Chiesa cattolica in Senegal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Senegal
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno 2009
Cattolici 700 mila
Popolazione 10 milioni
Nunzio apostolico Michael Wallace Banach
Codice SN
La cattedrale di Dakar

La Chiesa cattolica in Senegal è parte della Chiesa cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima evangelizzazione del Senegal inizia già nel XV secolo ad opera di alcuni sacerdoti portoghesi. Solo nel 1841 è l'erezione del vicariato apostolico delle Due Guinee (oggi arcidiocesi di Brazzaville) da cui dipende anche il Senegal. Nel 1862 nasce il vicariato apostolico di Senegambia. Nel 1992 papa Giovanni Paolo II compie la visita pastorale alla Chiesa cattolica del Senegal.

Organizzazione territoriale[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa cattolica è presente sul territorio con 1 sede metropolitana ed 6 diocesi suffraganee:

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2004 la Chiesa cattolica in Senegal contava:

  • 118 parrocchie;
  • 382 preti;
  • 694 suore religiose;
  • 287 istituti scolastici;
  • 356 istituti di beneficenza.

La popolazione cattolica ammontava a 535.244 cristiani, pari al 5,27% della popolazione.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La delegazione apostolica di Dakar, con giurisdizione su tutte le colonie francesi dell'Africa continentale ed insulare (ad eccezione delle regioni del Nordafrica), fu istituita il 22 settembre 1948 con il breve Expedit et Romanorum Pontificum di papa Pio XII.

Il 3 maggio 1960, in forza del breve Decet Nos di papa Giovanni XXIII, la delegazione apostolica di Dakar assunse il nome di delegazione apostolica dell'Africa Occidentale, con giurisdizione sui seguenti stati africani: Senegal, Alto Volta, Costa d'Avorio, Dahomey, Guinea, Mauritania, Niger, Sudan, Togo, Ghana, Gambia e Sierra Leone.

Il 27 novembre 1961 assunse il nome di internunziatura apostolica del Senegal in forza del breve Quantum utilitatis dello stesso papa Giovanni XXIII.

Il 14 marzo 1966 l'internunziatura fu elevata al rango di nunziatura apostolica con il breve Quo firmiores di papa Paolo VI.

Il nunzio del Senegal, la cui sede è a Dakar, è al contempo nunzio apostolico di Capo Verde e Guinea-Bissau, e delegato apostolico per la Mauritania.

Delegati apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Internunzio apostolico[modifica | modifica wikitesto]

Pro-nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Conferenza episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il Senegal non ha una Conferenza episcopale propria, ma l'episcopato senegalese è parte della Conferenza dei Vescovi del Senegal, della Mauritania, di Capo Verde e di Guinea-Bissau (Conférence des Evêques du Sénégal, de la Mauritanie, du Cap-Vert et de Guinée-Bissau).

Essa è membro della Conférence Episcopale Régionale de l'Afrique de l'Ouest Francophone (CERAO) e del Symposium of Episcopal Conferences of Africa and Madagascar (SECAM).

Elenco dei Presidenti della Conferenza episcopale:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida delle missioni cattoliche 2005, a cura della Congregatio pro gentium evangelizatione, Roma, Urbaniana University Press, 2005

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]