Davide Marengo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Davide Marengo (Napoli, 1972) è un regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Napoli, è cresciuto e ha studiato a Roma dove ha iniziato giovanissimo come fotografo per poi prendere la strada della regia. Negli anni ha diretto backstage di film, cortometraggi, videoclip musicali, spot, film documentari, film per il cinema e serie tv.

Nel 2005 gira Craj, il film documentario sulla musica popolare pugliese, tratto dall'omonimo spettacolo-concerto di Teresa De Sio con Giovanni Lindo Ferretti, Matteo Salvatore, i Cantori di Carpino e Uccio Aloisi, presentato al Festival di Venezia 2005 nella sezione "Giornate degli Autori", vincendo allo stesso festival il premio "Lino Micciché" Miglior opera prima.

Nel 2007 ha diretto, in co-regia con Dario Baldi, il rockumentary "Dall'altra parte della luna", un lungometraggio musicale sulla lavorazione dell'album "la finestra" dei Negramaro, ambientato tra San Francisco, la Sicilia e il Salento. Il lavoro è stato presentato al Festival del Cinema di Venezia 2007 nella sezione "Orizzonti".

Per il cinema ha realizzato nel 2007 Notturno bus, il suo esordio nel cinema di finzione, accolto positivamente da pubblico e critica,[1] interpretato da Giovanna Mezzogiorno, Valerio Mastandrea ed Ennio Fantastichini. Notturno bus è una commedia noir ambientata a Roma. Nel 2010, fatto insolito per il cinema italiano, il film è uscito in Cina nelle sale cinematografiche, doppiato in cinese.[2]

All'inizio del 2009 è andata in onda su Rai 1 la sua prima serie televisiva Il commissario Manara, 12 episodi interpretati da Guido Caprino. La serie è tra le fiction italiane più vendute all'estero.

Nel 2009 ha girato due film tv per la serie Crimini per Rai 2: Little dream, tratto dall'omonimo racconto di Massimo Carlotto (premiato al Festival della fiction di Roma 2010) e Neve sporca tratto dall'omonimo racconto di Giancarlo De Cataldo presentato al Courmayeur Noir film festival 2010.

Come fotografo nel maggio del 2009 ha realizzato un reportage per il Magazine del Corriere della sera "Viaggio al centro della crisi americana" scritto da Beppe Severgnini.[3]

Nel 2011 ha girato il film per il cinema "The lithium conspiracy" (conosciuto anche come "Breve storia di lunghi tradimenti") tratto dall'omonimo romanzo di Tullio Avoledo. Il film è un bank thriller sullo sfruttamento illegale delle risorse energetiche del pianeta, girato tra l'Italia, l'Inghilterra e il Sud America, con Guido Caprino, Carolina Crescentini, Maya Sansa, Philippe Leroy prodotto da Emme e Rai Cinema. Presentato in anteprima al Courmayeur Noir film festival 2012 e all'Italian Film Festival in Australia nel 2013.

Sempre nel 2011 ha diretto la terza stagione di Boris, intitolata Boris 3, la situation comedy satirica programmata su Fx dal 1º marzo 2010 ambientata nel backstage di una improbabile serie televisiva: "Medical dimension". Per la regia televisiva di questa serie ha ricevuto il Premio Flaiano 2011.

Nel 2012 ha girato la campagna pubblicitaria di Breil "The cut" con Laura Chiatti e Nicolas Vaporidis testimonial.[4]

Nel 2013 dirige il film per il cinema Un fidanzato per mia moglie. Prodotto da ITC Movie e Rai Cinema e distribuito da 01 Distribution, è una commedia romantica interpretata da Paolo Kessisoglu, Luca Bizzarri, Geppi Cucciari, Dino Abbrescia, Ale e Franz. È la storia di una crisi di coppia in cui l'uomo tenta maldestramente di risolvere la crisi assoldando un playboy poco affidabile per aiutarlo a lasciare la moglie.

Nel 2014 dirige il videoclip L'amore non esiste del super gruppo composto da Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Max Gazzè.

Nel 2016 gira la serie tv Sirene prodotta da Cross Productions per Rai Uno, ideata da Ivan Cotroneo e scritta con Monica Rametta e programmata per il 2017. È la storia di una famiglia di sirene in cerca di un tritone scappato dal mondo marino e rifugiatosi a Napoli. Tra i protagonisti Luca Argentero, Valentina Bellè, Mariapia Calzone, Ornella Muti, Denise Tantucci, Michele Morrone, Massimiliano Gallo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]