Fernando Corena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fernando Corena, nato Fernando Korena (Ginevra, 22 dicembre 1916Lugano, 26 novembre 1984), è stato un basso svizzero, specializzato nei ruoli di carattere buffo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da madre italiana e padre turco, iniziò gli sudi teologici a Friburgo con l'intenzione di diventare prete, ma successivamente, dopo aver vinto un concorso, decise di coltivare la passione per il canto. Studiò dapprima nella città natale per due anni (1937-38); notato poi da Vittorio Gui, si recò a Milano, dove seguì gli insegnamenti di Enrico Romani.

Durante la guerra cantò per la radio svizzera, mentre il debutto ufficiale avvenne nel 1947 a Trieste come Varlaam nel Boris Godunov. Nel 1948 cantò al Maggio Musicale Fiorentino. Nel 1949 debuttò alla Scala nella prima rappresentazione de Il Cordovano di Goffredo Petrassi e partecipò l'anno successivo alla prima de L'allegra brigata di Gian Francesco Malipiero.

Grazie anche alle spiccate doti di recitazione, si rivolse presto, in modo pressoché esclusivo, al repertorio buffo, apparendo nei principali teatri italiani ed europei (Vienna, Salisburgo, Londra, Parigi) in opere di Mozart (Don Giovanni, Le nozze di Figaro, Così fan tutte), Rossini (Il barbiere di Siviglia, L'italiana in Algeri, La Cenerentola), Donizetti (Don Pasquale, L'elisir d'amore), oltre che in Gianni Schicchi, Falstaff, La forza del destino (Melitone).

Nel 1954, nel ruolo di Leporello in Don Giovanni, uno dei preferiti, debuttò al Metropolitan Opera accanto a Cesare Siepi, con il quale fece coppia di frequente, oltre che in Don Giovanni, come Don Bartolo nel Barbiere di Siviglia di Rossini. Al Metropolitan, che divenne il suo teatro di elezione, fu presente regolarmente fino al 1978, prendendo parte a 723 rappresentazioni. Cantò anche a Chicago, San Francisco, Buenos Aires.

Scomparve a quattro settimane dal sessantottesimo compleanno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alain Pâris: Le dictionnaire des interprètes, Robert Laffont (1989)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN51874826 · LCCN: (ENn81026542 · ISNI: (EN0000 0001 1026 7858 · GND: (DE128697695 · BNF: (FRcb13892746j (data)