Erich Przywara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Erich Przywara (Katowice, 12 ottobre 1889Murnau am Staffelsee, 28 settembre 1972) è stato un teologo e filosofo polacco. Diventò gesuita nel 1908. Dopo studi specialistici, fu redattore della rivista Stimmen der Zeit, attraverso cui diffuse il suo pensiero teologico che influenzò molto Hans Urs von Balthasar.[1]

Al centro del suo pensiero è il concetto di analogia entis, che indica il rapporto doppio di trascendenza/immanenza tra Dio e le sue creature, pur nell'obiettiva difficoltà dell'uomo di comprendere questa "Trascendente immanenza" divina, accessibile solo attraverso l'intervento della grazia.[2]

Opere in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • L'uomo. Antropologia tipologica, Milano, Fabbri, 1968.
  • Umiltà, pazienza e amore. Meditazioni teologiche, Brescia, Queriniana, 1968.
  • La liturgia della Chiesa. La tensione cristiana verso l'unità, Milano, Jaca Book, 1972.
  • Analogia Entis - metafisica. La struttura originaria e il ritmo cosmico, Milano, Vita e Pensiero, 1995. ISBN 88-343-0368-7; ISBN 978-88-343-0368-9. Anteprima limitata su books.google.it
  • Agostino inForma l'Occidente, Milano, Jaca Book, 2007. ISBN 88-16-40770-0; ISBN 978-88-16-40770-1. Anteprima limitata su books.google.it
  • L'idea d'Europa. La "crisi" di ogni politica "cristiana", Trapani, Il pozzo di Giacobbe, 2013. Introduzione, traduzione e note a cura di F. Mandreoli e J. L. Narvaja
  • Che "cosa" è Dio? : eccesso e paradosso dell'amore di Dio: una teologia, Trapani, Il pozzo di Giacobbe, 2017. introduzione, traduzione e note di F. Mandreoli e M. Zanardi in collaborazione con S. Bertocchi, M. Köhler, F. Todesco ; postfazione di J.L. Narvaja.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cf. Battista Mondin, Storia della Teologia. Vol. 4, Bologna, ESD, 1997. ISBN 88-7094-248-1; ISBN 978-88-7094-248-4. Anteprima limitata su books.google.it.
  2. ^ Ibidem.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27084101 · ISNI (EN0000 0001 0881 551X · LCCN (ENn82118501 · GND (DE118742116 · BNF (FRcb12045686p (data) · BAV (EN495/237378 · WorldCat Identities (ENlccn-n82118501