Francesco Salviati (arcivescovo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Salviati
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1443 a Firenze
Nominato arcivescovo14 ottobre 1474 da papa Sisto IV
Deceduto26 aprile 1478 a Firenze
 

Francesco Salviati (Firenze, 1443[1]Firenze, 26 aprile 1478) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Stemma dei Salviati

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Bernardo di Jacopo Salviati e di Elisabetta Borromei, divenne arcivescovo di Pisa nel 1474, grazie alla nomina da parte di papa Sisto IV, e supportato dallo stesso papa avversò la signoria medicea, arrivando a esser uno dei principali responsabili nella "Congiura dei Pazzi" che mirava ad eliminare fisicamente i due eredi della casata, i giovani Lorenzo e Giuliano e che ebbe luogo nella cattedrale di Santa Maria del Fiore, il 26 aprile 1478. La riuscita fu solo parziale, perché Giuliano perì, ma Lorenzo si salvò nella sacrestia della Cattedrale, mentre il popolo si schierava con i Medici insorgendo contro i congiurati.

Francesco venne così catturato, dichiarato colpevole e immediatamente impiccato ad una finestra di Palazzo Vecchio.

Nei media[modifica | modifica wikitesto]

  • L'arcivescovo Salviati è uno degli antagonisti principali della seconda stagione della serie televisiva I Medici, in cui è interpretato da Jacob Fortune-Lloyd.
  • Appare nel videogioco Assassin's Creed II, in cui invece di morire impiccato, viene ucciso dai mercenari al soldo di Ezio Auditore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Pisa Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Filippo de' Medici 14 ottobre 1474 - 26 aprile 1478 Raffaele Riario
Predecessore Primate di Sardegna e Corsica Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Filippo de' Medici 14 ottobre 1474 - 26 aprile 1478 Raffaele Riario
Controllo di autoritàVIAF (EN69998418 · BAV 495/349205 · CERL cnp00525977 · GND (DE129067202 · WorldCat Identities (ENviaf-69998418