Chiesa cattolica in Ghana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa cattolica in Ghana
Emblem of the Holy See usual.svg
Navrongo Cathedral outside 01.JPG
La basilica della Madonna dei Sette Dolori, cattedrale della diocesi di Navrongo-Bolgatanga
Anno2009
Cattolici2 milioni
Popolazione21 milioni
Presidente della
Conferenza episcopale
Philip Naameh
Nunzio apostolicovacante

La Chiesa cattolica in Ghana è parte della Chiesa cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il cattolicesimo in Ghana giunge già alla fine del XV secolo ad opera di missionari portoghesi, ma è solo verso il 1572 che gli agostiniani inaugurano una missione organizzata. Gli sforzi cattolici di evangelizzare quelle terre sono vanificati nel corso del XVII secolo dalla proibizione del cattolicesimo imposto dai calvinisti olandesi. Durante il XIX secolo riprende la missione cattolica e nel 1879 viene eretta la prefettura apostolica della Costa d'Oro, che nel 1901 diventa vicariato apostolico. Con l'indipendenza del 1957 inizia anche l'organizzazione ecclesiastica del territorio. Nel 1980 papa Giovanni Paolo II ha fatto la visita pastorale in Ghana. Nel 2003 viene creato il primo cardinale ghanese, monsignor Peter Turkson.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa cattolica è presente sul territorio con 4 sedi metropolitane, 15 diocesi suffraganee ed 1 vicariato apostolico:

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2004 la Chiesa cattolica in Ghana contava:

  • 351 parrocchie;
  • 603 preti;
  • 821 suore religiose;
  • 3.887 istituti scolastici;
  • 390 istituti di beneficenza.

La popolazione cattolica ammontava a 2.527.572 cristiani, pari al 12,85% della popolazione.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 maggio 1960, in forza del breve Decet Nos di papa Giovanni XXIII, la delegazione apostolica di Dakar assume il nuovo nome di delegazione apostolica dell'Africa Occidentale, con giurisdizione sui seguenti stati africani: Ghana, Senegal, Alto Volta, Costa d'Avorio, Dahomey, Guinea, Mauritania, Niger, Sudan, Togo, Gambia e Sierra Leone.

Il 28 marzo 1965, in forza del breve Supremi Pontificatus di papa Paolo VI, i Paesi del Ghana e della Sierra Leone furono sottratti alla giurisdizione della delegazione apostolica dell'Africa Occidentale ed uniti alla delegazione apostolica dell'Africa Centro-Occidentale.

Il 10 ottobre 1973, con il breve apostolico Verba Christi del medesimo papa Paolo VI, è eretta la delegazione apostolica di Nigeria e Ghana. Sede della delegazione apostolica è la città di Lagos.

Il 14 giugno 1976, con l'instaurazione di rapporti diplomatici tra la Santa Sede e il Ghana, nasce la Nunziatura apostolica del Ghana in forza del breve apostolico Qui mentem di papa Paolo VI.

Delegato apostolico[modifica | modifica wikitesto]

Pro-nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Conferenza episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei Presidenti della Conferenza dei vescovi del Ghana:

Elenco dei Vicepresidenti della Conferenza dei vescovi del Ghana:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida delle missioni cattoliche 2005, a cura della Congregatio pro gentium evangelizatione, Roma, Urbaniana University Press, 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]