Ferie d'agosto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferie d'agosto
Feriedagosto.png
Una scena del film
Titolo originaleFerie d'agosto
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1996
Durata110 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, drammatico
RegiaPaolo Virzì
SoggettoPaolo Virzì
SceneggiaturaPaolo Virzì, Francesco Bruni
ProduttoreVittorio Cecchi Gori, Rita Rusić
FotografiaPaolo Carnera
MontaggioCecilia Zanuso
MusicheBattista Lena
ScenografiaSonia Peng
CostumiClaudio Cordaro
Interpreti e personaggi

Ferie d'agosto è un film commedia del 1996 diretto da Paolo Virzì.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella piccola isola di Ventotene due gruppi di persone trascorrono le vacanze in due case contigue. Un gruppo fa capo al giornalista Sandro Molino e alla sua compagna Cecilia Sarcoli. L'altro gruppo fa capo a Ruggero Mazzalupi, facoltoso proprietario di negozi, tipico rappresentante del "generone" romano. Del primo gruppo fanno parte: una bambina, Martina, figlia di lei e di Mauro, l'attore Mauro (ex di Cecilia), l'amica di lui Francesca (a suo tempo fidanzata di Sandro), Betta e Graziella (conoscenti di Cecilia), Ivan, figlio di Betta, ed infine Roberto, che vaga dall'Africa a Cuba ed altri lidi, con incarichi (a suo dire) ufficiali.

Del secondo, oltre a Ruggero, fanno parte la di lui moglie Luciana, la figlia Sabrina, la cognata Marisa (di cui Ruggero è da sempre innamorato), donna provocante e bella, accasata con Marcello, un ex cantante di night ora gestore di una profumeria e debitore con Ruggero di 50 milioni di lire. Sfortunatamente un extracomunitario viene ferito a causa di un proiettile sparato per uno stupido scherzo da Ruggero, che viene chiamato a risponderne ai Carabinieri. Ammettendo di aver fatto una rischiosa cattiva azione e nell'intento di farsi perdonare dagli adirati vicini, Ruggero promuove una specie di assemblea notturna: l'occasione dà luogo ad accuse e interventi su piani differenti, ivi compresi quelli politici.

Fra accuse e difese, ma in sostanza nel generale e confuso disorientamento, tutto si dipana in una congerie di argomentazioni presto appiattite ed inerti. Sotto le stelle, sembra che ciascuno abbia ceduto, più che a motivazioni e vampate di ordine politico, ai sentimenti e alle vicende personali. Al termine della vacanza estiva Cecilia confessa a Sandro che da otto settimane è incinta di lui: l'uomo ne è felice ed assicura alla donna che amerà il nascituro come ama Martina. Roberto, dopo una notte di passione clandestina con Marisa, se ne va in Africa e gli altri tornano a casa. L'unica che resta sul molo e che in lacrime, ma speranzosa, grida "ti amo" è Sabrina che si è innamorata, non ricambiata, di Ivan.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Le riprese furono effettuate nell'estate 1995, ricordata per il tempo ed il clima tipicamente autunnale, mettendo a dura prova cast e troupe, soprattutto per la scena del bagno serale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema