinati, su storyfinders.it.
  5. ^ a b Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 13/04/20.
  6. ^ Bertolucci Ciak d'oro con il film "Ballo da sola", su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 14/09/1996.
  7. ^ Ciak d'oro 2002, su news.cinecitta.com. URL consultato il 12/06/02.
  8. ^ Ciak d'oro 2004, su news.cinecitta.com. URL consultato il 09/06/04.
  9. ^ Albo d'oro dei premiati, su premiflaiano.com. URL consultato il 18 maggio 2022.
  10. ^ La Redazione, I nuovi soci benemeriti dell'ANC (PDF), su assocarabinieri.it, le Fiamme d'Argento, settembre-ottobre 2021, p. 30. URL consultato il 28 novembre 20 21.
  11. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato, su quirinale.it.
  12. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato., su quirinale.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per il miglior attore protagonista Successore
Carlo Verdone
per Maledetto il giorno che t'ho incontrato
1993
per Il grande cocomero
Giulio Scarpati
per Il giudice ragazzino
I
Massimo Girotti
per La finestra di fronte
2004
per Non ti muovere
Toni Servillo
per Le conseguenze dell'amore
II
Predecessore David di Donatello per il miglior attore non protagonista Successore
Massimo Dapporto per Mignon è partita
ex aequo con Carlo Croccolo per 'o Re
1990
per Tre colonne in cronaca
Ciccio Ingrassia
per Condominio
Controllo di autoritàVIAF (EN37125646 · ISNI (EN0000 0001 1442 0434 · SBN RAVV095678 · LCCN (ENno2003021679 · GND (DE134067320 · BNE (ESXX1300758 (data) · BNF (FRcb141625391 (data) · CONOR.SI (SL49789795 · WorldCat Identities (ENlccn-no2003021679