Giacomo Tolomei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Tolomei
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Narni
Vescovo di Chiusi
Vescovo di Grosseto
 
Natoprima metà del XIV secolo a Siena
Nominato vescovo11 gennaio 1378
Deceduto26 gennaio 1390
 

Giacomo Tolomei (Siena, prima metà del XIV secolo26 gennaio 1390) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella nobile famiglia senese dei Tolomei da Zosimo (o Sozzino) Tolomei, entrò nell'Ordine dei frati minori conventuali e intraprese presto la carriera ecclesiastica.[1][2] Fu inquisitore a Siena nel 1363 e vicario generale dell'Ordine nel 1373; fu collettore apostolico di Toscana, del ducato di Spoleto e del Patrimonio di San Pietro.[1] L'11 gennaio 1378 venne nominato vescovo di Narni da papa Urbano VI.[1] Lo stesso pontefice si servì di lui nel 1379, in qualità di nunzio pontificio, per assolvere la Repubblica di Siena dalle censure cui era incorsa.[1][2]

Nel 1383 fu destinato alla diocesi di Chiusi, che resse solo un anno, poiché l'anno successivo venne nominato vescovo di Grosseto.[2] In Toscana predicò con vigore la crociata contro l'antipapa Clemente VII.[1][2]

Cadde in disgrazia alla Repubblica di Siena quando venne scoperta una congiura che Giacomo Tolomei, insieme a Raimondo Tolomei, alcuni parenti e i Ricasoli di Cacchiano, avrebbero ordito ai danni del governo senese.[1][2] Esiliato dalla città natale, morì presumibilmente nelle sue vicinanze nel gennaio 1390.[1][2] Il suo corpo venne trasportato segretamente a Siena e tumulato nella chiesa di San Francesco.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Giovanni Antonio Pecci, Grosseto città vescovile; da Lo Stato di Siena antico e moderno (pt. V, cc. 33-192), trascrizione e cura di Mario De Gregorio e Doriano Mazzini, Società Bibliografica Toscana, 2013, pp. 131-132.
  2. ^ a b c d e f Giotto Minucci, La città di Grosseto e i suoi vescovi (498-1988), vol. 2, Firenze, Lucio Pugliese, 1988, pp. 238-240.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]