Ferdinando Ponzetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferdinando Ponzetti
cardinale di Santa Romana Chiesa
Baldassarre peruzzi, madonna col bambino tra le ss. brigida, caterina e il donatore ferdinando pozzetti, 1516.jpg
Baldassarre Peruzzi, Madonna col Bambino tra le sante Brigida e Caterina e il cardinale Ferdinando Ponzetti, Chiesa di Santa Maria della Pace, Cappella Ponzetti, 1516
Cardinalbishop.svg
 
Nato1444, Firenze
Nominato vescovo20 aprile 1517 da papa Leone X
Consacrato vescovo21 dicembre 1517 da papa Leone X
Creato cardinale1º luglio 1517 da papa Leone X
Deceduto9 settembre 1527, Roma
 

Ferdinando Ponzetti o Ponzetta (Firenze, 1444Roma, 9 settembre 1527) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di nobile famiglia di origine napoletana, studiò filosofia, teologia, greco e medicina.

Fu medico di papa Innocenzo VIII, poi segretario di papa Alessandro VI e di papa Giulio II. Fu chierico della Camera Apostolica, poi presidente e decano e infine tesoriere.

Il 20 aprile 1517 fu eletto vescovo di Molfetta e fu consacrato il 21 dicembre dello stesso anno da papa Leone X.

Intanto, il 1º luglio 1517 lo stesso papa Leone X l'aveva creato cardinale e il 6 luglio dello stesso anno aveva ricevuto il titolo di San Pancrazio fuori le mura.

Il 12 luglio 1518 rinunciò alla sua diocesi a favore del nipote Giacomo Ponzetti.

Papa Adriano VI il 22 dicembre 1522 lo trasferì alla sede di Grosseto, a cui rinuncerà il 25 febbraio 1527.

Durante il sacco di Roma del 1527, perse la sua intera ricchezza, che era leggendaria.

Morì a Roma anche per i maltrattamenti subiti dalle truppe imperiale e fu sepolto nella cappella di Santa Brigida nella chiesa di Santa Maria della Pace.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo periodo di cardinalato Ferdinando Ponzetti partecipò ai conclavi:

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 6144 3340 · LCCN (ENn88038947 · GND (DE1055598022