Ford B-MAX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ford B-Max
Ford B-Max Titanium – Frontansicht, 22. Februar 2014, Ratingen.jpg
Descrizione generale
Costruttore Stati Uniti  Ford
Tipo principale Monovolume
Produzione dal 2012
Sostituisce la Ford Fusion
Euro NCAP (2012[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4077 mm
Larghezza 1751 mm
Altezza 1604 mm
Passo 2489 mm
Massa 1205 kg
Altro
Assemblaggio Craiova, Romania
Stile Martin Smith
Stessa famiglia Ford Fiesta
Ford Transit Courier
Auto simili Citroën C3 Picasso
Fiat 500L
Hyundai ix20
Kia Venga
Lancia Musa
Nissan Note
Opel Meriva
Renault Modus
Ford B-Max Titanium – Heckansicht, 22. Februar 2014, Ratingen.jpg

La Ford B-Max è una monovolume di segmento B prodotta dalla casa automobilistica statunitense Ford in Europa a partire dall'inizio del 2012. Rappresenta il modello più piccolo e compatto della gamma monovolume e della famiglia MAX della Ford ed è derivata dal pianale del Ford Courier.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

La Ford B-Max Concept esposta a Ginevra 2011

Progettata per il mercato europeo la B-Max è stata voluta dai vertici della casa in seguito all'ottimo successo riscontrato dalle sorelle maggiori quali la C-Max nonché la S-Max, quest'ultima eletta anche Auto dell'anno nel 2007. La Ford quindi decise di proporre in piccolo la stessa filosofia della gamma monovolume "MAX" e allo stesso tempo colmare il vuoto lasciato dalla precedente Fusion abbandonando la formula di crossover cittadino rialzato. La B-Max, disegnata presso il centro stile europeo da Martin Smith, viene anticipata da un prototipo esposto al salone di Ginevra nel marzo del 2011. Il concept realizzato su pianale della Fiesta proponeva numerosi soluzioni che poi saranno adottate dalla vettura di produzione come le porte scorrevoli posteriori prive di montante B centrale (Easy Door Access System) per facilitare l'accesso all'abitacolo[2].

Il prototipo riscosse subito il favore del pubblico e il successivo modello definitivo differirà solo per pochi particolari (cerchi dalle dimensioni meno generose, interni dall'aspetto più tradizionale e meno scenografico). La B-Max definitiva viene presentata al Mobile World Congress di Barcellona nel 2012 e viene lanciata sul mercato nell'autunno dello stesso anno[3][4].

La produzione della vettura viene affidata all'ex stabilimento Oltcit di Craiova in Romania acquistato da Ford nel 2008 e completamente ristrutturato e rimodernato per adottare le nuove linee produttive flessibili[5]. La produzione della B-Max parte il 25 giugno del 2012 inaugurata dall'allora Presidente della Romania Traian Băsescu[6].

Esterni ed interni[modifica | modifica wikitesto]

Interni di una Ford B-MAX Titanium del 2012

Stilisticamente il design riprende i tratti del recente Kinetic Design il linguaggio stilistico del gruppo Ford con numerosi particolari ispirati ai modelli Fiesta, Focus e C-Max. La calandra a trapezio anteriore si posiziona nella parte centrale del frontale, nella parte superiore è presenta una mascherina di piccole dimensioni che ingloba il marchio Ford tra due baffi cromati; agli estremi i fanali a trapezio, spigolosi. Nella parte bassa del paraurti sono presenti prese d'aria che incorporano i fendinebbia. La coda quasi verticale presenta fanali spigolosi ispirati a quelli del modello C-Max. Le porte laterali scorrevoli prive di montante consentono un'apertura laterale di 1,5 metri[7].

La carrozzeria è lunga 4,077 metri, larga 1,751 metri e alta 1,604 metri. Gli interni presentano una plancia ampia dalle forme arrotondate (simile a quella del modello Fiesta) con sistema multimediale nella parte centrale e strumentazione con quadranti "a binocolo". Con la B-Max debutta in Europa anche il sistema di connettività Ford SYNC a comandi vocali con funzione “Emergency Assistance”. I sedili posteriori inoltre sono reclinabili e consentono di caricare oggetti lunghi fino a 2,34 metri[8].

Meccanica[modifica | modifica wikitesto]

Il pianale di base è lo stesso della Ford Fiesta (generazione '09) con passo di 2,489 metri, la trazione anteriore e il motore in posizione anteriore-trasversale. Il telaio adotta sospensioni anteriori a ruote indipendenti con schema MacPherson e posteriori a ruote interconnesse da assale torcente e barra stabilizzatrice. La carrozzeria viene realizzata in acciai alto-resistenziali misti ad acciai tradizionali. Sottoposta ai crash test EuroNCAP nel 2012 la B-Max ha ottenuto il punteggio complessivo di 5 stelle con protezione degli adulti pari al 92%, protezione bambini dell'84%, investimento pedoni 67% e dispositivi tecnologici 71%[1][9].

I motori sono sei, tre a benzina , due a gasolio uno a GPL proposti con cambio manuale a cinque rapporti o cambio automatico a sei rapporti:

  • 1.0 EcoBoost Turbo da 100 CV e 125 CV;
  • 1.4 Duratec da 90 CV;
  • 1.6 Duratec da 105 CV;
  • 1.5 TDCI da 75 CV;
  • 1.5 TDCI da 95 CV;
Vista laterale di una B-Max; notare l'assenza del montante centrale integrato nelle portiere

Il motore 1.0 EcoBoost a benzina è un tre cilindri turbo con fasatura variabile che eroga 100 cavalli (74 kW) (oppure 125 cavalli nello step più potente disponibile sui mercati esteri abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti) ed è accoppiato al cambio manuale a 5 rapporti. Si tratta del propulsore più piccolo appartenente alla famiglia Ford EcoBoost disponibile dal fine 2012 anche sulla Fiesta (versione restyling). Eroga 169 Nm (la versione da 100 cavalli) di coppia massima a 1.400 giri al minuto ed è omologato Euro 6

Il motore benzina 1.4 Duratec è un classico quattro cilindri aspirato a iniezione elettronica con distribuzione sedici valvole erogante 90 cavalli (66 kW); il motore (che equipaggia ed ha equipaggiato numerosi modelli della gamma Ford come la Fiesta, la precedente Fusion nonché la Focus) eroga 127 Nm di coppia massima, accoppiato al cambio manuale a 5 rapporti è omologato Euro 6. È il propulsore a benzina meno potente in listino. Questo modello è disponibile anche nella versione combinata GPL 87 CV (64 kW).

Il 1.6 Duratec alimentato a benzina è un quattro cilindri aspirato a iniezione elettronica con fasatura variabile TI-VCT erogante 105 cavalli (77 kW) di potenza massima con distribuzione sedici valvole. Ampiamente collaudato e disponibile su molti modelli della gamma Ford questo 1.6 sulla B-Max è abbinato unicamente al cambio automatico a doppia frizione Powershift a sei rapporti. Eroga 150 Nm di coppia massima.

Il motore 1.5 Duratorq TDCI è un quattro cilindri common rail 16V è omologato Euro 6 con filtro antiparticolato (DPF). Prodotto in India questo 1.5 è stato sviluppato interamente da Ford partendo dal più grande e noto 1.6 TDCI (di origine PSA-Ford). Eroga 75 cavalli (55 kW) con 190 Nm di coppia massima. E' abbinato alla trasmissione manuale a 5 rapporti.

Il motore 1.6 Duratorq TDCI 16V (appartenente alla famiglia DLD-416 codice DV6ATED4 sviluppato dal gruppo PSA e Ford) è un quattro cilindri common rail che rispettava la norma antinquinamento Euro6 con filtro antiparticolato (DPF) ed eroga 95 cavalli (70 kW) abbinato ad un cambio manuale a 5 rapporti. La coppia massima è di 216 Nm.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia max
(Nm)
Emissioni CO2
(g/km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
1.0 EcoBoost 100 CV dal debutto Benzina 999 74 Kw (100 Cv) 170 114 13.2 175 20
1.0 EcoBoost 125 CV dal 2013 Benzina 999 92 Kw (125 Cv) 170 114 11.2 189 20
1.4 90 CV dal debutto Benzina 1388 66 Kw (90 Cv) 125 139 13.8 171 15.8
1.6 105 CV dal debutto Benzina 1596 77 Kw (105 Cv) 150 149 12.1 180 15
1.5 TDCi 75 CV dal 2013 Diesel 1498 55 Kw (75 Cv) 185 109 16.5 157 23
1.5 TDCi 95 CV dal 2015 Diesel 1498 70 Kw (95 Cv) 215 103 13.9 173 23
1.6 TDCi 95 Cv dal debutto al 2015 Diesel 1560 70 Kw (95 Cv) 215 104 13.9 173 23
1.4 90 CV GPL dal 2013 Benzina/GPL 1388 66 Kw (90 Cv) 125 142 13.8 171 15.8

[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili