Ellen Albertini Dow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ellen Albertini Dow (pseudonimo di Elena Albertini; Mount Carmel, 16 novembre 1913Los Angeles, 4 maggio 2015) è stata un'attrice e ballerina statunitense caratterista di cinema, televisione ma soprattutto teatro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in Pennsylvania, più piccola di sette figli di due immigrati di origine italiana, studia pianoforte e danza dall'età di cinque anni. Diplomata alla Cornell University, si trasferisce a New York dove continua a studiare danza con le leggendarie ballerine Hanya Holm e Martha Graham. Parallelamente si interessa alla recitazione, seguendo i corsi di recitazione dell'emerito professore ed attore Michael Shurtleff e della diva del cinema muto Uta Hagen.

Molto giovane comincia a lavorare a Broadway come ballerina, attrice, cantante e coreografa. Proprio qui conosce il marito, l'attore ed insegnante Eugene Dow, da cui prende il cognome, e con cui rimane indissolubilmente legata per cinquantatré anni, sino alla morte di lui, avvenuta nel 2004. Divenuta una delle migliori insegnanti di danza e recitazione del mondo, si ritira dall'insegnamento nel 1985, dando inizio alla sua fortunata carriera nel cinema e nella televisione.

Appare in numerosi film di successo, come Sister Act - Una svitata in abito da suora (1992), di Emile Ardolino, Sister Act 2 - Più svitata che mai (1993), di Bill Duke, Patch Adams (1998), di Tom Shadyac e 2 single a nozze - Wedding Crashers (2005), di David Dobkin. Ritiratasi in un lussuosissimo attico di Los Angeles, continua la sua attività di attrice in una moltitudine di lavori televisivi e cinematografici fino alla morte, avvenuta nel 2015 all'età di 101 anni[1].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ellen Albertini Dow Dies: ‘Wedding Singer’s’ Rapping Granny Was 101 (en) Deadline.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24219090 · LCCN: (ENno98079093