Giovan Battista Blasini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Battista Bagala Blasini
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Grosseto
Nato 6 aprile 1803 a Livorno
Consacrato vescovo 3 aprile 1876
Deceduto 1884

Giovanni Battista Bagala Blasini (Livorno, 6 aprile 1803Livorno, 2 marzo 1884) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nobile livornese nato a Livorno il 6 aprile 1803, viene consacrato sacerdote nella diocesi di Livorno, e il 12 maggio 1868 viene nominato vescovo titolare di Cidonia. Studiò Lettere e Filosofia presso la scuola dei padri Barnabiti, e successivamente frequentò l'Università di Pisa, dove si laureò con lode in Diritto Civile e Canonico e anche in Teologia. Fu nominato vicario generale di monsignor Girolamo Gavi e canonico della cattedrale di Livorno. Durante la sua vecchiaia si trasferisce in Maremma, dove viene consacrato vescovo di Grosseto il 3 aprile 1876. Tra le sue maggiori opere a Grosseto sono da ricordare l'ampliamento del Palazzo Vescovile e il restauro della chiesa di San Francesco, nonché dell'abbellimento degli interni della Cattedrale di San Lorenzo. Inoltre rinvigorì i servizi dell'Ospedale della Misericordia di Grosseto con la venuta delle suore volontarie di San Vincenzo.

Muore a Livorno il 2 marzo 1884, e viene succeduto nella diocesi da monsignor Bernardino Caldajoli, suo fedele collaboratore negli ultimi anni del suo episcopato. Per suo volere, come riportato sul testamento, tutti i suoi beni furono donati alla Chiesa, spartiti tra la diocesi di Grosseto e quella di Livorno.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Grosseto Successore BishopCoA PioM.svg
Anselmo Fauli 3 aprile 1876 - 2 marzo 1884 Bernardino Caldajoli