Fuoco amico TF45 - Eroe per amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fuoco amico TF45 - Eroe per amore
Titolo originale Fuoco amico TF45 - Eroe per amore
Paese Italia
Anno 2016
Formato miniserie TV
Genere azione, spionaggio, thriller
Puntate 8 Modifica su Wikidata
Durata 90 min
Lingua originale italiano
Rapporto 16:9
Crediti
Regia Beniamino Catena
Soggetto Beniamino Catena
Sceneggiatura Beniamino Catena, Sandrone Dazieri, Nicoletta Polledro, Giovanni Robbiano
Interpreti e personaggi
Fotografia Claudio Bellero
Montaggio Ugo De Rossi e Massimo Quaglia
Musiche Pivio e Aldo De Scalzi
Scenografia Luisa Iemma, Alessandro Bigini
Costumi Concetta Iannelli
Produttore Raoul Bova
Casa di produzione RTI e RB Production
Prima visione
Dal 30 marzo 2016
All' 11 maggio 2016
Rete televisiva Canale 5

Fuoco amico TF45 - Eroe per amore è una miniserie televisiva italiana, diretta da Beniamino Catena e trasmessa dal 30 marzo 2016 su Canale 5.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il Capitano Enea De Santis è il capo della Task Force 45, distaccamento incursori del 9º Reggimento d'Assalto Paracadutisti “Col Moschin” dell'Esercito Italiano, in missione speciale nella Valle del Gulistan (Provincia di Farah, Afghanistan Occidentale). Nella misteriosa ricerca della verità sulla morte del padre Romeo, medico fondatore dell'organizzazione no-profit Recovery che sarebbe stato ucciso dai talebani tre anni prima e che si scopre essere stato ucciso per aver fatto fuggire dalla struttura il trafficante e terrorista Gemini, Enea viene ostacolato da un gruppo eversivo di occidentali facente capo a Dorrico e anche dai suoi superiori dell'Amis (Agenzia Militare Informazione e Sicurezza): il generale Guidi, la dottoressa Borghi e l'agente Rebecchi. Dopo una lunga indagine condotta dal capitano e dalla sua squadra, si scopre che la strage di Farah e la morte di Romeo de Santis sono collegate fra loro. Un industriale senza scrupoli Dorrico, conduce esperimenti illegali sulla popolazione uccidendo tutte le cavie quando inutili, tutto il suo lavoro viene coperto da un agente dell'Amis corrotto, nome in codice Cagliostro. Soltanto dopo si scoprirà che Cagliostro non è altro che Emma Borghi, anche se essa continua ad affermare che coprendo le stragi ha eseguito soltanto gli ordini superiori. Anche il colonnello Montani, superiore di Enea in Afghanistan, è coinvolto nella situazione, proprio lui infatti ordina la morte del generale Guidi per proteggere l'identità di Cagliostro. Il colonnello viene ucciso da Rebecchi, che arresta la Borghi. Dopo che la latitanza di Enea è giunta al termine la borghi torna al suo posto dentro l'amis con l'intento di trovare il virus con cui Dorrico fa gli esperimenti sugli umani, una mutazione di ebola Legacy. Dorrico si rifugia a Malta dove tenta di rubare ad un'asta il virus e il vaccino. Qui Enea si allea con Samira ( la figlia di Gemini, che ha già una relazione tortuosa con il Capitano) la squadra così riesce a trovare i bambini usati come cavie, tra questi c'è Fedora la figlia di Samira. La prima serie finisce vedendo Romeo de Santis avvertire Giulia (la sorella di Enea) che il Capitano si trova in pericolo, e si vede un cecchino puntare su Enea Samira e Fedora.

Puntate[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Prima TV Italia
1 Prima puntata 30 marzo 2016
2 Seconda puntata 6 aprile 2016
3 Terza puntata 13 aprile 2016
4 Quarta puntata 20 aprile 2016
5 Quinta puntata 27 aprile 2016
6 Sesta puntata 4 maggio 2016
7 Settima puntata 10 maggio 2016
8 Ottava puntata 11 maggio 2016

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Enea De Santis (puntate 1-8), interpretato da Raoul Bova.
    È il capitano dell'Esercito Italiano a capo della Task Force 45, distaccamento incursori del 9º Reggimento d'Assalto Paracadutisti “Col Moschin”. In missione in Afghanistan, inizia una ricerca personale sulla morte del padre, dottore ucciso tre anni prima in circostanze misteriose che persino i Servizi segreti italiani rifiutano di svelare. Dopo essere sopravvissuto all'attacco del drone misterioso si rifugia nella caverne di Ghuran e da lì rientra segretamente in Italia e inizia la latitanza insieme al terrorista Gemini, a Samira e ai sopravvissuti della sua squadra.
  • Samira Kassem (puntate 1-8), interpretata da Megan Montaner.
    È un'operatrice degli ospedali Recovery a Herat che aiuta De Santis nella sua ricerca e che si scopre essere fiancheggiatrice del terrorista Gemini. Scappata in Italia con la TF-45, viene arrestata dall'AMIS e maltrattata. Liberata con uno stratagemma dalla TF-45, tradisce Enea schierandosi con Gemini che si scopre essere suo padre.
  • Francesco Rebecchi (puntate 1-8), interpretato da Andrea Sartoretti.
    È stato allievo di De Santis all'anti-terrorismo e ora fa parte dell'AMIS (Agenzia Militare Informazione e Sicurezza) e si è fidanzato con la sorella di De Santis, Giulia, spacciandosi per un operatore di borsa. In seguito all'attacco alla TF-45 nell'Altopiano di Barak si precipita a Herat per guidare le operazioni dei servizi nel recupero della squadra con l'aiuto dell'Esercito Italiano. Tornato in Italia si mette alla ricerca della TF-45 vedendo con favore la versione di De Santis.
  • Guidi, interpretato da Luigi Diberti.
    È il generale capo dell'AMIS e vecchio amico di Romeo De Santis sulla cui morte però cerca di tenere tutto segreto ad Enea.
  • Emma Borghi (puntate 1-8), interpreta da Romina Mondello.
    È il braccio destro di Guidi all'AMIS che, diversamente da Rebecchi, è ostinata a voler arrestare De Santis perché lo ritiene un corrotto.
  • Dorrico Ranieri (puntate 1-8), interpretato da Luca Lionello.
    È la mente spietata che si cela dietro a Pharmadoor ed è il capo di Annibale Testa.
  • Annibale Testa (puntate 1-8), interpretato da Giordano De Plano.
    È un ex agente dell'AMIS che nel decennio scorso ha operato in Yemen e Siria come lagunare e tiratore scelto. Assoldato come mercenario da Dorrico, ha ucciso Romeo De Santis, ha mandato il drone a colpire la TF-45, ha causato il conflitto a fuoco nella Valle del Treja e ha ucciso padre Riccardo. Per via satellitare viene poi riconosciuto dall'ASI e dall'AMIS.
  • Gemini, interpretato da Hossein Taheri.
    È un terrorista ricercato a livello mondiale che è stato mujaheddin nella difesa dall'invasione sovietica del 1979 dopo di che ha fatto parte del controspionaggio presumibilmente per la CIA o il Mossad per mettersi poi in proprio nel 1992 soprattutto come trafficante d'armi. Viene messo in fuga da Romeo De Santis perché ricercato dagli uomini di Annibale Testa che gli aveva fatto uccidere tutta la famiglia. Arrestato nell'Altopiano di Barak, grazie a delle sue conoscenze riesce ad arrivare in Italia segretamente e a rifugiarsi in una casa al mare da dove riesce a fuggire insieme a Samira che si scopre essere sua figlia sopravvissuta al massacro di Farah.
  • Frezzolini, interpretato da Giuseppe Loconsole.
    "Frezzo", ex capitano dell'esercito e ora agente dell'AMIS in Afghanistan, inizialmente fa resistenza alle richieste di Enea sulla morte del padre e collabora con i suoi superiori nell'ostacolarlo avvisandoli dell'imminente arresto di Gemini salvo poi schierarsi totalmente con Enea nella latitanza.
  • Paolo Visentin, interpretato da Davide Paganini.
    È il maresciallo cecchino della TF-45 sopravvissuto all'attacco nell'Altopiano di Barak e complice di De Santis nella latitanza in Italia.
  • Francesco De Lucia, interpretato da Alessio Lapice.
    È il caporale della TF-45 anch'esso sopravvissuto all'attacco e latitante in Italia.
  • Giovanna Landini, interpretata da Giorgia Sinicorni.
    È la dottoressa in missione in Afghanistan con la TF-45 e che si ritrova coinvolta per caso nella faccenda dovendo fuggire anch'essa con loro in Italia come latitante.
  • Giulia De Santis, interpretata da Pilar Fogliati.
    È la sorella di Enea che lavora all'ASI (Agenzia Spaziale Italiana) e che intrattiene una relazione con Francesco Rebecchi senza sapere nulla sulla sua vera identità di agente segreto.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

  • Romeo De Santis, interpretato da Ugo Pagliai, è il padre di Enea e Giulia e come dottore ha operato in Afghanistan negli ospedali Recovery. Da una di queste strutture ha permesso la fuga al terrorista Gemini venendo per questo ucciso dagli uomini di Annibale Testa.
  • Montani, interpretato da Simeone Latini: colonnello dell'Esercito Italiano in Afghanistan (ep. 1).
  • Chinniti, interpretato da Ludovico Vitrano, sergente dell'Esercito Italiano morto nell'attacco all'Altopiano di Barak (ep. 1).
  • Bartolini, interpretato da Vanni Bramati, "Barto" è uno dei più stretti collaboratori e amici di Enea nella TF-45 che muore per un'emorragia interna in seguito all'attacco all'Altopiano di Barak (ep. 1).
  • Gori, interpretato da Erik Tonelli, è uno dei sette militari della TF-45 morto nell'attacco di Barak (ep. 1).
  • Di Perno, interpretato da Daniel Bondì, soprannominato "Piper" e altro militare morto a Barak (ep. 1).
  • Misuraca, interpretato da Alessandro Cosentini, è un altro dei militari morti a Barak (ep. 1).
  • Karim, interpretato da Younis Hashem, bambino salvato da Enea nell'Operazione Tuono (ep. 1).
  • Simona De Lucia, interpretato da Liliana Fiorelli, moglie del caporale De Lucia (ep. 1).
  • Nicola Barengo, interpretato da Federico Tolardo, ex collaboratore informatico dell'AMIS contattato da Frezzo per aiutare la TF-45 rendendosi utile come supporto informatico e può procurare armi e telefoni criptati (ep. 2).
  • Riccardo Rabanotti, interpretato da Giuseppe Boy, prete che ha operato in Afghanistan insieme a Romeo De Santis e che viene ucciso a Roma dal cecchino Testa sotto gli occhi di Enea mentre gli sta raccontando delle cose importanti (ep. 1-2).
  • Nardini, interpretato da Giovanni Anzaldo, è un agente dell'AMIS collaboratore di Rebecchi e della Borghi (ep. 2).
  • Amir Rahimi, interpretato da Sargis Galstyan, ragazzo afghano messo in fuga da Romeo De Santis e rifugiatosi in Italia (ep. 2).
  • Alice Borghi, interpretato da Maria Mosca, figlia di Emma Borghi (ep. 2).
  • Tony Lee, interpretato da Yoon Cometti Joyce, è un ricco uomo d'affari che si ritroverà, suo malgrado, coinvolto nelle vicende legate al passato di Samira.
  • Anja Grünwald, interpretata da Brigitte Christensen.
  • Sottosegretario alla Difesa, interpretato da Antonella Fattori.
  • Karzai, interpretato da Yaser Mohamed.
  • Anna, interpretato da Shalana Santana.
  • consigliere Pharmadoor, interpretato da Fabrizio Bordignon.
  • Ivan, interpretato da Vincenzo Crivello.
  • Modir Qabbani, interpretato da Maziar Firouzi.
  • Guido Agliardi, interpretato da Paolo Giovannucci.
  • Moretti, interpretato da Claudio Masin, colonnello.
  • Fedora, interpretato da Charlene Nardi.
  • Marco Polledro, interpretato da Giulio Neglia.
  • Alexander Musil, interpretato da Kyle Portman.
  • Asta, interpretato da Federico Rosati, infermiere.
  • Vittorio Botti, interpretato da Giovanni Visentin, chimico.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese si sono svolte da aprile a settembre 2015 tra Roma, Marrakesh (Marocco), Malta e Sardegna precisamente a Montevecchio, Riu Mannu, nelle dune di Piscinas e nella grotta di San Giovanni (provincia del Sud Sardegna), nella base dell'aeronautica militare di Teulada (provincia del Sud Sardegna)[1] e nel parco suburbano Valle del Treja.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione